Valentina Vladimirovna Tereškova: la prima donna nello spazio | Roba da Donne


Valentina nacque a Bol’šoe Maslennikovo, il 6 marzo 1937, figlia di un carrista caduto in durante la Seconda Guerra mondiale, ebbe un’infanzia molto difficile. Quando era giovane lavorava in una fabbrica di pneumatici, successivamente lavorò come sarta nella stessa impresa. Nel 1955 Valentina Tereškova sì appassionò al paracadutismo e cominciò a frequentare una scuola per aspiranti cosmonauti. Superato l’esame di assunzione nel 1962 iniziò l’addestramento per diventare una vera donna cosmonauta.

Il 16 giugno 1963 a bordo di Vostok 6, Valentina Tereškova venne lanciata dal cosmodromo di Bajkonur per una missione nello spazio durata tre giorni.Al ritorno, il 19 giugno, quando Valentina atterrò nelle vicinanze di Novosibirsk, venne accolta calorosamente e festeggiata dalla folla. Giorni dopo venne premiata a Mosca con il titolo da Pilota-cosmonauta dell’Unione Sovietica, un’alta onorificenza. Lo stesso anno a novembre Valentina sposa Andrijan Grigor’evič Nikolaev, un cosmonauta che partecipò alla missione Vostok 3, marito con cui avrà nel 1964 la figliaAlenka.

Successivamente Valentina frequentò l’accademia per ingegneri dell’aeronautica militare sovietica Žukovskij, e divenne parte nel 1966 dell’Alto Soviet dell’Unione Sovietica e nel 1968 diventò presidente del comitato donne dell’Unione Sovietica. Dal 1971 in poi fece parte del Comitato Centrale del Partito Comunista dell’Unione Sovietica e nel 1976 divenne vicepresidente della commissione per l’educazione, la scienza e la cultura dell’Unione Sovietica.

Nel 1982 divorziò da Nikolaev e si sposò una seconda volta con Jurij Šapošnikov del quale è vedova dal 1999.

Articolo originale pubblicato il 1 Luglio 2012

La discussione continua nel gruppo privato!