logo
Stai leggendo: Un capo intramontabile e ricco di storia: il parka, tra abbinamenti e tendenze

Un capo intramontabile e ricco di storia: il parka, tra abbinamenti e tendenze

l capospalla più amato nello street-style? Il parka, naturalmente, che anche per l'Autunno/Inverno 2018-19 continua a essere il capo da avere in guardaroba. Casual e super pratico, con cappuccio, coulisse e tasche strategiche è l'ideale per la vita da metropoli, ma sa essere anche molto ricercato e femminile, oltre che sportivo. Nei tagli, nei dettagli e nei tessuti. Attraverso la sua storia, gli abbinamenti e i nuovi modelli di tendenza, scoprite con noi il parka!

Anche se ha un animo prettamente sportivo e casual, la sua personalità, l’inconfondibile stile e colore verde militare lo hanno reso un oggetto cult. Il parka ha un lunga e avventurosa storia alle spalle e un’insolita provenienza geografica. È stato simbolo di sottoculture giovanili, ma ha fatto parte anche del mondo militare. Si potrebbe descrivere come un impermeabile dotato di cappuccio (in alcuni modelli è bordato di vera o finta pelliccia), frontalmente abbottonato e incernierato fino al collo mentre sul retro presenta la coda di rondine con laccetti ed è lungo fino al ginocchio. Ora che l’inverno è sempre più vicino e la caccia al capo di stagione è aperta, tra i capofila delle tendenze moda autunno/inverno 2018/19 troverete il parka.

Parka: storia di un capo evergreen

Il parka affonda le proprie origini nella preistoria: utilizzato dalle popolazioni inuit del Circolo Polare Artico, veniva realizzato con pelliccia di orso polare, di volpe e foca, perché il suo scopo era quello di proteggere la popolazione dal terribile freddo e dalle condizioni climatiche avverse.

La parola “parka”, significa letteralmente “pelle di animale” e deriva dalla lingua nenets, parlata nella regione a Nord della Russia, dove il clima è particolarmente freddo e umido. Allontanandosi da questi contesti estremi, questo capo percorre molta strada, tanto da affermarsi come capo iconico grazie, prima di tutto, al mondo militare e ai progettisti di divise per piloti e soldati. Con lo slogan “A modern way to keep warm“, nel 1954, il marchio Refrigiwear crea un parka in tessuti tecnici e resistenti alle temperature sotto lo zero per i lavoratori del “Meatpacking District“, che lavoravano nelle celle frigorifere per il trattamento di carni.

Il parka tra moda e musica

Negli anni ’50 e ’60, invece, prende piede il movimento Mod (da “modernism”, con riferimento ai fan del modern jazz) che sfruttò l’abbondante ed eccessivo abbigliamento militare sul mercato, reso disponibile a poco prezzo. Arricchito da spille, toppe e disegni, era lungo, avvitato, con la coda di rondine e il cappuccio, proprio come lo conosciamo noi oggi.

Nel 1973 gli Who lo scelgono per l’immagine del loro album “Quadrophenia” seguito nel 1979 dal film che scatena una seconda stagione di moda del parka. Nei primi anni ’90, invece, passa ad arricchire un nuovo mood-style: il grunge. Kurt Cobain dei Nirvana e Eddie Vedder dei Pearl Jam indossavano spesso i parka per accentuare un look ribelle che, ai tempi, era costituito da jeans consumati e camicie canadesi.

parka
Il parka tra moda e musica: Kurt Cobain e Kate Moss negli scatti di VOGUE. Fonte: pinterest.com

Nel 2003, la top model Kate Moss si fa fotografare con il parka: il retro è verniciato di bianco e cita il titolo di una famosa canzone dei Sex Pistols, “God Save The Queen”. Nel 2008 viene fotografata per la cover di Vogue UK con il cappuccio del suo parka appoggiato sulla testa.

I primi a portarlo in passerella sono stati Burberry London (con pelliccia di montone all’interno), Fay (con pelliccia sul cappuccio) e Aquascutum (in una versione più simile ad impermeabile). La Woolrich, invece, è stata il primo marchio a lanciarlo in versione piumino, con rivestimenti in Gore-Tex per la traspirazione.

Come abbinare il parka?

Abbinare questo capo è davvero semplicissimo, basta avere un po’ di fantasia e giocare con ciò che avete nel guardaroba, ma dovete prestare particolarmente attenzione perché gli sgambetti di stile sono dietro l’angolo. È importantissimo sottolineare che, essendo il parka un capo morbido, va sempre abbinato con elementi femminili e in contrasto rispetto alla sportività del capo. Ricordatevi di abbinare pantaloni, gonne o abiti non troppo ampi.

parka
Il parka: come abbinarlo. Fonte: pinterest.com

Giornata in ufficio? La chiave del perfetto day-office-look è il contrasto: abbinate il parka a pantaloni stretti e una camicia o un maglioncino leggermente più lunghi rispetto a quelli classici, e un paio di tacchi e il gioco è fatto. Più il parka è sportivo, più sta bene con capi iperfemminili e audaci. Le amanti della semplicità ameranno senz’altro l’abbinamento composto dall’immancabile tridente presente in ogni guardaroba invernale: parka + jeans + stivaletti neri in pelle. Il risultato è un outfit semplice ma pratico e comodo. Come contrasto e tocco di femminilità, vi consigliamo di abbinarci una borsa a mano, magari in tinta con gli stivaletti. Per un abbinamento più particolare e femminile, adatto anche per uscire la sera con le vostre amiche, è quello del parka con un vestitino. Un paio di calze velate, un abitino magari scintillante, una clutch a tracolla e il gioco è fatto!

Il parka nelle collezioni autunno/inverno 2018/19

parka
Il parka nelle collezioni autunno/inverno 2018/2019. Fonte: mytheresa.com

Il parka in drill di cotone verde oliva firmato Miu Miu è dotato di un interno rimovibile in lana, disegnato con un applicazione floreale nei toni del rosso sul retro. Woolrich propone il capospalla che vi proteggerà dal tempo incerto della stagione fredda con una doppia protezione e stile indiscutibile: le linee pratiche sono interpretate con un primo strato color taupe e da un secondo imbottito in nuance champagne. Si farà portare con stivali in gomma e tutte le sfumature del vostro casualwear! La versione iper contemporanea del classico parka porta la firma di Dries Van Noten. Confezionato in cotone verde militare dalla silhouette oversize, presenta inserti e una fodera interna in vinile nero dal finish mat che saprà proteggervi dal maltempo. Grazie al cappuccio e alla cintura da stringere in vita, si rivela al tempo stesso modaiolo e pratico.

parka
Il parka nelle collezioni autunno/inverno 2018/2019. Fonte: ASOS.com; zara.com

ASOS presenta due diversi parka, unici, pratici ma totalmente d’effetto: il primo è in tessuto foderato, con collo a imbuto, fibbie a contrasto, cappuccio fisso e pratiche tasche, comode ed essenziali per affrontare al meglio le giornate autunnali. In alternativa, se desiderate un capo che abbia personalità e stile, vi segnaliamo quello con ricami sul retro e coulisse sul fondo. Zara, invece, propone due modelli di parka dal taglio corto, perfetti per l’attacco alla stagione autunnale: il primo, con spacchetti e nella classica tonalità verde militare, il secondo, invece, è più femminile e raffinato, con pon-pon sulla parte finale delle maniche e del capo.

Amiche, cosa ne pensate del parka? Sicuramente è un capo molto pratico e funzionale per la stagione fredda, ma è anche versatile e ricco di dettagli. Non riuscirete a farne a meno!

Rating: 5.0/5. Su un totale di 1 voto.
Attendere prego...