logo
Galleria: Doria Manfredi, la cameriera di Puccini che si suicidò per l’errore della moglie

Doria Manfredi, la cameriera di Puccini che si suicidò per l’errore della moglie

Doria Manfredi, la cameriera di Puccini che si suicidò per l'errore della moglie
Foto 1 di 10
x

Si chiamava Doria Manfredi e la sua storia potrebbe essere raccontata in una tragedia. Proprio come in una delle opere che scriveva Giacomo Puccini, grandissimo compositore italiano e protagonista della stessa trama nera. Nemmeno lui avrebbe osato immaginare tanto.

Lei, giovanissima cameriera a Torre del Lago, nella villa toscana dell’autore della Tosca e della Turandot, aveva solo sedici anni quando Elvira Puccini, moglie dell’operista, la accusò di avere una storia con suo marito. Finì male, anzi, malissimo: nel 1909 Doria si uccise con del veleno e l’autopsia stabilì che era ancora illibata, come racconta un articolo di Repubblica.

"Perché Luigi Tenco non si suicidò": le ragioni di chi non crede nel suicidio

"Perché Luigi Tenco non si suicidò": le ragioni di chi non crede nel suicidio

L’operista, la moglie gelosa, la cameriera: tanti personaggi, eppure il quadro della tragedia non è completo. A complicare tutto c’era anche la cugina di Doria, Giulia Manfredi, che secondo alcune testimonianze potrebbe essere stata la vera amante di Puccini, oltre che madre di un figlio illegittimo.

Sfogliate la gallery per leggere la storia di Doria Manfredi…