Joaquin Phoenix e Rooney Mara, una delle coppie più solide ma anche più discrete di Hollywood, sono diventati genitori. Ma niente annunci social, perché i due, proprio in nome di quella riservatezza che li contraddistingue, non hanno account propri, ma solo fan page, ed è appunto da lì che la notizia della nascita del primogenito dei due attori si diffonde.

È un maschio, e il nome scelto dall’interprete di Joker e dalla compagna tocca davvero il cuore: il piccolo Phoenix si chiama infatti River, proprio come quel fratello maggiore che Joaquin perse tragicamente nel 1993.

Per anni Joaquin è rimasto sempre all’ombra, quasi volontariamente. Tanti ruoli intensi, tanti film impegnati, eppure per molti lui era sempre e solo il fratello minore di River Phoenix.

Gli ci è voluta una lunga gavetta, tanti film e la consacrazione definitiva con Joker, con cui ha trionfato ai Golden Globe, ai BAFTA e agli Oscar, affinché il mondo si accorgesse del suo talento e di quanto sia bravo nella recitazione.

Il dramma del corpo (e della mente) di Rita Hayworth: una condanna all'infelicità

Eppure, a Joaquin “l’ombra” del fratello non è mai pesata, anzi; quello della sua morte è un dolore che l’attore ha sempre affrontato privatamente, con una piccola eccezione, come racconta Variety, sul palco dei TIFF Tribute Actor Award a Toronto, nel settembe del 2019, dove ha ricordato River, promettente attore con alle spalle pellicole come Stand by me e Belli e Dannati, morto per overdose la notte tra il 30 e il 31 ottobre del 1993.

Quando avevo quindici o sedici anni, mio fratello River venne a casa dal lavoro. Aveva il VHS di un film chiamato Toro scatenato. Lo vedemmo insieme. Il mattino dopo me lo fece rivedere. “Devi ricominciare a recitare, devi fare così”. Non me lo chiese, me lo disse. Sono in debito con lui perché questo mestiere mi ha regalato una vita meravigliosa.

Quella drammatica sera c’era Joaquin Phoenix, mentre River moriva tra le sue braccia al party di Halloween organizzato al celebre Viper Room di Los Angeles. E poi c’erano la sorella Rain Phoenix, la fidanzata di River Samantha Mathis e molti altri amici, tra cui anche Leonardo DiCaprio.

River avrebbe dovuto suonare sul palco con Flea e John Frusciante dei Red Hot Chili Peppers e Johnny Depp, ma dopo aver assunto alcol, marijuana, cocaina ed eroina, iniziò a stare male. Joaquin e Rain provarono a rianimarlo, ma quando l’ambulanza finalmente giunse al club, non c’era più nulla da fare.

Joaquin non ha ovviamente mai dimenticato quella sera né gli insegnamenti e gli stimoli dati da suo fratello, e adesso, con la nascita del suo primo bambino, è come se un cerchio si fosse chiuso, nella maniera più toccante possibile.

Joaquin Phoenix diventa papà e omaggia il fratello River, morto tra le sue braccia
Fonte: web
Foto 1 di 10
Ingrandisci

Articolo originale pubblicato il 25 Ottobre 2019