'Quel 'Tua mamma è più bella di te' mi ha segnato': lo sfogo di Aurora Ramazzotti - Roba da Donne

"Quel 'Tua mamma è più bella di te' mi ha segnato": lo sfogo di Aurora Ramazzotti

"Quel 'Tua mamma è più bella di te' mi ha segnato": lo sfogo di Aurora Ramazzotti
Fonte: instagram @therealauroragram
Foto 1 di 10
Ingrandisci

Aurora Ramazzotti nella sua vita si è sentita dire molte cose, da “raccomandata” fino a “tua madre è più bella di te”, segno che anche i “figli di” non sono immuni da bullismo o bodyshaming, anzi spesso ne sono vittime più di chi non vanta genitori celebri.

Della seconda affermazione in particolare, e di quanto abbia dovuto farne i conti durante l’adolescenza, Aurora ha parlato a Ogni Mattina, trasmissione di Tv8 di cui è anche inviata.

Ho vissuto periodi di forte acne, l’ho ancora adesso, ma ho avuto anche problemi di peso, di confronto, come dice la definizione di bodyshaming, soprattutto con l’imposizione della nostra società, di come uno deve essere secondo le persone. Io mi ricordo una copertina, quando avevo 14 anni, in cui scrivevano che era più bella mia madre di me, era più in forma mia madre di me, io avevo appena 14 anni compiuti, questo ha segnato la mia adolescenza, la mia crescita, il modo in cui adesso io mi rapporto al mio fisico… Avrò per sempre dei problemi sotto questo aspetto, sarò sempre un po’ in difficoltà, però combatterò sempre per amarmi, il percorso è lungo ma la devi trovare dentro di te, non devi cercare negli altri la forza per amarti, perché lì non la troverai.

E in effetti la primogenita di Michelle Hunziker ed Eros Ramazzotti sembra davvero portare avanti con impegno questa mission, come dimostra anche l’immagine pubblicata di recente sul suo Instagram, dove si mostra con le imperfezioni della pelle del viso dovute all’acne.

Le parole di Aurora Ramazzotti e Paola Turani: il coraggio di quelle foto “vere”

Quella dei “figli di” è una questione che fa sempre irritare, perché vedersi passare davanti il raccomandato di turno, che magari non ha il nostro stesso talento, talvolta nemmeno le nostre stesse qualifiche professionali, di certo non fa piacere. E sì, le raccomandazioni esistono anche nel mondo dello spettacolo, nel corso degli anni abbiamo visto più d’uno, fra i figli o i parenti dei vip, tentare di emergere nello stesso universo dorato dello showbiz inseguendo le orme dei genitori o dei familiari, passando però dalla corsia privilegiata, ma visto che, dopo tutto, una certa “giustizia divina” esiste, i meno capaci sono ripiombati nell’anonimato dopo poco.

Aurora, invece, pian piano si è fatta strada, nonostante le critiche, forte di una consapevolezza delle proprie capacità che evidentemente va al di là delle radici familiari o dei cognomi importanti; prima lanciata come inviata nel daily di X Factor, poi addirittura in prima serata su Canale 5, proprio al fianco di mamma Michelle, nella riproposizione di Scommettiamo che?, ovvero Vuoi scommettere? Aurora non ha ascoltato chi, laconicamente, riassumeva la sua vita in un “Facile così”. Lasciando intendere che, con un cognome del genere e con una famiglia simile, la strada per il successo, per lei, fosse decisamente meno ripida che per molti altri.

Anzi, non ha mai nascosto di essere una privilegiata, tanto che in un’intervista concessa al settimanale Gente ha dichiarato:

Mi criticano, ma essere nata in questa famiglia è un vantaggio. Non mi toccano questi commenti. Anche alle persone che non hanno la mia visibilità capita di vivere situazioni di critiche simili sui social network e io stessa, ancor prima di Instagram, venivo giudicata per i miei privilegi. Ma io lo dico sempre: il fatto di essere nata in questa famiglia è un vantaggio. Dunque, accetto chi me lo ricorda, e anzi lavoro per far cambiare idea alle persone. Ma non si può piacere a tutti.

Peraltro, di quella stessa famiglia Aurora ha raccontato i particolari più privati, ospite del programma di Radio 2 I Lunatici, definendo mamma Michelle, con cui ha uno splendido rapporto, la “generale” e papà Eros il “poliziotto buono”.

Mia madre è sempre stata un generale svizzero. Adesso la ironizziamo molto la cosa, ma mi ha dato un buon indirizzo. Molto spesso ho rischiato di prendere delle strade che mi avrebbero portato a perdermi, ma lei mi ha salvato dandomi un calcio nel sedere.

Del resto, la stessa Michelle aveva rivelato a Oggi, nel 2018, di aver vissuto giorni turbolenti con Aurora, come quando ha ricevuto una telefonata in cui le si diceva che la figlia aveva avuto un malore: “Auri si era sentita male e aveva perso i sensi a causa dell’alcol”.

Come rispondere alla domanda “Aurora Ramazzotti è raccomandata?” Sicuramente ha avuto una corsia preferenziale, questo lo ammette lei stessa, in maniera molto obiettiva e intelligente. E probabilmente lei stessa sarà consapevole che, in Italia, ci sono ragazze altrettanto brave, se non di più, che ogni giorno sgomitano per prendersi quello spazietto in tv che lei invece ha avuto senza troppe difficoltà.

Moltissimi figli di personaggi famosi stanno cercando di costruirsi una carriera in mondi diversi da quelli dei genitori, da Teresa, figlia di Jovanotti, ad Angelica Gori, figlia di Cristina Parodi, fino a Leo Gassmann, figlio di Alessandro e nipote di Vittorio, che si è messo in gioco nel talent X Factor e poi ha vinto la categoria Giovani a Sanremo, nel 2020.

Angelica Gori, la figlia di Cristina Parodi che sta ammaliando con la sua chitarra

Ad Aurora, invece, piace lo stesso mondo della mamma, e come da lei ammesso, ha avuto il privilegio di poterlo già provare. Chiaro che, se decidi di sfruttare la raccomandazione, devi meritartela, altrimenti le critiche poi diventano giustificabili. Vedasi il “figlio d’arte” per eccellenza italiano, Alberto Angela, su cui nessuno oserebbe avanzare dubbi di raccomandazione, perché bravo e preparato almeno quanto il padre.

Deplorevoli sono, sicuramente, le offese e gli insulti sull’aspetto fisico, se vengono usati per sottolineare il paragone con la madre e partoriscono frasi come “È meno bella di Michelle”. Posto il fatto che la bellezza attenga sempre a un giudizio soggettivo e sia del tutto opinabile, non pare davvero normale criticare una ragazza da un punto di vista puramente estetico.

Dunque, come recita un famoso aforisma, il tempo è galantuomo; solo quello, quindi, ci servirà per capire se Aurora merita quel posto nel mondo dello spettacolo guadagnato anche grazie al privilegio del suo cognome, o se verrà rispedita nel limbo affollato dei “figli e parenti di” che una volta ci hanno tentato. Nel frattempo, non commentare con insulti e denigrazioni sarebbe sempre meglio.

In gallery abbiamo ripercorso le esperienze lavorative affrontate finora da Aurora.

Articolo originale pubblicato il 3 Dicembre 2019