Qual è il cognome di Barbie e altre 11 cose che non sai della bambola iconica | Roba da Donne

Qual è il cognome di Barbie e altre 11 cose che non sai della bambola iconica

Qual è il cognome di Barbie e altre 11 cose che non sai della bambola iconica
Fonte: web
Foto 1 di 12
Ingrandisci

Ne ha fatta davvero tanta di strada Barbie, da quel 9 marzo del 1959 in cui Ruth Andler le diede vita, ispirandosi ai giochi della figlia Barbara che amava vestire le sue bambole e far loro interpretare ruoli da adulti.

Già, perché fino a quel momento le bambole rappresentavano tutt’al più neonati con cui le bambine potevano proiettarsi fin da piccole nel mondo della maternità, seguendo ovviamente il tipo di educazione e di società dal forte stampo patriarcale allora in vigore; nessuna, invece, che le portasse a immaginarsi medico, astronauta o sportiva.

Per questo Barbie rappresentò una svolta tanto importante nel settore dei toys, così tanto da diventare, a tutt’oggi, la bambola più venduta in tutto il mondo: le stime parlano di oltre un miliardo di Barbie vendute in almeno 150 nazioni, mentre la casa produttrice Mattel afferma di vendere qualcosa come tre Barbie al secondo.

La grande capacità di Barbie, e ovviamente di Mattel, è stata quella di adattarsi ai tempi, e spesso persino anticiparli: tanto che la bionda bambola, nel tempo, ha cambiato aspetto, passando dal vitino di vespa dei primi tempi ad altre fisicità, più rispondenti a canoni reali, ne sono state fatte versioni nere, orientali, e, sempre a tema inclusività, ne esistono versioni sulla sedia a rotelle.

"Perché ho pianto quando ho visto una Barbie in sedia a rotelle"

L’obiettivo di Barbie è da sempre quello, dichiarato, di coinvolgere ogni genere di bambina e, perché no, bambino, portando i più piccoli a immaginarsi per ciò che vorrebbero davvero essere da grandi, seguendo le proprie ispirazioni, e senza costringerli in ruoli imposti culturalmente. Per questo Barbie è stata, negli anni, ballerina, maestra, ma anche veterinaria, pilota, e, più recentemente, astronauta, con la versione dedicata a Samantha Cristoforetti.

L’idea di fondo alla base di Barbie, a dispetto di quanto si potrebbe pensare, mira pienamente all’empowerment femminile; altro che bambola bionda, bella e stupida, la nostra Barbie si è ispirata, nel tempo, alle donne più importanti, coraggiose e determinate della storia, dando alle bambine l’opportunità di conoscerle.

La Barbie diventa Frida e 16 altre grandi donne, tra cui un'italiana

Ci sono però sicuramente alcune cose che non sappiamo della nostra beniamina; ad esempio, il suo cognome. Eppure Barbie, casomai pensaste il contrario, ne ha uno, che è stato reso noto in tempi recenti sulla pagina Twitter ufficiale della bambola. Siete curiose di scoprire questa e altre notizie su di lei? Allora non dovete fare altro che sfogliare la gallery.