Tra Oriente ed Occidente: Istanbul

La parola d’ordine delle vacanze 2013 è risparmio: ecco allora che la candidata ideale per qualche giorno di ferie è la splendida città di Istanbul, una metropoli che fa da ponte tra oriente ed occidente.

Prima Bisanzio, poi Costantinopoli ed infine Istanbul: cambia nome, cambiano i secoli, cambiano le genti, ma l’essenza di questa metropoli resta immutata. Fin dall’antichità un crocevia di idee, stili, lungue e soprattutto colori. Colori che potete ritrovare passeggiando per i vicoli di questa incantevole città, colori che potete ammirare esposti sulle bancherelle dei venditori e ancora colori che vi lasceranno stupefatte guardando gli interni degli innumerevoli monumenti presenti. Ma purtroppo non è possibile visitare Istanbul in pochi giorni e conoscere tutti gli aspetti della città. Per poter scoprire questo stupendo luogo in tutte le sue forme, bisogna dedicarle almeno qualche settimana, e meglio ancora se la percorrete a piedi, con calma, ne assaporerete di più la magia.

Incastonata tra il Mar Nero e il Mare di Marmara con più cdi 14 milioni di abitanti è una città dal sapore moderno e il retrogusto antico. Un museo a cielo aperto con monumenti ad ogni angolo. Sicuramente da vedere sono la Moschea Blu e la chiesa di Santa Sofia, due monumenti che si trovano uno di fronte all’altro e che lasceranno senza fiato 8792865-colorate-ceramiche-da-bazar-delle-spezie-istanbul-turchiaper la presenza di colori e per come lo stile cristiano e quello musulmano si possano combinare insieme creando un ambiente insolito ma comunque di eccezionale bellezza.

Assolutamente da non perdere la Cisterna Basilica, fatta costruire da Costantino del 500, vi farà innamorare con il gioco di luci ed ombre che creano un’atmosfera molto particolare ma sicuramente suggestiva che potete ammirare camminando su passerelle di legno che si snodano tra le molteplici colonne.

E se potete investire almeno un pomeriggio una visita lo merita anche il palazzo Topkapi, con quattro cortili, la parte che una volta era occupata dall’harem e un’esposizione di gioielli, diamanti e pietre preziose da farvi girare la testa! Inoltre anche la vista sulla città è a dir poco spettacolare!

Ma Istanbul non è solo ed esclusivamente musei e monumenti, ma è anche vita notturna e shopping!

Il posto più famoso dove fare compere è di certo il Gran Bazaar, un enorme mercato coperto che conta più di 4000 negozi, 65 vie, 22 porte d’accesso, ristoranti, moschee, fontane e case da tè. E’ impossibile riuscire a vedere tutto in poco tempo quindi se avete intenzione di fare shopping armatevi di tanta pazienza e contrattate qualsiasi cosa perchè la contrattazione oltre ad essere una tradizione millenaria in questa città vi farà evitare di spendere più del dovuto. Se poi volete risparmiare ancora di più basta uscire da sotto il Gran Bazaar e camminare su e giù per le vie adiacenti (poco frequentate dal normale turista) per fare dei veri e propri affari! Se poi siete appassionate di cucina o di tisane non potete non fare qualche acquisto al bazaar delle spezie, potete trovare tutto ciò che immaginate e ancora di più tra le coloratissime e profumatissime bancherelle!

Ma abbiamo detto che Istanbul è anche vita notturna, e non avete che l’imbarazzo della scelta per quanto riguarda locali che potete trovare nel cuore commerciale della città Istiklal Caddesi. Di certo almeno una sera vale la pena di andare in una discoteca turca dove passano solo musiche locali, difficilissime da ballare, impossibili da capire ma il divertimento è assicurato! Se invece vi piace solo ed esclusivamente la musica internazionale non preoccupatevi perchè Istanbul offre delle discoteche su misura per voi!

Se poi tutto questo giro per negozi, discoteche e monumenti vi ha stancato troppo potete prendere un biglietto per unadolci-turchi-dal-bazar- crociera sul Bosforo, meglio ancora se al tramonto, e per un paio d’ore passerete in mezzo a questa splendida città e potrete ammirarla da una prospettiva completamente diversa. Ma anche l’hamam può essere un’ottima alternativa per un paio d’ore di relax, coccolate da delle mani esperte e avvolte da caldi vapori.

Per conoscere davvero un posto è d’obbligo mangiare anche dei piatti tipici, ed ad Istanbul state attente perchè è un vero e proprio attentato alla dieta! Potete trovare l’immancabile kebab (kebap in turco) che è il tipico cibo da strada, ma anche la pizza turca (molto diversa da quella italiana), e tante altre specialità locali che prevedono tra l’altro anche l’alternativa per i vegetariani! Inoltre i veri padroni della tradizione culinaria turca sono i dolci: crema di riso, budino alle mandorle, e tantissime varianti di dolci fatti con la pasta fillo e poi fritti! Da coma diabetico!

Una città più grande di New York che viene incontro alle esigenze, alle aspettative e ai gusti di qualsiasi persona che vuole esplorarla. Una città che vi rapirà dal primo all’ultimo minuto!

Articolo originale pubblicato il 16 Aprile 2013

La discussione continua nel gruppo privato!