Dalla chat Telegram della Resistenza Femminista Russa contro la Guerra

Il live blog della chat Telegram del Movimento di Resistenza Femminista russo Contro la Guerra: la traduzione del Manifesto e dei post più significativi che raccontano gli arresti, l'8 Marzo delle donne russe, la censura, la drammatica testimonianza della poetessa russa Galina Rymbu e del figlio di 8 anni, le epurazioni dei dipendenti statali contro la guerra, la rivolta degli studenti russi, gli aiuti all'Ucraini considerati come tradimento alla Patria e, soprattutto, l'organizzazione delle Resistenza.

La chat Telegram si chiama Феминистское Антивоенное Сопротивление, che Google Translate traduce con Resistenza femminista contro la guerra. Nel campo bio la scritta Объединимся в борьбе за мир! | Uniamoci nella lotta per la pace! Seguono le indicazioni a un bot per le domande e alla coordinatrice, Ella Rossman, ricercatrice alla School of Slavonic & East European Studies di Londra, dove si occupa di Storia della Guerra Fredda e di uno studio sulle adolescenti sovietiche. In passato, Rossman ha preso parte a iniziative indipendenti russe relative all’istruzione e agli studi di genere, come la Free University Moscow e l’Anti University Moscow. Contatto lei, dopo aver letto su Jacobin Italia la traduzione del Manifesto femminista contro la resistenza alla guerra (ci arrivo grazie alla segnalazione in Instagram della femminista @Ms.Femme89), che si chiude con l’invito: “Tutte le informazioni aperte su come entrare a far parte della Resistenza Femminista Contro la Guerra, così come tutte le notizie del movimento, saranno pubblicate in questo canale. Iscriviti per rimanere aggiornato.” Ma la chat è in russo. Passo molto tempo a tradurla alla bell’e meglio con Google Translate e il supporto di un’attivista russa che mi segnala Rossman in un vocale in inglese. Alla domanda: Cosa può fare chi non è in Russia? Risponde: nella chat ci sono tutte le indicazioni. Poi ringrazia: “I gruppi femministi di tutto il mondo si stanno unendo alla lotta. Il Manifesto è stato tradotto in tantissime lingue e sta circolando”. Poi ribadisce la richiesta a tutte le femministe e tutti i femministi del mondo è:

Traducete, divulgate, supportateci, fatevi megafono, create vostre iniziative!

Propongono di agire “sotto un unico nome per rendere più visibile il movimento”; senza nessuna volontà di accentrare o monopolizzare la lotta. Anzi. È fondamentale che il movimento Resistenza femminista contro la guerra resti una “rete di cellule auto-organizzate”, così che “se anche il gruppo centrale sarà scoperto le singole cellule potranno continuare a operare al sicuro”. Qui alcuni estratti che, se il gruppo non verrà chiuso (ma nel caso ci sono già dei bot deputati alla riorganizzazione), cercherò di tenere aggiornati nei prossimi giorni. Prima del live blog, faccio precedere la premessa con i primi messaggi del Gruppo, le finalità e, appunto, il manifesto.

L’inizio e la premessa: i messaggi in chat del 25 febbraio 2022

Manifesto femminista contro la resistenza alla guerra

[03/10/22 14:23]

❗️Un progetto importante “Helping to leave” per chi lascia l’Ucraina a causa della guerra. Puoi tranquillamente consigliarlo ai tuoi amici e parenti in Ucraina: è fatto da persone che conosciamo, l’aiuto viene davvero fornita, centinaia di famiglie hanno già potuto evacuare accompagnate da questo progetto. Il link al sito contiene tutte le istruzioni. Se non vivi in ​​Ucraina, ma vuoi aiutare chi sta partendo, puoi anche scoprire cosa fare al link o nell’omonimo tg-channel. https://helpingtoleave.org/

[25/01/22 19:01]

Il 24 febbraio, verso le 5:30 ora di Mosca, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato una “operazione speciale” sul territorio dell’Ucraina per “denazificarla” e “demilitarizzarla”. Questa operazione è stata preparata da molto tempo: per diversi mesi le truppe russe si sono spostate al confine con l’Ucraina. Allo stesso tempo, la dirigenza del nostro Paese ha negato ogni possibilità di attacco. Come ora vediamo, era una bugia. La Russia ha dichiarato una nuova guerra al Paese vicino, che non lascia il diritto all’autodeterminazione e alla speranza di una vita pacifica. Non è la prima dichiarazione: siamo consapevoli che la guerra va avanti da tutti questi 8 anni su iniziativa della Federazione Russa e che la guerra nel Donbas è una conseguenza dell’annessione illegale della Crimea. Crediamo che la Russia e il suo presidente non siano e non siano mai stati preoccupati per il destino delle persone a Luhansk e nel Donetsk, e il riconoscimento delle repubbliche dopo 8 anni è stato necessario solo per invadere l’Ucraina con il pretesto di obiettivi di liberazione. Il femminismo come forza politica non può essere dalla parte della guerra, e soprattutto della guerra di occupazione. Il femminismo sostiene lo sviluppo della società, aiutando coloro che sono vulnerabili, moltiplicando opportunità e prospettive, oltre a garantire che ci sia meno violenza in giro e che le persone coesistano pacificamente tra loro. Guerra significa violenza, povertà, migrazione forzata, vite spezzate, insicurezza e scomparsa di un futuro. Si oppone a tutta l’essenza del movimento femminista. La guerra esacerba la disuguaglianza di genere e può far tornare indietro di molti anni tutte le conquiste in materia di diritti umani. La guerra porta con sé non solo violenza fisica, ma anche violenza sessuale: come mostra la storia, durante la guerra per ogni donna il rischio di essere violentata aumenta più volte. Per questi e molti altri motivi, le femministe russe e coloro che condividono i valori femministi devono prendere una posizione forte contro questa guerra scatenata dalla leadership del nostro Paese. L’attuale guerra, come mostra il discorso di Putin, è anche all’insegna dei “valori tradizionali” della politica che la Russia avrebbe deciso di portare nel mondo come una missione, usando la violenza contro coloro che non sono d’accordo o hanno altre opinioni. In cosa consistono questi “valori tradizionali” è ben compreso da chiunque sia capace di pensiero critico: si basano, tra l’altro, sullo sfruttamento delle donne e sulla lotta contro coloro il cui stile di vita, la cui autodeterminazione e le scelte vanno oltre la stretta norma patriarcale. La giustificazione dell’occupazione di uno stato vicino con il desiderio di portare in dote la presunta norma distorta e la demagogica “liberazione” è un’altra ragione per cui le femministe di tutta la Russia devono resistere a questa guerra con tutte le loro forze.

Le femministe oggi sono una delle poche forze politiche attive in Russia. Le autorità non ci hanno percepito come un movimento politico per molto tempo, e quindi siamo state temporaneamente meno colpite dalla repressione rispetto ad altri. Più di 45 gruppi femministi operano in tutto il paese, da Kaliningrad a Vladivostok. Chiediamo ai gruppi femministi e alle singole femministe di unirsi alla Resistenza femminista contro la guerra e di unire le forze per combattere la guerra e il governo che l’ha iniziata. Siamo in tanti e insieme possiamo fare molto: negli ultimi 10 anni il movimento femminista ha acquisito un enorme potere mediatico e culturale, è tempo di trasformarlo in potere politico. Siamo l’opposizione alla guerra, al patriarcato, all’autoritarismo e al militarismo. Siamo il futuro e vinceremo.

[più avanti nella chat] Invia il manifesto alle tue colleghe femministe in altri paesi, traducilo in diverse lingue e pubblica le traduzioni per conto tuo. Più membri e partecipanti si uniscono alla resistenza, più forti siamo!

Cosa puoi fare come membro e partecipante della Resistenza femminista contro la guerra

  • Incoraggiamo le singole femministe, le pro-femministe e le associazioni femministe a pubblicare sui loro social media che ti unisci alla Resistenza femminista contro la guerra. Puoi utilizzare l’emblema della Resistenza femminista contro la guerra nei tuoi social media e post per identificare la tua affiliazione e posizione espressa nel nostro manifesto, se sei d’accordo con esso. Puoi anche usare l’hashtag #FeministAnti-WarResistance nei tuoi post e ripubblicare da questo canale.
  • Qualsiasi guerra non è solo una battaglia di eserciti, include anche un attacco con propaganda e disinformazione. Incoraggiamo la condivisione di fonti di informazione affidabili che pubblichino notizie aggiornate e veritiere sulle operazioni militari (si consigliano le pubblicazioni russe Novaya Gazeta, Meduza, Mediazona, DOXA, The Insider).
  • È importante avvisare l’un l’altro e il tuo pubblico quando vengono rilevate notizie false virali e impedirne la diffusione.
  • È importante trasmettere informazioni non solo ad amici e conoscenti nei social network, ma anche a coloro che le traggono da altre fonti, come i canali televisivi di propaganda. Pertanto, ti invitiamo a realizzare e distribuire volantini e poster nelle tue città (pubblicheremo presto link a modelli già pronti), attaccare adesivi, realizzare graffiti e street art negli spazi urbani.
  • Esci con un #quietpicket: muoviti per la città per conto tuo con slogan contro la guerra sui vestiti o con mini-poster attaccati alla borsa o allo zaino. Non dimenticare di aggiungere l’hashtag #quietpicket al testo del poster in modo che le persone a cui capita di vederti possano saperne di più su questo formato e partecipare.
  • Creare chat locali per aiutare i detenuti nelle proteste contro la guerra – monitorare le notizie sulle detenzioni, coordinare la comunicazione tra detenuti con parenti e avvocati, organizzare la preparazione di pacchetti per detenuti e arrestati
  • Distribuire collegamenti per aiutare fondazioni e organizzazioni ucraine, rifugiati e rifugiati ucraini, vittime ucraine.
  • Distribuire i testi e i post degli ucraini che sono ora sotto attacco, tradurre i loro testi in altre lingue per garantire la massima distribuzione.
  • Organizzate azioni pacifiche di solidarietà nelle vostre città o unitevi a quelle organizzate da altre forze se potete permettervi l’arresto, la multa e la detenzione.
  • Se sei un parente o un parente di un soldato di leva inviato a combattere, rivela le informazioni al riguardo. Le donne che soffrono danno alla luce bambini che non vengono uccisi in una guerra scatenata da pazzi!

La cosa principale è unirsi e sostenersi a vicenda. Insieme siamo più forti di quanto pensiamo.

Come mettere in sicurezza il tuo lavoro (livello base)

Segue un post che inizia con questo titolo e la frase: Nessun attivismo in Russia è più assolutamente sicuro. Riporta un punto elenco con una serie di indicazioni personali, tecnologiche, sociali per tutelarsi come singole persone o gruppi; alcuni contatti di attivisti/e e organizzazioni per i diritti umani – Apology of Protest, OVD-info, Public Verdict Foundation, Moscow Helsinki Group -; e le note “Cosa fare in caso di perquisizione” (la nota è stata preparata dall’ex “Team 29”) e “Cosa fare in caso di arresto” redatta da OVD-info.

La struttura di Resistenza Femminista Contro la Guerra

[…] La Resistenza Femminista Contro la Guerra opera come un movimento di rete con cellule auto-organizzate. Abbiamo un gruppo di coordinamento, ma non raccogliamo dati da attiviste (se qualcuno ti chiede dati per nostro conto, questa è una provocazione!) e non cerchiamo di coordinare centralmente tutti i gruppi femministi che si uniscono a noi, per entrare toccare con tutti. Ti offriamo opzioni per l’azione e una strategia (che ora è fondamentale per resistere all’aggressione militare russa). Abbiamo scelto questa struttura anche per la vostra sicurezza: i singoli gruppi saranno più difficili da rintracciare se il gruppo di coordinamento è coperto, e potrete continuare a lavorare. Inoltre, quando discuti delle tue azioni all’interno di piccole celle, dove conosci personalmente i tuoi compagni e compagni, è meno probabile che dedichi un provocatore o un informatore ai tuoi piani. Fai attenzione, lavora con persone di cui ti fidi e usa solo mezzi di comunicazione sicuri per il coordinamento (vedi Post sulla sicurezza).

Come organizzare una cellula di Resistenza

Ci aspettiamo che tu ti unisca alla resistenza, formi una cellula, decida insieme quale azione intraprendere e ti organizzi. Se sei aperto alla pubblicità e desideri che copriamo la tua attività cellulare o altre informazioni importanti, non è necessario contattarci. Usa l’hashtag #FeministAntiwarResistance sui social media e ti troveremo. Offriremo anche attività che non richiedono pubblicità online per coloro che desiderano lavorare in modo anonimo (distribuzione di volantini, donazioni, ecc.).

Live blog: i messaggi della Resistenza Femminista russa dal più recente

*** in aggiornamento *** Laddove dichiarato tra parentesi [in attesa di traduzione], la traduzione è incompleta e in attesa del supporto dell’attivista russa che si è offerta di supportare le traduzioni.

[13/04/22 18:46]

Dalla chat Telegram Феминистское Антивоенное Сопротивление

A Tallinn, le attiviste e gli attiviste si sono recati all’ambasciata russa, per protestare contro lo stupro degli ucraini da parte dei soldati russi.

[04/10/22 20:07]
[Testimonianza donna ucraina in Russia]

“La guerra è troppo personale per me.
Immagina di aver vissuto una vita meravigliosa nella bellissima e fiorente città di Kharkov. Siamo partiti da lì che avevo 12 anni per Mosca, ma lì abbiamo lasciato quasi tutta la famiglia. Siamo andati a trovarli spesso e in generale conosciamo questa città a memoria: ogni strada, ogni graffio su ogni edificio.
Poi ci siamo svegliati il ​​24 febbraio 2022.

Immagina cosa si prova ad avere fratelli più piccoli che dormono non in un letto, ma in un ostello in un villaggio dimenticato da Dio, perché la casa è pericolosa e possono essere uccisi. Non hanno giocattoli e non possono correre nel loro giardino. Ma sanno già tessere reti mimetiche e, al suono di una sirena, corrono velocemente nel seminterrato.

Immagina cosa si prova quando papà – l’uomo più forte della tua vita – scrive che ha paura del treno, perché il suono del treno è simile a quello dei missili. Quando il nonno è malato perché ha passato 10 giorni negli scantinati, che sono follemente freddi. Quando una zia cade a terra al suono di un tram e inizia a piangere. Quando uno zio durante la notte deve scegliere chi salvare: sua moglie e sua figlia o sua madre. Quando un’amica perde fino a 40 kg per mancanza di cibo e perde metà dei suoi capelli. Quando singhiozza nel telefono perché suo padre ha un attacco di cuore e si sentono esplosioni in sottofondo – e l’ambulanza semplicemente non può passare a causa dei bombardamenti.
Quando la casa della tua infanzia viene fatta a pezzi da un razzo.

Questa è la mia vita. E la beffa è che sono rinchiusa tra infinite lettere Z. Non posso nemmeno mostrare apertamente il mio dolore. E vivo con l’oscurità eterna dentro di me. Che non viene buttato fuori. Che non deve essere mostrato. Che devo sopportare a denti stretti.”

[08/04/22 21:03]
[Testimonianza attivista russa]

“Guardando la retorica della televisione russa, del governo russo e la retorica di alcuni russi, a volte rabbrividisco per una strana coincidenza: quello che dicono della guerra e dell’Ucraina è quasi identico a quello che dicono spesso delle donne vittime di violenza domestica o sessuale.

‘È lei stessa la colpevole, lei se l’è andata a cercare, lei ha attaccato ed è stata la prima a iniziare, io mi stavo solo difendendo, voleva lasciarmi, mi ha tradito, si è comportata male, l’ho cresciuta e lei non mi ha obbedito, si è comportata in modo depravato, è isterica, è pazza, è una tossicodipendente, non è chi dice di essere. Le botte se l’è è fatte con il trucco per le foto, è una finzione. È mia, faccio quello che voglio con lei.

Non ha rispettato gli accordi di Minsk, voleva bombardarci si è venduta all’Occidente, sostiene le “libertà di genere”, ha bisogno di essere educata, smilitarizzata e denazificata, in lei vivono nazisti e tossicodipendenti . Ha truccato i cadaveri per la foto, sono falsi. Lei è nostra, vogliamo fare di lei quello che vogliamo’.

Queste intersezioni non sono casuali: militarismo, imperialismo e patriarcato sono sistemi costruiti sul sangue straniero. E questo sangue è il sangue delle persone più vulnerabili.
Una vittima di violenza spesso non viene creduta. Le persone sono pronte a inventare ogni sorta di versioni accusatorie, solo per impedire che il loro amico, padre o fratello sia accusato di violenze. Perché l’ammissione di questa verità nel mondo patriarcale può distruggere questo mondo.

Ma sorge una giusta domanda: se questo mondo è stato costruito su illusioni e sangue, non merita di crollare? Questo è un buon mondo? È questo il mondo che volevamo? È sicuro per noi, che abbiamo padri, amici, fratelli che possono violentare, picchiare, abusare, punire, nascondersi dietro le parole educazione e liberazione?

Abbiamo bisogno di un mondo in cui lo stupratore sia l’eroe?

Per me, no. Credo alle vittime”.

[08/04/22 16:02]

Oggi, sotto il titolo #Russian_voices_ok, pubblichiamo una lettera di un’attivista che è stata arrestata per aver distribuito cartellini dei prezzi con informazioni sulla guerra. I layout delle etichette dei prezzi possono essere scaricati qui (https://t.me/femagainstwar/1031).

“Ciao a tutti i premurosi residenti della Russia del futuro! È successo che sono stata tra coloro che sono stati arrestati e condannati ai sensi del 20.3.3 (azioni pubbliche volte a screditare l’uso delle forze armate della Federazione Russa al fine di proteggere gli interessi…) In poche parole, ho diffuso la verità sulla guerra. Sono venuti da me 2 giorni dopo il mio, come sembrava allora, viaggio di successo al supermercato locale con un pacco di cartellini di prezzi falsi. Ho pagato l’acquisto con una carta e questo mi ha tradito. Dipendenti in borghese sono apparsi sulla soglia di casa mia e hanno fatto pressioni sui miei genitori e hanno chiesto la mia presenza. Mi sono spaventata. Ma non aver paura: manda tutti all’inferno e aspetta la convocazione.

Dopo è seguito da un meraviglioso soggiorno di 3 ore in un ufficio di polizia locale. Ho raccolto letteralmente tutti gli stereotipi sul comportamento nel dipartimento di polizia. Mi hanno chiamata traditrice, hanno promesso di disonorarmi e distruggermi, hanno mentito e minacciato, mi hanno portato via il telefono, rompendomi le mani. Fotografata contro la mia volontà. Quando ho sorriso alla telecamera, mi hanno ordinato di “fare una faccia normale”. La mia “faccia normale” è apparsa in tutte le testate giornalistiche regionali il giorno dopo il processo.

E il tribunale, tra l’altro, è stato immediatamente chiamato il giorno successivo alla stesura del protocollo. Conclusione! Vorrei aggiungere regole di sicurezza che ti aiuteranno a non commettere i miei errori e a portare con successo la verità alle persone. Così:

  1. scegli gli abiti più sbiaditi in cui di solito non cammini per la città. Nessun accessorio, maschera caratteristiche accattivanti;
  2. solo contanti. Le ragazze della FAS ne hanno già scritto, non fate come me;
  3. andare in due. Questo rende più facile mantenere la calma e tenere d’occhio acquirenti/venditori;
  4. se hai catturato l’attenzione dei venditori, vattene;
  5. ci saranno sicuramente delle telecamere, tienilo a mente. Indossare la mascherina non appena entri e toglila solo quando sei fuori. Oppure scegli negozi di livello inferiore dove è presente una fotocamera con scarsa risoluzione.

Vogliono intimidirci e ferirci così tanto da non sporgere il naso. Non aver paura di niente. Negli ultimi giorni, le persone premurose hanno coperto completamente la mia multa e i volontari FAS hanno fornito supporto morale e offerto assistenza legale gratuita. Non sei solo. E il potere è davvero nella verità.

#Russian_ok_voices è una rubrica in cui pubblichiamo storie anonime e non anonime di Russian_ok che si oppone alla guerra in Ucraina. Puoi inviarci la tua storia nel bot.

[07/04/22 18:20]

“Una residente del villaggio di Sokol nella regione di Vologda, Lyubov Vorobyova, stava aspettando che suo figlio, chiamato per il servizio militare l’anno scorso, tornasse dall’esercito a luglio. Ma a febbraio tutto è cambiato: da un numero ucraino sconosciuto, è arrivato un messaggio che Daniil Vorobyov era prigioniero. Lo stesso messaggio è stato ricevuto su Instagram dalla sua fidanzata Evgenia. Alla madre è stata successivamente data l’opportunità di parlare con il coscritto di 20 anni tramite collegamento video. “Gli ho subito chiesto se avesse firmato il contratto – dice Lyubov Vorobyeva -. Ha detto: “No, non l’ho firmato”. Dopodiché, il legame con lo sconosciuto ucraino è scomparso”.

Dalla chat Telegram Феминистское Антивоенное Сопротивление

Un video toccante sulla famiglia di un coscritto scomparso in Ucraina e quanto dannose e pericolose le nozioni tossiche di mascolinità che si sono sviluppate in Russia si sono rivelati.
Link al video >>> https://youtu.be/PKYNiVOGc94

[07/04/22 11:24]
[Attivista condivide la sua azione di Resistenza, sulle banconote che diffonderà ha scritto:]

Dalla chat Telegram Феминистское Антивоенное Сопротивление

In che modo la distruzione di Mariupol ha aiutato i bambini del Donbass? La tragedia di Bucha è opera di soldati russi.

[07/04/22 14:12]
[Testimonianza russa

“Quando è iniziata la guerra, ho pianto. E cos’altro potrebbe essere la reazione, quando per me è sempre stato ovvio che guerra = morte. Ma, sfortunatamente, la parola “morte” non descrive tutti gli orrori e le torture a cui le persone possono essere sottoposte durante la guerra. La violenza sessuale è una delle forme più gravi di tortura più comunemente utilizzate contro le donne e, peggio ancora, contro i bambini. Anche mentre scrivo, tremo per l’orrore di queste parole e il mio corpo diventa insensibile. Avevo 16 anni quando sono stata abusata. Il mio stupratore non è stato punito, avevo paura di parlarne, perché poi cosa avrebbero pensato di me?O ra capisco che la colpa è solo dello stupratore.
Donne, donne incredibilmente forti e belle di cui si sono approfittati questi criminali, se siete al sicuro – non abbiate paura di chiedere aiuto, non abbiate paura di parlare apertamente se potete.
Denunciare! Ognuno di questi criminali deve essere e sarà punito, un tribunale e una prigione li aspettano: ecco cosa riceveranno.
Scrivo questo perché penso a te, alle donne ucraine, che chiedono costantemente a tutti gli esseri viventi di fermare questa guerra. Ti amo, donna ucraina, russa, bielorussa; amo ogni donna. Meritiamo un mondo in cui possiamo essere viste e ascoltate!”

[06/04/22 21:16]
Una testimonianza

“Mia nonna, mio ​​zio e mio nipote vivono a Nikolaev. Mykolaiv è stata bombardata per più di un mese, con razzi che a volte esplodono a un isolato dalla casa di mia nonna. La nonna ha smesso di chiamarmi e scrivermi perché pensava che fosse PERICOLOSO PER ME. Ho ricevuto la notizia da mia madre.

Mia nonna, con la quale andavamo in giro per Nikolaev ogni estate, che ha cresciuto me e mio fratello. Mio zio, che mi ha trattato e mi tratta come sua figlia, è il mio amico più fedele. Ogni giorno sentono più volte al giorno la sirena dell’incursione aerea, ogni giorno qualcosa esplode così vicino che tutto si blocca per la paura. Ora, quando mia nonna mi chiama, ho la forte sensazione che mi dica addio per ogni evenienza. Nel caso la prossima bomba cada troppo vicino.

Stiamo parlando al telefono. La nonna ride e scherza, ricorda con piacere i tempi in cui stavamo insieme. Le storie sono le stesse, congelate nel tempo. Non ci vediamo dal 2014.

Mia nonna ha 79 anni. Da un lato, sto morendo di senso di colpa per non essere riuscita a portarla via da Nikolaev in tempo, dove sarebbe stata al sicuro. D’altra parte, conosco mia nonna. Non lascerà la sua casa. È ucraina e questo non le può essere tolto.

È spaventoso che non si possa fare nulla. È spaventoso prendere in mano il telefono un giorno e sentire che mio zio non è tornato a casa. È spaventoso che non risponda più al telefono e scoprire che è stata l’ultima chiamata. È spaventoso che non ci vedremo mai.

Ma se mia nonna ha la forza di ridere e scherzare mentre le bombe fischiano sopra la sua testa, allora io ho la forza di protestare, sfondare il blocco dell’informazione, distribuire volantini e far parte della resistenza contro la guerra.

[06/04/22 12:42]
[Inoltrato da GIRLS POWER BELARUS💙💛]

🗞Cosa scrivono i media polacchi (https://www.thequint.com/news/world/ukraines-women-refugees-trauma-rape-trafficking-polands-sexist-laws) sulle donne rifugiate ucraine
Riassumiamo brevemente quello che hanno detto i volontari.
Oleksandra (non è il suo vero nome), una volontaria ucraina a Varsavia, ritiene che i casi di donne ucraine violentate siano “significativamente sottostimati”. Ha incontrato almeno una dozzina di queste donne.
Le storie che raccontano sono tipo queste:
“Ho incontrato la 29enne Olga (non è il suo vero nome) al valico di frontiera. Si è aperta con me quando le ho parlato in ucraino. Olga è stata aggredita sessualmente da due soldati russi nella sua casa alla periferia di Kiev”.
“Sono rimasta per due ore accanto a una donna al confine tra Polonia e Ucraina. Non ha detto una parola fino a quando non abbiamo raggiunto il punto di accoglienza. Mi ha detto che i soldati russi l’avevano violentata e che aveva due figli. Non voleva accettare l’aiuto dei gruppi umanitari in Polonia perché era troppo traumatizzata”.

C’è una domanda sulle pillole contraccettive: non possono essere distribuite legalmente. Le leggi polacche sull’aborto obbligano medici e volontari a fare tutto in segreto.
“Stiamo correndo un rischio enorme mettendo queste pillole a disposizione delle sopravvissute allo stupro. In Polonia, queste compresse sono consentite solo con prescrizione medica. È quasi impossibile per le donne rifugiate ucraine ottenere questa prescrizione”, afferma un ginecologo polacco che aiuta i volontari.
“In Polonia, dove l’aborto non è un’opzione per le sopravvissute allo stupro, diventa chiaro che la vita di una donna non è importante quanto una cellula che non è ancora cresciuta in un feto”.
Come potete vedere, oltre a tutti gli orrori vissuti, in alcuni casi si aggiunge il problema di procurarsi le pillole, dal momento che lo Stato polacco si ritiene autorizzato a disporre del corpo di una donna.

[05/04/22 09:48]
Azione “Bucha-Mosca”
Foto condivise da una manifestante della resistenza russa

1. Giardini di Alessandro

Dalla chat Telegram Феминистское Антивоенное Сопротивление

2. Ponte della Cattedrale di Cristo Salvatore

Dalla chat Telegram Феминистское Антивоенное Сопротивление

3. Via Nikolskaja

Dalla chat Telegram Феминистское Антивоенное Сопротивление

4. Vecchio Arbat

Dalla chat Telegram Феминистское Антивоенное Сопротивление

Le foto ci sono arrivate nel bot dall’autrice.
#vostre_azioni

[04/04/22 19:09]

Se non hai avuto il tempo di leggere i report della giornalista della Novaya Gazeta Elena Kostyuchenko prima che li cancellassero, ora sono tutti disponibili per intero (senza tagli e censure!) qui. Elena ha trascorso più di un mese in guerra in Ucraina e ha visto con i suoi occhi la tragedia di migliaia di persone e la distruzione in dozzine di città.

[03/04/22 22:53]

Siamo state in silenzio tutta la sera. Non è molto chiaro cosa si possa dire dopo Bucha e le atrocità dell’esercito russo nella periferia di Kiev.
Dolore, rabbia, disperazione, impotenza. Impossibile allontanarsene. L’impossibilità di tacere.
[…]

Oggi siamo state contattate da una ragazza che ha portato via il corpo di sua sorella da Bucha. Sua sorella è stata bendata e colpita alla nuca. La ragazza ci ha chiesto di non tacere, ci ha chiesto di dire la verità in tutta la Russia e ha detto che era molto importante per lei. Lo diremo. Resisteremo. Non taceremo. Protesteremo. Colpiremo. Saboteremo. Grideremo.
Lo promettiamo.

[23/03/22 19:41]

Dalla chat Telegram Феминистское Антивоенное Сопротивление

La giornalista di Insider Oksana Baulina è morta sotto i bombardamenti a Kiev mentre svolgeva un compito editoriale. Da The Insider: “Ha filmato la distruzione dopo il bombardamento da parte delle truppe russe del distretto di Podolsky della capitale ed è stata colpita da nuovi razzi. Con lei è morto un altro civile, due persone che l’accompagnavano sono rimaste ferite e ricoverate in ospedale. Prima di entrare in The Insider, Oksana ha lavorato per l’Anti-Corruption Foundation. Dopo che l’organizzazione è stata inclusa nell’elenco delle organizzazioni estremiste, è stata costretta a lasciare la Russia. Come corrispondente, Oksana è andata in Ucraina, dove è riuscita a fare diversi rapporti da Leopoli e Kiev. The Insider esprime le sue più sentite condoglianze alla famiglia e agli amici di Oksana”.
Molte di noi conoscevano Oksana.
Non ci sono parole.

[22/03/22 15:01]
Testimonianza
Autrice: Nadezhda Sukhorukova

#mariupol
Esco in strada tra i bombardamenti. Ho bisogno di portare a spasso il cane. Si lamenta costantemente, trema e si nasconde dietro le mie gambe. Voglio dormire tutto il tempo. Il mio cortile, circondato da grattacieli, è silenzioso e morto. Non ho più paura di guardarmi intorno.
Di fronte, l’ingresso della centocinquesima casa sta bruciando. Le fiamme hanno divorato cinque piani e stanno lentamente masticando il sesto. Nella stanza il fuoco arde dolcemente, come in un caminetto. I serramenti sono neri, carbonizzati senza vetro. Da lì, come lingue, cadono tende rosicchiate dalle fiamme. Lo guardo con calma: sono condannata.
Sono sicura che morirò presto. È questione di giorni. In questa città, tutti aspettano costantemente la morte. Vorrei solo che non fosse troppo spaventosa. Tre giorni fa, un amico di mio nipote più grande è venuto da noi e ha detto che erano stati attaccati i vigili del fuoco. I soccorritori sono morti. A una donna è stato strappato un braccio, una gamba e la testa. Sogno che le mie parti del corpo rimangano al loro posto, anche dopo l’esplosione di una bomba ad aria.
Non so perché, ma mi sembra importante. Anche se, del resto, non sarei neppure seppellita finché durano le ostilità. Così ci ha risposto la polizia quando li abbiamo incontrati per strada e abbiamo chiesto cosa fare con la nonna morta del nostro amico. Hanno consigliato di metterla sul balcone. Mi chiedo su quanti balconi ci sono i cadaveri?
La nostra casa in Mira Avenue è l’unica che non ha subito colpi diretti. È stata colpita due volte tangenzialmente dai proiettili, in alcuni appartamenti sono saltate le finestre, ma non è rimasta quasi segnata e, rispetto ad altre case, è stata fortunata.
L’intero cortile è ricoperto da diversi strati di frammenti di cenere, vetro, plastica e metallo. Cerco di non guardare il pezzo di ferro che è volato sul parco giochi. Penso che sia un razzo, o forse una mina. Non mi interessa, è solo fastidioso. Nella finestra del terzo piano vedo la faccia di qualcuno e sussulto. Scopro che ho paura delle persone viventi.
Il mio cane inizia a ululare e capisco che ora ricominceranno a sparare. […] Non ci sono macchine, né voci, né bambini, né nonne sulle panchine. Anche il vento è morto. Ci sono ancora alcuni cadaveri qui. Si trovano sul lato della casa e nel parcheggio, coperti con i giubbotti. Non voglio guardarli. Ho paura di vedere qualcuno che conosco.
[…] Provo a piangere, ma non posso. Mi dispiace per me stessa, la mia famiglia, mio ​​marito, i vicini, gli amici. Torno nel seminterrato e ascolto il vile tintinnio di ferro là fuori . […]
A Mariupol, le persone continuano a sedersi nel seminterrato. Ogni giorno diventa più difficile per loro sopravvivere. Non hanno acqua, cibo, luce, non possono nemmeno uscire a causa dei continui bombardamenti. I residenti di Mariupol devono vivere. Aiutali. Raccontalo. Fai sapere a tutti che i civili continuano a essere uccisi.

[22/03/22 12:05]

🚺 Sasha Kuvshinova è stata uccisa 🚺
Il 14 marzo, a Gorenka vicino a Gostomel, le truppe russe hanno sparato contro una troupe cinematografica di Fox News. La giornalista Alexandra Kuvshinova e il cameraman Pierre Zakrzewski sono morti.
Recentemente, hanno riferito dell’evacuazione di persone dalla città di Irpen vicino a Kiev, che in realtà non esiste più. Aveva solo 24 anni.

[21/03/22 16:43]
Una testimonianza
Autrice: Kateryna Ilchenko

Dalla chat Telegram Феминистское Антивоенное Сопротивление

Questa è la casa dei miei genitori a Irpen. È stato costruito da suo padre praticamente con le sue stesse mani. […]
Mia madre è russa. Nata a Chelyabinsk. Ci sono nata anche io. Abbiamo ancora dei parenti che vivono lì. Suo fratello, nell’ultima conversazione un paio di settimane prima della guerra, ha detto che gli piaceva Putin, sebbene non fosse d’accordo con tutte le sue decisioni. La mamma imprecava e si indignava: come fai a dirlo? È un assassino!
Quando è iniziata la guerra, suo fratello non ha chiamato. Mi hanno detto che era preoccupato ed è andato in chiesa ad accendere una candela per il mondo.
La notte dell’8 marzo una granata ha colpito la nostra casa. La mamma era a casa.
In una casa dove c’erano sempre molti ospiti. Quando ero una studentessa. I miei amici per molti anni hanno ricordato le tavole che la mamma preparava per loro. I parenti dalla Russia sono venuti in questa casa. A loro piaceva molto.
In alto a sinistra, la finestra superstite è la mia stanza. C’era una grande biblioteca in cui mia nonna collezionava i miei libri universitari, le fotografie. Direttamente sotto c’è il soggiorno. Lì apparecchiavamo sempre la tavola con i nostri caratteristici piatti bianchi e dorati, un servizio tedesco che mio padre comprò in una mostra a Mosca negli anni ’70 e di cui la gente era ancora sorpresa. Nulla è rimasto della mia storia personale. Non un singolo oggetto, non una singola fotografia. E, soprattutto, la mamma. Tutto ciò che resta è odio.
Questa parte della città è nel mezzo delle ostilità. È impossibile arrivarci, smantellare le macerie, seppellirle.

[21/03/22 08:49]
[Inoltrato da Love Sable]

Rogozin ha deciso di prendersi una pausa da Twitter ed è passato a Telegram. Il suo canale afferma (https://t.me/rogozin_do/2107) che gli Stati Uniti, con il supporto delle autorità di Kiev, stavano sviluppando una “arma etnica di genocidio contro la nazione russa” in Ucraina

Secondo lui, “quest’arma colpisce sia la funzione riproduttiva delle donne di una certa nazionalità, sia, in generale, il sistema immunitario di un particolare gruppo etnico”. Rogozin afferma che questa arma molto etnica provoca “allergie, intolleranza al cibo tradizionale e suscettibilità alle malattie, portando a un indebolimento dell’immunità della nazione e alla sua estinzione senza l’impatto delle guerre”.

Le sciocchezze delle autorità russe stanno diventando sempre più affascinanti.

[20/03/22 13:28]

La persecuzione delle femattiviste contro la guerra continua in un procedimento penale inventato “sul terrorismo telefonico”. Oggi hanno perquisito la casa di un’attivista dell’Ottavo gruppo di iniziativa, Lyuba Samylova e Anzhela Danskaya. Tutte le attrezzature sono state sequestrate a entrambe le ragazze e interrogate come testimoni. Le prime perquisizioni e arresti per “terrorismo telefonico” sono avvenuti alla vigilia delle manifestazioni contro la guerra del 6 marzo. Crediamo che questo caso sia stato inventato per impedire agli attivisti di partecipare alla protesta contro la guerra e anche per spaventare i loro cari. Tutte le persone coinvolte in questo caso rischiano fino a 5 anni di carcere.

[19/03/22 17:44]
Una testimonianza
[Inoltrato da Le mie prime note]
21° giorno di guerra (16 marzo)

Siamo stati svegliati alle 5:00 del mattino da una potente esplosione da qualche parte vicino al nostro alloggio per la notte a Zaporozhye. Assonnati e spaventati, si siamo infilati i vestiti e abbiamo portato i bambini addormentati in bagno.
Sono arrivati a Zaporozhye! Sembra siano alla stazione ferroviaria a un chilometro da noi.
Gettiamo immediatamente le nostre cose in macchina e proseguiamo.
All’uscita dalla città, l’esercito ucraino, dopo aver appreso che eravamo di Mariupol, ci ha passato una manciata di dolci per i nostri bambini nel finestrino abbassato dell’auto. Ho pianto per la mezz’ora successiva.
Ho notato che più mi allontano da casa, più piango. Quando eravamo ancora tra le mura di casa, nella loro città, credevamo meno a ciò che stava accadendo. Le pareti mi ricordavano che quella era casa. Ora ce ne stiamo allontanando. C’è più consapevolezza di ciò che sta accadendo. Tutto diventa nudo, diventa indifeso, aperto, isterico.
Dove stiamo andando? Cosa ci aspetta? Dove saremo domani? Qual è il prossimo passo? Dov’è la nostra casa?
Questo pomeriggio, i russi hanno sganciato una bomba sul Teatro Mariupol Drama, il centro e il cuore della città. I rifugiati della Rive Gauche si erano nascosti nell’edificio, dopo che le loro case erano state bombardate nella prima settimana di guerra. C’erano molti bambini lì. I soccorritori non possono ancora raggiungere e salvare nessuno, perché ci sono continui bombardamenti nella zona. Non posso contare le vittime.
Sono stufa di queste notizie. Provo fisicamente disgusto per la guerra e per coloro che l’hanno iniziata. Voglio urlare dalla disperazione e dall’impossibilità di tornare alla vita passata.
Oggi abbiamo raggiunto la regione di Cherkasy e ci siamo fermati qui per la notte. Sono con la mia famiglia e con un’amica con un bambino. Il resto dei ragazzi della nostra compagnia si è separato, ognuno nella direzione prevista.
Vogliamo dormire e lavare i panni. Stiamo discutendo di percorsi futuri.
Mi preoccupo per i miei amici che sono rimasti a Mariupol e con cui non riesco a mettermi in contatto.
In un istante, la vita di qualsiasi cittadino può essere interrotta. Proprio all’improvviso. Ad un tratto. Da un missile che colpisce la tua casa.
Dalla follia delle persone al potere. Dalla mancanza di rispetto alla vita umana

[19/03/22 16:10]

Dalla chat Telegram Феминистское Антивоенное Сопротивление

La volontaria e attivista del KharkivPride Elya Shchemur è morta a Kharkiv sotto i bombardamenti russi.
“Elya si è offerta volontaria presso il quartier generale della difesa della regione di Kharkiv”, ha detto KharkivPride.
“Elya era un’attivista e patriota, ha partecipato a tutte le azioni possibili e agli eventi democratici. Insieme abbiamo partecipato a tre marce del KharkivPride e tre marce della Solidarietà delle donne. Elya ha ispirato e motivato non solo il nostro team, ma tutto il volontariato. La gente la seguiva e stava al suo fianco in difesa della libertà e dell’uguaglianza. E quando sorrideva, altre persone sorridevano con lei.
Elya è stato uno dei primi volontari del KharkivPride che si è unita al quartier generale della difesa della regione di Kharkiv. Era audace e coraggiosa. Patriota ed eroina. È così che la ricorderemo e non la dimenticheremo mai”.
Possano tutte le tue rose bianche essere per Eli oggi.

[18/03/22 17:18]

Oggi le ragazze hanno subito molestie, insulti e minacce da parte di visitatori ubriachi al concerto pro Putin a Luzhniki. Questo cosa dà un’idea molto chiara del modo in cui tutti i tipi di violenza sono intrecciati.

[17/03/22 15:03]

Ogni giorno ho meno forza, quindi perdonami, ho bisogno di parlare apertamente… mostra questo messaggio a tutti quelli che dicono che “sopporteremo e sopravviveremo sotto le sanzioni”. La medicina che mia madre prende da quasi tutta la vita è tedesca. Le forniture di questo medicinale si sono fermate a causa delle sanzioni e non ci sono farmaci generici analoghi e non ci sono mai stati. Non so proprio cosa fare, perché nella linea femminile abbiamo tutti una tendenza alle malattie della tiroide, il che significa che anche io potrei aver bisogno di prendere qualcosa del genere. Ora stiamo cercando di negoziare consegne attraverso paesi vicini come l’Armenia, ma è comunque molto difficile…
#voce_di_russi

[16/03/22 09:03]
[testimonianza dall’Ucraina]

Le condizioni di vita attuali richiedono molto tempo ed energie per fare ciò che era più facile e veloce, intendo nella vita di tutti i giorni: andare al negozio, prendere cibo, acqua e altro. Non possiamo semplicemente lavarci ogni giorno. Riesco a lavorare 5-6 ore. Per me ora è importante cucire, perché cucire richiede attenzione, concentrazione e prima mi godevo sempre il processo e il risultato, ora è difficile, tutto perde di significato. […] Facevo yoga il sabato, ma ora è difficile con il corpo. anche se è importante prestargli almeno un po’ di attenzione. l’altro giorno ho fatto un ballo di riscaldamento con T. Abbiamo la forza per superare tutto questo e sopravvivere. Masha

[15/03/22 19:08]

❗️È importante non utilizzare i tuoi social network personali (anche quelli chiusi) per la distribuzione se sei in Russia.

[15/03/22 19:08]

Protesta attraverso i soldi che presto spariranno.

Dalla chat Telegram

Le nostre affiliate continuano a proporre nuovi formati di agitazione contro la guerra (a nostro nome, aggiungiamo che è meglio scrivere sulle banconote a matita e puoi anche scrivere delle conseguenze economiche della guerra): “Ciao, io e i miei amici abbiamo avuto un’idea nello spirito di una protesta anonima contro la guerra e vogliamo (in modo anonimo proprio a causa di queste circostanze) condividerla con voi. Grazie per il vostro tempo🤍 ◼️Idea: usare le banconote in rubli come superficie per la protesta contro la guerra. ◼️Cosa facciamo: scriviamo su un lato della cartamoneta “no war” o qualsiasi altro slogan e affermazione contro la guerra (con una normale penna e stampatello). ◼️Perché? Questo è uno strumento di protesta anonima efficace ed esistente e non è un’idea nuova: relativamente di recente, è stato utilizzato, ad esempio, in Turkmenistan nel 2020 (https://turkmen.news/anti-berdimuhamedov-protest/). Ci sembra che questa forma di protesta possa trovare risposta negli strati più diversi della società russa e diventare di massa. Sarà molto più difficile per lo stato gestire i soldi firmati rispetto a post sui social network e i volantini. 💛 È anonimo ed edificante, nel senso che un’affermazione del genere è davvero difficile da distruggere o cancellare. ◼️Il negozio accetterà la mia banconota firmata? Per legge, non può rifiutarti di accettarlo [seguono un estratto della legge e indicazioni per la distribuzione in sicurezza molto dettagliate]

[15/03/22 18:58]

Una nostra affiliata ci ha inviato dei volantini davvero fantastici da distribuire. Scarica e stampa, i QRCode portano a fonti di notizie!

Dalla chat

“Ciao! Volevo mettere a disposizione dei volantini che ho realizzato io stessa (@ara_narskiy su Twitter) […] Ci sono collegamenti al canale OVD-info telegram, a un sito che segue la guerra in Ucraina e a un sito Web che parla dell’impatto economico”.

[15/03/22 13:59]

A Mosca, presso la Cattedrale di Cristo Salvatore, una ragazza è stata detenuta per un poster con la scritta “6° comandamento: non uccidere”

Come si relaziona la Chiesa ortodossa con la detenzione per aver citato i 10 comandamenti?

[14/03/22 12:03] Non solo comizi e manifestazioni: sfondare il blocco dell’informazione

Uno degli obiettivi principali della nostra resistenza è sfondare il blocco dell’informazione in Russia. Quasi tutti i media e i social network indipendenti nel nostro Paese sono bloccati o chiusi, propagandisti e dipartimenti governativi diffondono bugie e disinformazione. In tali circostanze, la diffusione di informazioni veritiere sui crimini di guerra dell’esercito russo in Ucraina, le vittime tra i civili e le città distrutte diventa una questione di principio. Queste informazioni possono cambiare radicalmente il punto di vista dei cittadini russi sull'”operazione speciale” e sul governo che l’ha scatenata – ed è per questo che le nostre autorità hanno tanta paura di queste informazioni. Chiediamo ai nostri sostenitori di adottare varie forme di azione anonima e di parte per diffondere informazioni sulla guerra in Ucraina. Questo tipo di azioni è adatto, tra l’altro, a chi non è pronto ora o per qualche motivo non può permettersi di andare alle proteste. Tieni presente che anche questi tipi di attivismo non sono sicuri oggi. Ad esempio, abbiamo dati sugli arresti durante la distribuzione di volantini contro la guerra. Cerca di non intraprendere tali azioni da solo e tieni a portata di mano il numero OVD-Info in caso di arresto. Rimani anonimo sui social media e usa la protezione digitale. Cosa si può fare per rompere il blocco delle informazioni: 1. Distruggi la propaganda In molte città, i giornali gratuiti vengono distribuiti agli ingressi della metropolitana (ad esempio, la metropolitana di Mosca). Questi giornali sono pieni delle bugie e della propaganda più spudorate sulla guerra in Ucraina, e sono questi giornali che cadono nelle mani dei nostri compatrioti. Prendi alcune copie dai distributori ogni giorno per distruggerle. Se non hai paura, puoi distruggerli pubblicamente, direttamente nei vagoni della metropolitana. Consenti ad altre persone di vedere il tuo atteggiamento nei confronti di queste informazioni. Puoi anche strappare volantini e adesivi filogovernativi dai muri delle case e dalle bacheche, rimuoverli dai mezzi pubblici. 2. Diffondi informazioni sulla guerra offline Se hai una stampante, stampa articoli sulla guerra e le sue vittime da media indipendenti come Meduza, Mediazona, Storie importanti, The Insider. Disponi gli articoli nelle cassette delle lettere, sui davanzali dei portici o lasciali negli spazi pubblici. Consenti ai russi che non hanno una VPN di accedere a questi materiali. Continua ad appendere volantini, adesivi e poster contro la guerra (condivideremo presto nuovi layout, ma puoi crearne uno tuo). Questo dovrebbe essere fatto quando fa buio, i vestiti dovrebbero essere poco appariscenti, una maschera sul viso. Non portare con te molti volantini contemporaneamente. I volantini possono essere inseriti nelle cassette postali. Se sei un artista/artista che fa street art o graffiti, continua a dipingere graffiti contro la guerra sulle superfici delle città. Coprire i graffiti e gli striscioni di propaganda. 3. Spargi la voce online Abbiamo ricevuto informazioni secondo cui i dipendenti delle organizzazioni statali saranno ora costretti a partecipare a flash mob online con gli hashtag filogovernativi #ZaMir, #ZaPutin, #ZaNashikh, #ZaRussia, #WeDon’t Leave Our Own, ecc. Puoi usare questi hashtag per diffondere appelli e informazioni contro la guerra. Scrivi messaggi allegorici contro la guerra sotto questi hashtag (ad esempio: “Sono #ZaPutin al tribunale dell’Aia”) o distribuisci le foto della distruzione in Ucraina e delle persone che evacuano (scrivi nella foto che sta accadendo). Spammiamo questi tag e facciamo deragliare la campagna a favore della guerra. È particolarmente importante diffondere informazioni sulla guerra nei social network russi “conservatori”. Iscriviti a Odnoklassniki, invia una newsletter su WhatsApp (in opzione: nel nostro canale trovi il testo #letter_of unhappiness per questo). Sii consapevole dei rischi associati alla legge falsa, quindi sii creativo con la tua formulazione. Le autorità ci hanno proibito di chiamare guerra una guerra, ma nessuno ci ha proibito di descrivere, ad esempio, le conseguenze economiche di questa “operazione speciale”. Puoi utilizzare i simboli e gli hashtag della Resistenza femminista contro la guerra nei materiali online, così come in volantini, poster, adesivi e in manifestazioni e raduni. 4. Sabotaggio per lo Stato Se siete dipendenti pubblici e dipendenti di imprese private che sono costretti a lavorare per questa guerra e a servirla (incluse le informazioni), provate le pratiche di sabotaggio. Se hai una squadra leale, puoi concordare un congedo per malattia di massa. I casi di pressione gestionale possono e devono essere resi pubblici; ci sono organizzazioni che forniscono assistenza legale gratuita in tali casi. Ad esempio, professori universitari e scienziati sono aiutati dal sindacato Universitetskaya Solidarity e gli insegnanti di scuola dal sindacato Uchitel. Se siete impiegati del tribunale e siete stanchi di contribuire alla falsa giustizia, iniziate almeno perdendo, ad esempio, le cause di alcuni manifestanti. Se sei un dipendente degli uffici di registrazione e arruolamento militare, perdi dati dei coscritti. Se siete medici in una commissione medica, scrivete che i coscritti non sono idonei al servizio militare per motivi di salute. Puoi salvare molte vite.

[13/03/22 17:40] [Inoltrato da OVD-Info]

Anastasia Kotlyar è stata gravemente picchiata a una manifestazione contro la guerra a Vladivostok, e sospettata di avere una commozione cerebrale. Ecco cosa dice: “All’incrocio del Parco Pokrovsky, io e Andrei e alcuni giovani attivisti ci siamo riuniti, Andrei e io abbiamo tirato fuori i poster e siamo scesi in piazza. Da lì volevano correre verso Lenin o ad Arbat [due note strade di Mosca, ndr]. Ma òa polizia ci ha visto, è salita in macchina e si è diretta verso di noi. Presto è arrivato il primo toro e mi ha afferrato. Andrei è arrivato di corsa, prima che avesse il tempo di fare qualsiasi cosa, ma hanno iniziato a gettarlo a terra. Mi sono messo tra lui e la polizia (dopotutto, non picchieranno una ragazza: sì). Siamo stati gettati a terra, hanno iniziato a colpirci e girare. Mi hanno presa per le gambe e per le mani e gettato in questo strano autobus, dove c’è un tavolo in mezzo al bus. I poliziotti che ci avevano trattenuti se ne sono andati e ne è entrato un altro. Mi ha chiamato puttana, mi ha sbattuto la testa sul tavolo, ha iniziato a soffocarmi. Ha detto qualcos’altro, ma non ricordo. Sono arrivati ​​altri poliziotti e lui si è ritirato. Siamo stati portati al dipartimento”. Anastasia è stata portata dal dipartimento all’ospedale.

[13/03/22 17:33]

Gli attivisti scrivono che i rifugiati ucraini sono ora costretti alla tratta di esseri umani, approfittando del fatto che sono esausti e disorientati. Qualsiasi guerra contribuisce alla violenza di genere: i diritti umani e l’assistenza ai rifugiati devono tenerne conto. “Ad oggi, circa 2 milioni di persone si sono già trasferite nell’UE dall’Ucraina dilaniata dalla guerra, di cui quasi 1,4 milioni sono donne, ragazze e ragazze. Le testimonianze di volontari che lavorano vicino ai confini ucraini ci danno motivo di ritenere che alcune ragazze rifugiate siano già state invitate da magnaccia che agivano sotto mentite spoglie di volontari che accettano rifugiati. E con un’alta probabilità, in questo momento sono in corso trattative con le ragazze per coinvolgerle nella prostituzione. Inoltre, le prostitute dei gruppi di aiuto ai rifugiati pubblicizzano apertamente il reclutamento di ragazze dall’Ucraina durante la loro evacuazione dal paese dilaniato dalla guerra. Abbiamo prove dell’esistenza di tali annunci”.

[03/12/22 18:42]

❗️Instagram ha bloccato il nostro account a causa di massicci reclami. Eravamo pronte per questo, resoconti filo-governativi e misogini fanno costantemente incursioni sulle pagine attiviste. Ma è interessante che ci abbiano segnalate in massa per “propaganda della violenza”. Oh, meraviglioso mondo sottosopra: i resoconti che promuovono la guerra di Putin non sono banditi, ma i resoconti che invocano la pace sono banditi per la violenza. Possiamo fare un reclamo a Instagram. Se per qualche motivo non dovessero accettarlo, creeremo un nuovo account. In ogni caso Instagram sarà presto dichiarata organizzazione estremista, quindi non ha senso considerarla ancora la piattaforma principale. Iscriviti a questo canale.

[03/12/22 18:04]

Vivo in Russia e sono minorenne, quindi è molto difficile per me dare una mano in vari modi. Di recente, per un picchetto tranquillo, mi hanno colpita a scuola, e poi a casa. Ma non posso tacere, è molto difficile. La ragazza che amo è in Ucraina e non riesco a dormire sapendo cosa sta succedendo. Di recente, ci è stata somministrata la propaganda durante una lezione, in cui è stato detto che i media occidentali e ucraini stanno demonizzando la Madre Russia. È una totale sciocchezza! Per favore, se avete figli che studiano nelle scuole, smentite questo lavaggio del cervello con il pretesto che tanto “i bambini non hanno posto in politica”. Sono nata sotto Putin e ora, Dio non voglia, che io muoia sotto di lui. Solo pace e amore.

[03/12/22 13:26]

“Le società hanno sempre seguito molto da vicino e con simpatia la sorte dei soldati che tornavano dalla guerra, soprattutto di quelli ingiusti e insensati. Si scrivono romanzi su queste persone irrequiete, si girano film, si organizzano fondi per la riabilitazione per loro. Ma le società evitano di riconoscere le molte altre vittime della guerra: donne violentate e uccise. Gli uomini che muoiono in guerra sono onorati come eroi, a loro vengono eretti monumenti. Le donne violentate e uccise non sono elencate come eroi, non sono monumenti eretti. Coloro che sopravvivono portano con sé la loro umiliazione”. Raccomandiamo di leggere e raccomandare a coloro che dubitano dell’orrore della guerra il testo di Elena Meshcherkina sullo stupro di massa come parte dell’etica militare http://www.demoscope.ru/weekly/2005/0225/analit04.php

[03/12/22 09:31]

Sono nato in un’Ucraina indipendente, bellissima e sovrana! Fin dall’infanzia parlavo ucraino e russo, senza provare alcuna oppressione da parte dei compatrioti intorno a me. In effetti, ho due lingue native. Ma la mattina del 24 febbraio 2022 tutto si è capovolto, la vita  tranquilla di ieri in un momento è piombata in un abisso ed è stata sostituita da un terribile incubo. Ci stanno salvando da chi non è chiaro, stanno cercando di cambiare qualcosa nel nostro Paese, nel suo modo di vivere, nella nostra vita, stanno distruggendo le nostre città, e vite umane. Non abbiamo chiesto a nessuno di salvarci, per noi andava tutto bene, andavamo ai nostri lavori, incontravamo i nostri cari, viaggiavamo. E ora sono seduto in un freddo seminterrato e sono in preda a un panico senza fine, sto pregando per sopravvivere fino al mattino, così che mia madre chiami di nuovo, e che i miei parenti siano sopravvissuti alla notte mentre stanno difendendo la nostra città! Dobbiamo fermare questo, salvare molte più vite innocenti ed educare la prossima generazione con i giusti valori! #voce_di_ucraini

[11/03/22 14:03] [nel gruppo di riporta l’ultimo post Instagram di Asya Klimova, scritto il 26 febbraio e morta a causa del bombardamento della torre della televisione di Kiev]

Vivere in una città in cui c’è una guerra significa trasformarsi in una voce. Sai che quando un’auto parte a un semaforo, il rumore che fa è come l’inizio di un’allerta di raid aereo? Io lo so. Ho due semafori sotto le finestre. Due settimane fa sono andata a fare slittino a Bukovel; e quella scarica di adrenalina non è nulla in confronto all’adrenalina di camminare dalla metropolitana a casa ora. Sono nata in Russia, mio ​​nonno è nato a Lugansk, sua madre a Kharkov. So che ha un’antica famiglia cosacca […]. Mia madre si chiamava Oksana alla maniera ucraina e fin dall’infanzia mi è sempre piaciuto molto che il suo nome fosse lo stesso dell’eroina de La notte prima di Natale [racconto omonimo di Gogol’, ndr]. Sono innamorata di Kiev dal 2013, sono innamorata di Odessa fin dalla prima infanzia, ho sempre sentito il mio coinvolgimento con questo luogo. Sono venuta qui per saperne di più ed entrare in contatto con gran parte della mia identità e cultura nazionale. Eppure anche io vengo da Nizhny Novgorod [città russa, ndr] e conosco e amo infinitamente la mia città. Mi siedo sulla soglia di casa mia […] e aspetto che i miei vicini mi chiamino per andare in metropolitana, perché è inquietante camminare da sola. I miei vicini parlano russo con me e i loro genitori al telefono. I loro genitori ora sono in altre città, in altri rifugi. Oggi ho dormito in metropolitana e ho pensato che quando tutto questo sarà finito, voglio fare volontariato nelle organizzazioni per i senzatetto, perché essere senzatetto fa schifo, e anche dormire sulla schiuma della metropolitana sotto una coperta fa schifo. Sto scrivendo per alleviare l’ansia e condividere cosa significa essere qui in questo momento. Ti sarò grata se condividerai questo post, in modo che i tuoi contatti sappiamo ciò che sta realmente accadendo qui ora. Nessuno mi sta salvando dai nazisti, hanno attaccato me e le persone intorno a me e continuano ad attaccare giorno e notte.

[09/03/22 16:10]

Il testo di Novaya Gazeta sulle torture e gli insulti delle ragazze che hanno protestato il 6 marzo in questura. Quello che è successo a Brateevka non è stato affatto un caso isolato. Questo è il modo in cui le donne e le loro opinioni vengono effettivamente trattate nel nostro paese – e una volta all’anno nascondono questo atteggiamento con fiori e cioccolatini ostentati. Ma lo cambieremo, ovviamente. https://novayagazeta.ru/articles/2022/03/07/vy-zhe-suki-tvari-proshmandovki-za-kopeiku

 [09/03/22 19:06]

L’edizione russa di Deutsche Welle ha scritto della nostra azione in memoria degli ucraini morti. Il materiale, inoltre, racconta come la guerra in Ucraina influirà sulla posizione delle donne e sui loro diritti (spoiler: negativamente). Grazie mille alla giornalista Lola Tagaeva per l’articolo! https://www.dw.com/ru/kommentarij-nastojashhee-8-marta-den-antivoennogo-zhenskogo-soprotivlenija/a-61057336

[09/03/22 13:12]

Mi sento molto male e molto triste, non posso piangere e non posso fare niente. Ho paura dei rumori forti per strada, dei rumori delle macchine, delle urla, dei fuochi d’artificio, dei fulmini, dei tuoni. Sono in uno stato di stupore per il fatto che il paese in cui sono nato ha attaccato un paese che si è rivelato più importante e più vicino a me di qualsiasi altro. Da un anno l’ucraina è diventata la mia casa: ho trovato buoni amici, ispirazione e linfa per la mia creatività e quando ho pensato a dove mi sarebbe piaciuto vivere in futuro non potevo pensare ad altro che all’ucraina; e ora non posso. Non posso credere che i miei cari mi stiano giudicando per aver cercato di aiutare in qualsiasi modo coloro che hanno paura di lasciare il Paese. Sono amareggiata e ferita perché non mi credono e svalutano i miei veri sentimenti e il mio affetto. Sono contro la guerra e faccio tutto ciò che è in mio potere per aiutare chi soffre e chi vuole andarsene perché ci sono stato io stesso e so quanto sia spaventoso, ma non riesco a immaginare quanto sia spaventoso per chi vive lì da tutta la vita e che ha parenti lì, ma cerca comunque di sostenere tutti e aiutare. Sono sbalordita dal coraggio e dalla forza dell’esercito ucraino e dal coraggio della gente comune che sta combattendo per le proprie città per la propria vita e la propria libertà. Vincerà l’Ucraina non può andare diversamente Mi dispiace di essere andata via, ma sono contenta di essere viva e so che tornerò sicuramente #voce_di_ucraini

[08/03/22 07:05]

🩸Bene, care compagne d’armi, Putin ha fatto gli auguri alle donne russe per l’8 marzo. “Difenderò la mia patria con la lingua, con la penna e con la spada, finché avrò vita”, il presidente lo ha fatto citando l’imperatrice Caterina II. Chi siamo noi per disobbedire alle istruzioni dello stesso Vladimir Vladimirovich? Difendiamo la nostra Patria dal nostro presidente-dittatore e dal suo finto governo illegittimo. Non importa se sei qui o altrove, c’è ancora molto che puoi fare. Proteggiamo il nostro Paese dall’isolamento, dalla povertà, dalla devastazione e dalla violenza – è proprio questo che la guerra di conquista porta nelle nostre vite. Continuiamo a scrivere testi, affiggere volantini, andare alle azioni, organizzarci: tutto questo lo sappiamo fare, siamo abituate a resistere alla violenza di genere, e ora dobbiamo indirizzare le nostre capacità di resistenza alla violenza di stato (tutti i tipi di violenza sono collegata, è un circolo). Vogliamo proteggere il nostro futuro. La guerra è sempre un passo indietro per i diritti umani e, per le donne, la guerra comporta anche ulteriori rischi di violenza sessuale. Lo stupro in guerra è una delle strategie aggressive e di appropriazione. Dicendo “no” alla guerra, diciamo “sì” a:

  • uguaglianza
  • pratiche di solidarietà e di mutua assistenza
  • buon vicinato
  • rispetto
  • identità diverse dalla nostra

Il nostro paese è governato da uomini che hanno perennemente usurpato il potere. Non ce la faranno. È tempo di seguire le raccomandazioni del nostro presidente e proteggere la Russia dal presidente stesso. Partecipa all’azione oggi!

[07/03/22 20:36]

Per non rischiare usando la parola “contro la guerra” (la parola “guerra” è ormai bandita, come sappiamo, insieme allo slogan “no war”), puoi cambiare il nostro hashtag così #FeministPeacefulResistance, noi lo faremo e cercheremo i vostri post anche così. Ma è meglio agire in modo anonimo e inviarci le tue foto e i tuoi testi al bot. Abbiamo urgentemente bisogno di prendere possesso dei formati dell’attivismo anonimo ora.

[07/03/22 18:19] [segue Video]

Il video ci è stato inviato da Marina Grokhovskaya, cittadina russa che vive a Kiev da 15 anni. Ha detto di non essere mai stata offesa in Ucraina per essere russa o per parlare russo. E ha esortato i russi a non credere alla propaganda russa e a non farsi da parte. Alla fine del video, ha fatto a pezzi il suo passaporto russo. #voce_di_ucraini #voices_of Russian women (introduzione di un nuovo hashtag per gli appelli delle donne russe)

[06/03/22 22:01] [File audio: progetto senza titolo]

– Puttana, rispondi? – Articolo 51 [la donna invoca cioè l’articolo della Costituzione della Federazione russa che sancisce che nessuna persona è tenuta a fornire prove incriminanti per sé o per i propri cari] Il suono di uno schiaffo, il sospiro di una ragazza. – Wow, hai intenzione di rispondere? Posso fare di peggio – Articolo 51 Altri rumori di pestaggio. Questo è un frammento di una registrazione audio delle torture nel dipartimento di polizia di Brateevo. Alexandra Kaluzhskikh, la ragazza che è stata picchiata durante l’interrogatorio, ha autorizzato la condivisione pubblica di questo documento. Attenzione: è molto spaventoso da ascoltare. Stiamo cercando un aiuto psicologico gratuito per tutte le vittime in questo dipartimento di polizia. E per tutti coloro che hanno partecipato al pestaggio, abbiamo in programma di trovare una prigione adatta.

[06/03/22 20:20] ❗️Urgente! Tortura nella stazione di polizia di Brateevo!

Siamo stati informati che sono state picchiate almeno tre ragazze detenute. Hanno versato loro acqua addosso, sono state picchiate in faccia e sul corpo, sono stati strappati loro i capelli, è già stata chiamata un’ambulanza, a una di loro è stato messo un sacco in testa. Impossibile entrate in contatto, non fanno entrare nessuno! CHIAMA E RICHIEDI SUBITO SPIEGAZIONI Procuratore di turno di Mosca: 8 (495) 951-71-97 USB Ministero degli Affari Interni a Mosca: 8 (499) 255-96-57 Hotline del Ministero dell’Interno: 8 (800) 222-74-47 [06/03/22 20:56] ❗️Uno delle persone fermate al dipartimento di polizia di Brateevo ci dice: “Eravamo in 29 lì, all’uscita del’Accademia ci hanno portato via i documenti e condotto in tutti in aula magna. C’erano due persone in borghese, ma a quanto pare si tratta di spazzatura dello dipartimento di polizia stesso [in attesa di traduzione] Poi alcune persone sono state portate fuori. Mi hanno picchiato per essermi rifiutata di fare le foto segnaletiche. Non hanno preso le impronte digitali di tutti. Hanno controllato i telefoni, minacciato chi si rifiutava di mostrarli. In generale, di fronte a ogni rifiuto sono seguite minacce.iniziavano le minacce. Hanno picchiato le persone usando le mani, le ginocchia, le bottiglie, a una ragazza hanno messo un sacchetto in testa, le hanno versato sopra dell’acqua, poi le hanno preso il gel antibatterico e gliel’hanno spruzzato in faccia dopo averla minacciata con una pistola. Chiediamo a tutte le vittime che sono pronte di farsi accompagnare dagli avvocati per incarcerare questi mostri. Scrivici nel bot. Ed ecco le istruzioni per chi chiama il dipartimento di polizia. Ci sono ancora persone lì: https://www.instagram.com/p/CafKROKr6Cr/?utm_medium=copy_link

[06/03/22 18:33]

❗️Informazioni per chi si trova in Russia: secondo gli emendamenti al Codice Penale della Federazione Russa recentemente adottati, la ripubblicazione (o distribuzione pubblica) di materiali sul tema della guerra dal nostro canale Telegram può essere punita con una multa e persino con la reclusione. Nessuno però ti vieta di leggere quello che vuoi, di discutere con gli amici e di pensare. Continueremo a pubblicare materiali e storie inviateci da attivisti ucraini e condivideremo con voi informazioni sulla guerra che non saranno condivise in TV. Continueremo a combattere la guerra con tutti i mezzi possibili. Mettiti in contatto!

[05/03/22 18:46]

Su Novaya Gazeta con l’investigatore di Bellingcat, Christo Grozev. Grozev è stato uno di coloro che hanno indagato sull’avvelenamento di Navalny e, anche prima dell’inizio della guerra in Ucraina, ha ricevuto informazioni al riguardo e ha messo in guardia sui piani di Putin. In onda, Grozev racconta cosa sta realmente accadendo ora in Ucraina e Russia. In breve: l'”operazione speciale” non va affatto secondo il piano di Putin, dal momento che parte della leadership dell’esercito e degli ufficiali di sicurezza sabotano le decisioni dall’alto e molti soldati sparano deliberatamente in campo aperto invece che agli obiettivi prefissati. Ecco perché le truppe si muovono male e la guerra lampo è fallita. Tuttavia, Putin ora ha in mano una centrale nucleare e può usarla per intimidire e fare pressione sull’Occidente e sul governo ucraino.

[05/03/22 14:35]

Economicamente, abbiamo già perso questa guerra. Riassumendo: presto non ci sarà più niente da mangiare. Putin e il suo entourage non solo hanno ucciso molte persone innocenti in Ucraina, ma hanno anche distrutto completamente l’economia russa con la loro folle avventura e condannato milioni di persone alla povertà. Colpirà più duramente, ovviamente, i più vulnerabili, che nel nostro paese, sono spesso anche i più moderati.

[05/03/22 11:02] Stupro di massa come parte dell’etica militare

Condividiamo con voi un breve saggio in cui la ricercatrice Elena Meshcherkina spiega perché gli stupri di massa fanno così frequentemente parte di qualsiasi guerra. L’articolo è stato pubblicato sulla rivista Gender Studies (n. 6, 2002). Questa è una delle tre riviste dedicate agli studi di genere pubblicati in russo. La rivista è pubblicata nel Kharkov Center for Gender Studies. La sua caporedattrice, la filosofa Irina Zherebkina, si nasconde ora dalle bombe russe nel seminterrato della sua casa a Kharkov. Siamo molto preoccupati per Irina Anatolyevna e speriamo che rimanga in vita.

“Le società hanno sempre seguito molto da vicino e con simpatia la sorte dei soldati che tornavano dalla guerra, soprattutto gli ingiusti e gli insensati. Si scrivono romanzi su queste persone irrequiete, si girano film, si organizzano fondi per la riabilitazione per loro. Ma le società evitano di riconoscere le molte altre vittime della guerra: le donne violentate e uccise. Gli uomini che muoiono in guerra sono onorati come eroi, a loro vengono eretti monumenti. Le donne violentate e uccise non sono elencate come eroi, non sono monumenti eretti. Coloro che sono sopravvissuti portano con sé la loro umiliazione…”

[05/03/22 10:46]

A San Pietroburgo e Vladimir sono in corso perquisizioni di massa per un nuovo procedimento penale [in attesa di traduzione] “cerchia indefinita di persone”. Sono in corso ricerche anche nelle case delle femministe Lelya Nordik, Lyubov Samylova, Evgenia Smetankina e di un’altra femminista che ha chiesto di non rendere pubblico il suo nome.

[05/03/22 09:04] Rapporto di Elena Kostyuchenko di Odessa, in attesa dell’assalto

“È così e basta – dice Taya. – Si può dire, come molti amano fare: sono cose politiche, non le capiamo, mentono tutti, ma la verità è che è tutto chiaro. Quando qualcosa vola verso di te dal cielo, vedi edifici residenziali esplodere, capisci: tutto diventa decisamente chiaro”. Vika lava i piatti. Vera Grigorievna va nella stanza accanto e tira fuori le buste con le fotografie. Le buste si sbriciolano da quanto sono vecchie. Le nomina: “Mamma”, “Amici”, “Il giorno del matrimonio”, sono facce calme in bianco e nero. Vera Grigorievna sceglie meticolosamente i morti, che porterà con lei in un rifugio antiaereo. Tratto da: https://novayagazeta.ru/articles/2022/03/04/bozhe-moi-u-menia-kogda-to-byla-zhizn-ia-ee-zhila-i-liubila

[04/03/22 16:57]

Come partecipare alla nostra azione se non sei in Russia Sappiamo che molte persone al di fuori della Russia sostengono la nostra resistenza. Grazie, significa molto per noi! Molti di voi scrivono ai nostri coordinatori e chiedono come possono partecipare alla nostra azione. Ecco un paio di idee:

  • 6 marzo: manifesta contro la guerra di occupazione in Ucraina. Sabato alle 15, si uniranno catene di donne per manifestare contro la guerra in varie città della Russia. Puoi unirti agli attivisti russi andando alle 15:00 ora locale all’ambasciata russa nella tua città per protestare contro la guerra. Oppure organizza la tua dimostrazione. Sentiti libero di usare il simbolo (https://www.dropbox.com/sh/h1jfnch32puluwt/AAAKvfcm6XgjbqPxW-vPfb-na?dl=0) del nostro movimento e l’hashtag #FeministAntiWarResistance.
  • 8 marzo: lutto per i morti ucraini. Nella Giornata internazionale della donna di quest’anno, non parleremo dei diritti delle donne, ma di quelli dei civili che sono morti a causa dell’aggressione militare russa. Invitiamo tutti coloro che non sono in Russia a deporre fiori presso l’ambasciata ucraina della loro città in questo giorno.

Si prega di condividere queste informazioni con più persone possibili!

[04/03/22 14:59]

Come trovarci durante le manifestazioni del 6 marzo La rubrica femminista avrà i suoi poster, ma, molto probabilmente, li perderemo presto, quindi puoi distinguerci in mezzo alla folla 🩸 dai canti, 🩸dall’elemento rosso sui vestiti (indossa qualcosa di rosso, ma è meglio farlo quando si è già in marcia), 🩸dal famoso gesto femminista, utilizzato dalle femministe di tutto il mondo negli anni ’70: aprire i palmi intrecciati (ci sono le foto sotto). Tra poco verranno creati canali separati per la comunicazione e il coordinamento durante la marcia, restate sintonizzati. PS Visto che il 6 marzo è anche la domenica del perdono, e ci sono anche credenti tra le femministe, puoi uscire con le icone Tuttavia, nella domenica del perdono, non dimenticheremo né perdoneremo tutto ciò che sta accadendo ora in Ucraina e nel nostro paese. Ricorda il gesto

Dalla chat Telegram Феминистское Антивоенное Сопротивление

[04/03/22 13:04]

Provocatori misogini e di ultra-destra promettono di interrompere la catena delle donne del 6 marzo a Mosca. Chiediamo ai nostri amici e compagni antifascisti di unirsi alla nostra colonna per darci aiuto! [in attesa di traduzione] Vi esortiamo a non avere paura e a stare in marcia come una montagna le une accanto alle altre. Interessante, ovviamente, un fatto: Putin assicura che sta liberando l’Ucraina dai nazisti, ma Putin stesso e la sua guerra sono sostenuti nella Federazione Russa principalmente dai neonazisti locali. 🤡🤡🤡

[04/03/22 07:30] [Inoltrato da DOXA]

L’avvocata Maria Eismont al picchetto. È stata arrestata oggi

[04/03/22 00:13]

In questo momento, il governo sta bloccando i siti web dei media indipendenti in modo che tu e io non possiamo leggere la verità.

[03/03/22 22:15]

Come partecipare a picchetti di ballo contro la guerra?

  • Scegli un posto per il tuo picchetto di ballo dove ci sono altre persone: stazioni della metropolitana, cortili, negozi, strade, il tuo posto di lavoro.
  • Scrivi lo slogan contro la guerra “NO WAR” su vestiti, zaino. Balla accanto a manifesti contro la guerra, o scritte sui muri.
  • Trova qualcuno o qualcuna che verrà con te. Concorda in anticipo le azioni in caso di fermo (consegna a quella persona lo zaino, segnala i tuoi dati a dati a [nome bot]. Puoi prendere un marsupio e ballare con esso, mettendoci il tuo caricabatterie, telefono, medicinali, chiavi, passaporto, power bank e altre cose necessarie in caso di fermo. Metti tutto il resto in uno zaino e consegnalo a chi ti accompagnerà.
  • Pubblica il tuo picchetto di ballo con gli hashtag #dance_against_war

Stai attento e prenditi cura di te! Quando arrivi sul posto, guardati intorno: se la polizia e i posti di blocco sono immediatamente visibili, cambia posto.

[03/03/22 22:29]

Anche l’attivista Katrin Nenasheva è stata detenuta a Mosca. Katherine è stata detenuta all’Open Space durante una cena di pace che ha ospitato. Una cena di pace è un’azione durante la quale le persone, cenando insieme, comunicano e si sostengono a vicenda nel mezzo di una tragedia militare. Inviamo il nostro supporto a Katherine! Caterina scrive:

Sono seduto nella [cella della Polizia | in attesa di conferma della traduzione]. Molto probabilmente questo è l’ultimo messaggio dal Dipartimento, il telefono sta morendo e vogliono lasciarmi passare qui la notte. L’articolo 19.3, “disobbedienza alla polizia”, ​​è il mio capo di accusa;  anche se ho immediatamente consegnato il passaporto e sono salito immediatamente in macchina. Lascia che ti ricordi che non ero nemmeno al picchetto e che non ero alla manifestazione contro la guerra oggi. Ho solo organizzato una “cena di pace” in cui le persone potevano ricevere supporto e parlare di come affrontare lo stress.

Ecco una foto della Cena della Pace, che, come potete vedere, è pericolosa per il regime russo dell’evento.

Dalla chat Telegram Феминистское Антивоенное Сопротивление

[03/03/22 22:13] [il video postato nella chat]

L’artista Marina Shamova organizza picchetti danzanti da diversi giorni:

“Quando esco a ballare ho paura. So quanto sia estenuante qualsiasi interazione con la polizia e le detenzioni, ed è un’esperienza che non voglio ripetere. Ma non è quello di cui ho davvero paura. Ballando contro la guerra, sto cercando di riconquistare la soggettività di cui sono stata privata il 24 febbraio 2022. Sono una cittadina russa e mi oppongo alla guerra con l’Ucraina, ai bombardamenti dei miei amici e delle mie amiche, all’arbitrarietà di Putin”

Ieri a San Pietroburgo Marina ha subito l’aggressione fisica di due passeggeri della metropolitana (vedi video). E stasera ha incontrato l’aggressione della polizia: Marina è stata arrestata. Esprimiamo la nostra profonda solidarietà e sostegno a Marina! #No guerra

[03/03/22 16:36] 🩸8 marzo

Noi, le donne della Russia, ci rifiutiamo di celebrare l’8 marzo di quest’anno: non regalateci fiori, meglio scendere in piazza e deporli in memoria dei civili morti in Ucraina (circa 300 persone, ci sono bambini tra i morti), contro i quali il nostro Paese ha scatenato le ostilità. Oppure deporre i fiori che ci vengono donati ai monumenti: i fiori sono meglio dei proiettili.

Nell’intervallo dalle 12:00 alle 16:00, invitiamo tutti a deporre fiori presso qualsiasi monumento della Grande Guerra Patriottica della propria città, la guerra dietro cui si nasconde spudoratamente il governo Putin, commettendo crimini di guerra contro i civili in un altro paese. Mostra al popolo ucraino, alle donne e ai bambini dell’Ucraina, che piangi con loro, mostra che le madri e le mogli della Russia non sono pronte ad accogliere i loro figli e mariti in bare di zinco. No, non limitarti a mostrarlo, combatti per questo! L’8 marzo è il giorno della lotta per i diritti delle donne, oggi lottiamo per la pace per le donne ucraine e ucraine e per la libertà per le prigioniere politiche russe, tra le quali ci sono sempre più donne ogni anno. Quest’anno, l’8 marzo per noi è un giorno di rabbia e lutto: vi chiediamo di venire senza cartelloni e di organizzare minuti di silenzio, stando ai monumenti. Il formato della nostra azione è in piedi. Per molti anni la propaganda ha usato il 9 maggio a proprio vantaggio, ma dietro le ostentate parole sulla pace c’era in realtà una sete di guerra, invece del “mai più” viviamo nella realtà del “possiamo ripeterlo”. L’8 marzo di quest’anno è un nuovo 9 maggio: un giorno di lotta contro il militarismo, le guerre imperiali e i terribili sacrifici da entrambe le parti. Non possiamo garantire che non sarai trattenuto. Crediamo che se le detenzioni inizieranno durante un raduno funebre, dimostreranno solo la mancanza di principio e la mancanza di qualsiasi onore in uno stato di potere e in un regime autoritario. ❗️Come aderire: Scegli un monumento della Seconda Guerra Mondiale nella tua città (non importa se è visibile o meno, può essere una stele, un monumento, una targa commemorativa, ecc.); Coopera con altre persone in anticipo o deponi fiori da sola; Organizza un minuto di silenzio al monumento; Non cedere alle provocazioni; Preparati per la detenzione [segue rimando alle linee guida in caso di detenzione] Puoi scattare foto dell’azione e pubblicarlae con l’hashtag #FeministAnti-WarResistance | #ФеминистскоеАнтивоенноеСопротивление in modo che possiamo trovarti.

[03/03/22 15:20] [Inoltrato da Studenti contro la guerra]

Noi, studenti degli istituti di istruzione superiore della Russia, siamo indignati da ciò che sta accadendo nel nostro paese. Non vogliamo guardare impotenti mentre crimini efferati vengono commessi in nostro nome e rifiutiamo di accettare lo stato attuale delle cose. Invitiamo tutte le comunità accademiche e studentesche a unirsi a un sonoro NO alla guerra. Dobbiamo renderci conto che la nostra passività ci priva del rispetto di noi stessi e ci priva di qualsiasi futuro.

Crediamo che il silenzio, e ancor di più il sostegno a ciò che sta accadendo da parte dell’Accademia Russa, non solo porterà all’isolamento e al degrado della scienza russa, ma distruggerà anche tutto ciò a cui noi studenti dedichiamo ogni giorno la vita.

La nostra esistenza è stata divisa in un prima e un dopo nel momento stesso in cui i primi proiettili russi sono esplosi sul territorio dell’Ucraina. La vita non sarà mai più la stessa e abbiamo una scelta: o non fare nulla e accettare l’assenza di un noi come comunità, o dimostrare che lo siamo e avere la possibilità di un futuro diverso.

A partire da venerdì 4 marzo, vieni a scuola con slogan contro la guerra su vestiti e borse. Scrivi “NO WAR” sulle mascherine sanitarie. Così possiamo conoscerci. Per rimanere in contatto, aggiungi le persone che la pensano allo stesso modo alle chat generali, ma non dimenticare le misure di sicurezza.

[03/03/22 13:02]

[Inoltrato dal discorso ai deputati della Duma di Stato] Molte persone in Russia si sono espresse contro la guerra con l’Ucraina, una petizione su change.org ha ottenuto più di un milione di firme. Propongo un altro modo per manifestare l’umore della società alle autorità: scrivere un appello a un deputato della Duma di Stato.

Sì, la Duma di Stato ora è un corpo fantoccio, ma vediamo che non tutti i deputati hanno perso completamente il contatto con la realtà. Al momento, Smolin, Markhaev, Matveev, Tarbaev, Gartung hanno pubblicamente condannato la guerra in Ucraina. Penso che ci siano abbastanza dubbiosi che non hanno parlato pubblicamente. Non tutti usano i social network e, in generale, capiscono cosa sta succedendo nella società. C’è speranza di influenzare la loro immagine del mondo. Qualsiasi cittadino della Federazione Russa può inviare un ricorso a un deputato.

[Segue modello della lettera linkato in drive https://docs.google.com/document/d/1yPRrSkzDVOBJSbjwkZZ7AYm172nMFhD-BrONFk7SVfg/edit]

[03/03/22 08:33]

Più attivisti da tutto il mondo si sono uniti alla nostra resistenza e il nostro manifesto è stato tradotto in tedesco, spagnolo, inglese, italiano, ceco, azero e bielorusso . Ora sono con noi anche le femministe bielorusse che, essendo cittadine di un altro paese aggressore, vogliono opporsi a questa guerra e alla politica del loro Stato. Inoltre, Frida Afari, una femminista socialista americana di origini iraniane, ci ha inviato una lettera di sostegno e ha pubblicato un piccolo manifesto personale contro la guerra in Ucraina. Non siamo soli, siamo sempre di più in tutto il pianeta – e siamo dalla parte della giustizia e della pace!

[03/03/22 07:16]

Abbiamo duplicato le informazioni sulle nostre azioni su instagram. L’account è @fem_antiwar_resistance Importante: tutti gli altri account Instagram con nomi simili non appartengono al nostro movimento! Sono duplicati che non creiamo noi. Non è ancora chiaro chi li crea e perché, ma temiamo che attraverso di essi si diffonda disinformazione. Stai attento!

[02/03/22 23:11] [Inoltrato da Leonid Volkov]*

A proposito di perdite in numeri. Il Ministero della Difesa della Federazione Russa, dopo non aver riconosciuto le perdite per l’intera settimana, ha improvvisamente rilasciato i numeri. Più di 2.000 vittime in combattimento: 498 uccise, 1.597 ferite. Ma ha precisato (qui tutti dovrebbero rallegrarsi e ballare), ci sono molte volte più vittime tra i “nazionalisti ucraini”. Il tal sergente del carro armato ha schiacciato 90 nazionalisti, il tal tenente ne ha schiacciati 100 di nazionalisti. Evviva.

Ci sono però una serie di domande:

  1. Per cosa, dopo tutto, sono morti questi nostri soldati? Perché l’esercito ucraino è morto? Molte migliaia di giovani vite macinate in meno di una settimana – per cosa? Per “ottenere l’adesione alle modalità del dialogo sull’indivisibilità della sicurezza”, come si dice al Ministero degli Esteri, in modo che nessuno capisca niente? Per “proteggere il Donbass dai nazisti e dai tossicodipendenti”? E come lo stiamo proteggendo?
  2. E dove sono i numeri dei prigionieri? Ne abbiamo visti molti. E dei dispersi?
  3. Le vittime civili? Adulti, vecchi, bambini che voi bastardi avete licenziato come [in attesa di traduzione]?
  4. E qual è il coefficiente di bugie in queste “cifre ufficiali”? Quando le forze di sicurezza russe mentono sul numero di manifestazioni: in genere le sminuiscono di tre volte rispetto ai numeri reali. Quando le autorità russe hanno mentito sul tasso di mortalità per covid, in alcuni mesi diminuito di cinque volte. Qual è il rapporto di questo coefficiente in questo caso? Bene, se ipotizziamo che le nostre perdite siano state dimezzate e quelle ucraine raddoppiate (ipotesi molto modesta in condizioni di guerra), allora il saldo tra le vittime si rivelerà approssimativamente uguale.
  5. E come si distingue un “nazionalista” da un “soldato ucraino” per la forma del cranio o degli occhi? O lo fai automaticamente: se è stato ucciso, allora è “nazionalista”? È come con Kadyrov: se hanno ucciso, significa che c’era un “terrorista” [in attesa di traduzione]… Hanno combattuto con l’esercito ucraino [in attesa di traduzione] ma hanno ucciso solo “2870 nazionalisti”, come è successo?

Molte domande. Zero risposte, solo bugie e abominio. E migliaia di destini rovinati, per niente, per niente.

Secondo i dati ufficiali, le perdite delle truppe sovietiche in Afghanistan durante 10 anni di brutale guerra ammontavano a circa 14.000 morti. Una media di 1400 all’anno. 27 a settimana. Cioè, anche se credi ai dati ufficiali, la folle guerra con l’Ucraina, oh, scusami, l’operazione militare speciale, si è rivelata 20 volte più sanguinosa. Venti volte.

Tutte le sere in ogni città sulla piazza centrale alle ore 19.00. domenica – alle 14.00. Putin non è la Russia, Putin è un pazzo criminale di guerra. * Leonid Volkov è un politico, informatico e attivista russo, capo di gabinetto della campagna di Alexei Navalny; fondatore della Internet Defense Society

[02/03/22 22:43] [Inoltrato da Novaya Gazeta]

Dal 24 febbraio 227 civili, tra cui 15 bambini, sono stati uccisi in Ucraina (https://novayagazeta.ru/articles/2022/03/02/putin-nastupaet-na-ukrainu-den-sedmoi-onlain) e 525 persone sono stati ferite (di cui 28 bambini): lo ha affermato l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani.

[02/03/22 19:13]

L’artista di Pietroburgo Elena Osipova è stata nuovamente arrestata dalla polizia. È uscita per protestare contro la guerra in Ucraina a San Pietroburgo. All’ultima manifestazione, la polizia ha preso i manifesti di Osipova, l’ha caricata su un’auto della polizia e l’ha portata via dal luogo in cui si è svolta la manifestazione.

Le proteste contro la guerra si svolgono nei pressi di Gostiny Dvor per il settimo giorno consecutivo.

[02/03/22 16:08] [Inoltrato da Novaya Gazeta]

La polizia è arrivata alla tipografia di Mosca Partisan Press I dipendenti hanno detto (https://novayagazeta.ru/articles/2022/03/02/putin-nastupaet-na-ukrainu-den-sedmoi-onlain) che il poster con la scritta “Tutti hanno bisogno di pace” è l’ultimo che sono riusciti a stampare. Ripetiamo: non cercate di stampare volantini e figurine nelle tipografie, usate solo stampanti domestiche! Non archiviare i file dei volantini sui dispositivi personali!

[02/03/22 15:26] [Inoltrato da DOXA]

Amnesty International ha denunciato almeno 10 crimini di guerra commessi dagli occupanti russi in Ucraina. Tra questi: sparatorie ad asili nido e asili, attacchi a edifici residenziali, un missile balistico su un ospedale.

[02/03/22 10:14] [commento a post tratti da Instagram che si scagliano contro l’attività di volantinaggio e comunicazione del gruppo di resistenza ]

Molte persone in Russia sono ancora nella completa negazione e hanno persino paura di pensare in quale catastrofe sono caduti non solo gli ucraini, che vengono uccisi e le cui case vengono distrutte, ma anche loro stessi. Non ci vengono sparati razzi, quindi non è corretto confrontarci con gli ucraini ora. Ma alla nostra economia, a quanto pare, è rimasta esattamente una settimana. Cosa accadrà dopo, anche i migliori economisti di livello mondiale non possono prevederlo. Cose come l’iperinflazione, la carenza di cibo e beni di prima necessità, il crollo delle imprese sono abbastanza reali. Sarà impossibile non accorgersene. Inoltre, prima o poi, inizieranno ad apparire informazioni sui soldati uccisi in Ucraina. A poco a poco, alle persone arriverà una terribile comprensione di ciò che sta accadendo e di dove sta andando tutto. E poi tutti i vostri messaggi visti in metropolitana o in autobus, volantini, adesivi, poster, post verranno ricordati e assumeranno un nuovo significato. Pertanto, sono tutti importanti e necessari, anche se ora sono accolti in modo negativo. Non prendetevela a cuore, è solo paura e debolezza, mancanza di forza per affrontare la realtà. Avete la forza per farlo.

[01/03/22 15:16]

Non sappiamo quante persone escano per protestare contro la guerra, ma sappiamo che la polizia russa sta trattenendo persone in almeno 102 città. In totale, circa 6.500 persone sono state detenute durante la guerra – e questo è solo un dato preliminare.

[seguono Elenchi dei detenuti il ​​24 febbraio Elenchi dei detenuti il ​​25 febbraio Elenchi dei detenuti il ​​26 febbraio Elenchi dei detenuti il ​​27 febbraio Elenchi dei detenuti il ​​28 febbraio]

[28/02/22 21:03] Notizie di resistenza femminista contro la guerra

[resoconto dell’attività, segue appello alle forze di opposizione all’estero]

Sappiamo che l’atteggiamento nei confronti del femminismo in Russia da parte di altre forze di opposizione è stato per molto tempo di diffidenza, poiché concepiamo molte questioni di sviluppo sociale e giustizia in modi diversi. Ma in questo momento particolare, il nostro obiettivo è assolutamente lo stesso: fare in modo che la guerra si fermi e le persone smettano di morire (e, idealmente, punire anche i criminali di guerra che hanno scatenato questo massacro). Siamo pronti a collaborare con altri gruppi di opposizione su questi temi. Vi esortiamo a dimenticare le nostre differenze e ad unirvi alla lotta comune. Vi chiediamo di diffondere informazioni sulla resistenza.

#guerrafemminile

[28/02/22 15:17] [Inoltrato da Avtozak Live]

Su quello che sta succedendo ora ai detenuti per la protesta contro la guerra, tra i quali ci sono molte ragazze: ‼️ I detenuti durante le azioni contro la guerra a Mosca non vengono portati in un centro di detenzione speciale, ma restituiti ai dipartimenti di polizia. La maggior parte di questi detenuti sono ragazze. Margarita Vainer, 19 anni, è nel dipartimento di polizia di Alekseevsky, è stata arrestata per 7 giorni, ma dopo una decisione del tribunale è stata riportata al dipartimento di polizia. Lo ha riferito a @avtozaklive l’attivista per i diritti umani Alla Frolova. Oggi è il terzo giorno di permanenza di Margherita tra le mura del dipartimento di polizia. In questi tre giorni le è stata chiamata tre volte un’ambulanza e fino ad ora il personale si è rifiutato di farla ricoverare. Secondo la madre della ragazza, ha una grave disidratazione: non può né mangiare né bere. Ora l’ambulanza è stata chiamata di nuovo.

[28/02/22 14:33]

Dipendenti dell’Assessorato alla Cultura (biblioteche, musei, gallerie) scrivono che l’Assessorato alla Cultura e il Ministero della Cultura oggi hanno chiesto il licenziamento dei dipendenti che hanno firmato petizioni e lettere collettive contro la guerra. I licenziamenti sono già in corso. Sembrava funzioni così: i responsabili dei Dipartimenti Culturali chiamano i direttori e chiedono gli elenchi dei dipendenti che hanno firmato le petizione. […] Ci auguriamo che presto appariranno fondi di aiuti russi per coloro che si sono opposti alla guerra con l’Ucraina e hanno perso i loro guadagni. Tale iniziativa sta diventando ogni giorno più rilevante, poiché sempre meno persone sono pronte a lavorare per l’apparato statale. Anche il mutuo soccorso è importante: aiutare chi ha perso il lavoro con denaro, cibo e lavoro. Puoi raccontare le storie del tuo licenziamento nei social network sotto il tag già esistente #girls_and_institutions. No alla guerra! [seguono informazioni e riferimenti legali per chi è stato epurato dal proprio posto di lavoro. Si parla di migliaia, forse anche di decine di migliaia, di licenziamenti. Anche di insegnanti]

[28/02/22 14:29] Un messaggio alla comunità LGBTQ+ 🕊

Esprimiamo solidarietà e sostegno alle persone LGBTQ+ che partecipano alle proteste contro la guerra. Sappiamo bene che rischiano arresti e arresti più della maggioranza cis-etero. Ci sono persone LGBTQ+ nel gruppo di coordinamento della Resistenza femminista contro la guerra e tra coloro che si uniscono a noi, così come in molti altri gruppi femministi e di opposizione.

Incoraggiamo le attiviste e le organizzazioni LGBTQ+ a unirsi alla Resistenza militare femminista, creare cellule locali di protesta contro la guerra nelle vostre città, partecipare a iniziative generali contro la guerra e condividere informazioni sui vostri eventi locali. La resistenza femminista contro la guerra non è solo contro la guerra, ma anche contro ogni forma di discriminazione e oppressione: omofobia, transfobia, razzismo, imperialismo, xenofobia, abilismo, ecc. Gli attivisti LGBTQ+ combattono mano nella mano da decenni per i loro diritti, nonostante le leggi repressive e l’aggressione di estrema destra. Oggi più che mai è importante unirci ancora più fortemente e mostrare insieme che nelle tradizioni dei nostri paesi non deve esserci posto per la guerra, la violenza e la discriminazione.

Le nostre comunità sono vulnerabili, ma siamo noi che siamo ancora in grado di combattere l’ingiustizia nella speranza che un futuro pacifico e libero arrivi per tutti noi.

 [28/02/22 14:10]

La femminista e poetessa russa Galina Rymbu vive a Leopoli da diversi anni. Lì lei e la sua famiglia hanno incontrato la guerra. Galina ha parlato di cosa sta succedendo a lei e alla sua famiglia ora. Testimonianza di Leopoli – della poetessa e femminista Galina Rymbu e del figlio di 8 anni Roma

“Per tutto l’ultimo giorno ripete: i russi ci uccideranno tutti qui, giusto? Moriremo tutti qui, giusto? Quando ci uccideranno?”

Dai voce ad adulti e bambini che ora sono in Ucraina. Il canale Telegram della rivista di poesia F-letter (Rymbu è uno degli editori) è passato alla pubblicazione di testimonianze personali.

[27/02/22 21:18]

Stiamo lanciando la campagna #letter_of_disfortune, necessaria per ampliare il pubblico di persone contro la guerra. Abbiamo stilizzato il nostro appello contro la guerra nel noto formato virale dei cosiddetti “messaggi a catena”. Inoltra un messaggio con un’immagine in WhatsApp ai tuoi parenti più anziani, inviala alle chat dei gruppi distrettuali e dei gruppi di Odnoklassniki. Non è un gioco, né una presa in giro, prendi questa cosa sul serio, può avere un effetto davvero virale e informativo se ci proviamo. Lascia che il messaggio penetri dove di solito penetra solo la propaganda. E segui tu stesso la regola dell’azione: invia il testo in un messaggio personale o in un commento a 7 amici. No alla guerra. TESTO DELLA LETTERA Se non invii questa lettera a 7 amici, la felicità e la vita serena non brilleranno per te nei prossimi anni!!!! Stai leggendo questa lettera perché la Russia ha attaccato l’Ucraina (di notte, quando i civili dormivano): in pochi giorni il numero delle vittime da entrambe le parti è salito vertiginosamente. La Russia bombarda, anche le case dei civili, la gente in Ucraina dorme in rifugi antiaerei, tra i morti ci sono bambini. La Russia proibisce di chiamare guerra la guerra: definisce ciò che sta accadendo un'”operazione speciale”, impiega giovanissimi coscritti nelle battaglie e il presidente Putin minaccia il mondo intero con armi nucleari. Molti cittadini russi guardano solo i canali statali e non sanno cosa sta succedendo. I nostri figli, mariti, padri stanno già morendo e il Ministero della Difesa della Federazione Russa non rivela nemmeno i loro nomi!😡😡😡 Questa #lettera_di_infelicità ti invita a opporti alla guerra, se non per il bene degli ucraini, almeno per il tuo stesso bene. Se la guerra non si ferma, se chiudiamo un occhio su di essa e facciamo finta di vivere la nostra vita normale, il nostro paese diventerà povero ed emarginato, non avremo di che sfamare i nostri figli!! I nostri nonni hanno combattuto nella Grande Guerra Patriottica non perché i loro pronipoti morissero in una nuova guerra che noi stessi abbiamo scatenato. Le guerre non finiscono con l’aiuto di altre guerre, non puoi portare la pace nel Donbass con l’aiuto di una nuova guerra!💧💧💧💧 Questa lettera ha un potere spirituale, ha assorbito la sofferenza di milioni di persone, quindi non consigliamo di ignorarla se l’hai già letta. Inviala agli amici su WhatsApp, ai compagni di classe e su tutti i social network disponibili e lascia che la pace arrivi. Puoi scoprire TUTTA LA VERITÀ con l’hashtag #nowar. Dio ti benedica!🙏🙏

[27/02/22 17:14] [Inoltrato da nome attivista e scrittrice russa]

Putin ha ordinato di mettere in allerta speciale le forze di contenimento. Ciò include le armi nucleari.

Popolo russo, questo riguarda TUTTI noi. Oggi [in attesa di traduzione] in un ristorante costoso (per caso) ho sentito così tante cazzo di persone parlare di “non c’è guerra [in attesa di traduzione]” che mi si sono rizzati i capelli in testa. Non l’ho mai detto, e forse queste sono le ultime parole che si possono dire in questa realtà [in attesa di traduzione]: Smettetela di essere miserabili codardi, conformisti, pazienti, devoti cittadini; smettetela di starvene fuori dalla politica. Il mondo è cambiato. La nostra inazione può distruggere un numero enorme di persone, compresi i nostri figli e parenti. Non sederti in un caffè. Non pianificare le vacanze. Non ascoltare la propaganda. Non morire idiota. Smettila di avere paura della prigione e della detenzione, per Dio, questa non è più la cosa peggiore che può succederti. Unisciti ad attivisti e movimenti contro la guerra. Protesta contro la guerra. Anche se patteggi per Putin, dubito che tu abbia tendenze suicide. Pensavamo che non ci sarebbe stata la guerra, ma c’è. Quindi la minaccia nucleare, per la prima volta in molti anni, non è una minaccia vana. Smettila di lamentarti di quanto ti faccia sentire male la tua inazione. Agisci. Rivolgo tutte queste dure parole non solo agli altri, ma anche a me stessa.

[27/02/22 12:29] [Inoltrato dalla Sezione Uno]

⚡️La Procura Generale: Gli aiuti all’Ucraina sono tradimento della Patria L’ufficio del procuratore generale ha annunciato ufficialmente (https://t.me/genprocrf/1719) che qualsiasi assistenza all’Ucraina durante la guerra sarà considerata alto tradimento (articolo 275 del codice penale – fino a 20 anni di carcere). Ora non puoi trasferire fondi a queste e altre organizzazioni (https://t.me/deptone/2854). ❗️Se viene inventato un caso di tradimento contro di te o contro i tuoi cari, scrivi ai nostri avvocati a [omissis]

[27/02/22 10:01]

Volantini contro la guerra Segui questo link https://www.dropbox.com/sh/adir3j8pgg20tu2/AAC-QBdEktqXvFCPkPgYCPCRa?dl=0 per i layout dei volantini che possono essere stampati e distribuiti nella tua città. Una parte importante della resistenza ora è resistere alla propaganda russa, che pretende strenuamente che non ci sia una guerra in corso in Ucraina, ma solo un'”operazione speciale”, che non ci siano vittime civili, che le infrastrutture civili non siano state distrutte e che il focus è solo su obiettivi militari. Secondo giornalisti investigativi (ad esempio, The Washington Post, CNN, Conflict Intelligence Team) e ONG internazionali e organizzazioni della società civile (Amnesty International, OSCE), questa è una bugia. Ci sono vittime e distruzioni, perché le truppe russe stanno colpendo le città ucraine con armi esplosive. Molte persone in Russia non hanno idea del modo sporco e spietato con cui Putin sta conducendo una guerra. Rompiamo il blocco informativo dei propagandisti e diffondiamo la verità su ciò che sta accadendo in Ucraina! [seguono consigli per la stampa, distribuzione dei volantini in sicurezza e per l’eliminazione delle prove digitali]

Articolo originale pubblicato il 3 Marzo 2022

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!