logo
Galleria: Quell’amore da film (invece vero) tra Vanessa Redgrave e Franco Nero

Quell’amore da film (invece vero) tra Vanessa Redgrave e Franco Nero

Quell'amore da film (invece vero) tra Vanessa Redgrave e Franco Nero
Foto 1 di 10
x

Ci sono amori che hanno segnato la storia di Hollywood: tra questi c’è senza ombra di dubbio quello tra Vanessa Redgrave e Franco Nero. Il loro primo incontro avvenne sul set del film Camelot nel 1967 e non partì con il piede giusto, almeno secondo il racconto dell’attore, ricordato in un articolo del Telegraph. “Vidi questa donna con i jeans pieni di buchi, senza trucco, con gli occhiali. Chiesi al regista se fosse sicuro di aver fatto la scelta giusta”. Quando lei lo invitò a cena, però, le cose cambiarono. “Una donna bellissima aprì la porta e io le dissi che mi aveva invitato la signorina Vanessa Redgrave. E quella bellissima donna mi disse che era lei”.

Fu un grandissimo amore anche perché nulla sembrava legarli: lei veniva da una famiglia inglese molto in vista, già attiva a teatro e al cinema, mentre lui era un giovane italiano di provincia, figlio di un carabiniere e approdato quasi per caso al cinema. Una passione che travolse entrambi e che si consumò nel giro di pochi anni. Ma, come accade spesso sul grande schermo, il lieto fine era in agguato. Negli Anni Novanta, reduci da altre storie, si incontrarono nuovamente, per non lasciarsi più.

La nostra relazione è incredibile. Parliamo tutti i giorni, anche quando stiamo facendo cose diverse. E poi portiamo tutta la famiglia in Italia. La nostra è una famiglia grande e allargata. […] Mi piace la vita in campagna, coltivare e pescare, ma abbiamo anche una piscina, un campo da tennis, giochiamo a bocce e a carte. Ho insegnato a Vanessa a giocare a briscola. Mi deve dire cosa ha nel mazzo, facendo segnali veloci con la bocca.

Paul Newman, gli occhi più belli di Hollywood fedeli ad altri due occhi

Paul Newman, gli occhi più belli di Hollywood fedeli ad altri due occhi

Sfogliate la gallery per leggere la storia di Vanessa Redgrave e Franco Nero…