Sarà una Mostra del Cinema di Venezia con una forte impronta femminile, quella che si aprirà al Lido il 2 settembre, per terminare dieci giorni più tardi.

A cominciare dalla madrina, la brava Anna Foglietta, che raccoglierà così l’eredità di Alessandra Mastronardi, scelta nell’edizione 2019.

In generale quella del 2020 sarà un’edizione importante per la kermesse, che non è stata cancellata in maniera preventiva, come accaduto ad altre manifestazioni, durante la pandemia da Covid-19 e che, anzi, può rappresentare davvero un segnale forte di ripresa dopo i mesi di blocco totale e di timori per il futuro, come sottolineato dal direttore, Alberto Barbera: “Sarà un momento importante per tutti, il primo grande festival internazionale che può aver luogo dopo questi lunghi mesi di chiusura totale e fruizione attraverso lo streaming”.

L’impronta femminile, dicevamo: oltre a Foglietta, ci sarà una nutrita rappresentanza di donne soprattutto per quanto riguarda la selezione di pellicole scelte per prendere parte all’evento (55 in totale), come ha spiegato ancora Barbera, intervistato da Variety:

Sarete tutti sorpresi quest’anno. Abbiamo davvero molti film diretti da donne. Non perché abbiamo cambiato i nostri criteri di selezione… Ma perché abbiamo ricevuto molti film diretti da donne di grande qualità, migliori dei film dei loro colleghi maschi. Quindi la presenza femminile sarà estremamente importante e, in una certa misura, questo porrà fine alle polemiche degli anni passati

A “guidare” idealmente le tante donne di questa settantasettesima edizione dell’evento la protagonista di La mafia uccide solo d’estate, che aprirà la Mostra il 2 settembre, con il tradizionale discorso inaugurale sul palco della Sala Grande, al Palazzo del Cinema al Lido, e la chiuderà il 12 con gli annunci dei Leoni e degli altri premi. Se non conoscete Anna Foglietta, ecco qualche informazione su di lei:

Chi è Anna Foglietta

Romana, classe 1979, Anna Foglietta esordisce sul piccolo schermo nel 2005, interpretando l’agente scelto Anna De Luca nella serie di Rai3 La squadra, dove rimarrà fino al 2007. Da lì passa a un altro “distretto”, il Decimo Tuscolano di Distretto di polizia, dove ha il ruolo dell’ispettore Elena Argenti.

Il passo successivo è nel mondo del cinema, dove ottiene i maggiori successi.

Essere Isabella Ferrari, oltre la malattia
10

Anna Foglietta: i film

Fra le esperienze cinematografiche Anna vanta la partecipazione ai film 4-4-2 – Il gioco più bello del mondo, Se chiudi gli occhi e Solo un padre, ma anche Nessuno mi può giudicare, con Paola Cortellesi, per cui ha ricevuto una candidatura al David di Donatello e al Nastro d’argento.

Un’altra candidatura arriverà per Colpi di fulmine, ma fra i suoi successi Anna vanta anche Mai Stati Uniti e Tutta Colpa di Freud, Noi e la Giulia, Perfetti sconosciuti (per cui riceve, rispettivamente, seconda e terza nomination ai David). Nel 2016 è Nilde Iotti in una serie tv, mentre prossimamente sarà di nuovo al cinema, al fianco di Sergio Castellitto, ne Il talento del calabrone.

Anna Foglietta: vita privata e curiosità

Se volete scoprire qualcosa in più sulla vita privata di Anna Foglietta e alcune curiosità su di lei non vi resta che sfogliare la nostra gallery.

La bellissima normalità di Anna Foglietta, prossima madrina alla Mostra di Venezia
Fonte: instagram @foglietta.anna
Foto 1 di 9
Ingrandisci