logo
Stai leggendo: Agosto, mese delle stelle cadenti: ecco le notti migliori per osservarle

Agosto, mese delle stelle cadenti: ecco le notti migliori per osservarle

Ci siamo, agosto, come si sa, è il mese delle stelle cadenti. Quando saranno visibili quest'anno? Segnatevi l'appuntamento!

La notte di San Lorenzo ha da sempre affascinato generazioni intere, incantate dalla bellezza delle stelle cadenti nel cielo e dalla possibilità, al loro passaggio, di esprimere ciascuno il proprio desiderio.

Nel tempo, non solo gli astronomi, ma anche i letterati e i filosofi hanno dedicato parole e pensieri a San Lorenzo; pensate che il poeta Giovanni Pascoli menziona proprio il santo (nonché le stelle cadenti) nella nota poesia X agosto, composta in memoria del padre:

San Lorenzo, io lo so perché tanto di stelle per l’aria tranquilla arde e cade […]

Ad attraversare il cielo in questa occasione sono le Perseidi, lo sciame meteorico più numeroso visibile (si parla di 100-120 meteore l’ora), comunemente chiamato  anche “Lacrime di San Lorenzo”. Nel XIX secolo, infatti, il massimo della sua frequenza avveniva proprio il giorno in cui viene ricordato il santo (ovvero il 10 agosto), arso vivo per difendere la sua fede.

Nell’immaginario collettivo, infatti, è appunto la notte del 10 agosto a essere considerata il momento più indicato per assistere a questo ammaliante fenomeno, ma sappiamo ormai che, spesso, lo sciame di stelle non “rispetta” il giorno, arrivando in anticipo oppure – più frequentemente – in ritardo.

Quand’è, dunque, che dovremo metterci con il naso all’insù alla ricerca della nostra stella cadente quest’anno?

La pioggia meteorica si manifesta in genere dalla fine di luglio fino oltre il 20 Agosto, alla media di circa un centinaio di scie luminose osservabili ogni ora; ma quest’anno il picco massimo di stelle cadenti visibili ad occhio nudo si avrà proprio nella notte tra il 10 e l’11 Agosto, perciò esattamente nel giorno in cui si festeggia San Lorenzo.

Dopo l’eclissi lunare di metà luglio, e l’incredibile vicinanza di Marte registrata il 31, il prossimo appuntamento astronomico è dunque quello con le mitiche stelle cadenti.

Anche se il fenomeno potrà essere già visibile intorno alla mezzanotte, il picco massimo si avrà nelle prime ore del mattino, e per non perdervelo potete seguire alcuni consigli: ad esempio, allontanarsi dai luoghi illuminati, dato che le fonti di luce artificiale potrebbero offuscare la visuale impedendo la visione; preferire la spiaggia o i prati, per avere una visuale perfetta di tutto il cielo notturno. Infine, il suggerimento più scontato ma, ahimé, necessario: armatevi di pazienza!

 

 

 

 

 

 

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...