logo
Stai leggendo: Perché la maggior parte dei non romani usa ‘sti cazzi nel modo sbagliato

Perché la maggior parte dei non romani usa 'sti cazzi nel modo sbagliato

Tutti noi avremo detto una volta o l'altra «'sti cazzi». Ma lo stiamo dicendo in modo corretto o sbagliamo significato?
'Sti cazzi
Fonte: Youtube

A volte, ci sono dei modi di dire regionali che entrano nell’immaginario collettivo e ci restano, insinuandosi nel linguaggio comune. Ci sono molte ragioni per cui questo accade e le conseguenze sono abbastanza evidenti. Ci sono romani che usano espressioni fiorentine, bolognesi che ricorrono a frasi napoletane, pugliesi che scimmiottano il milanese. Una di queste espressioni che ormai è nel gergo di molte persone è «‘sti cazzi». Ma cosa significa esattamente? Tra coloro che non sono romani, siamo sicuri di utilizzare l’espressione in maniera corretta?

La risposta breve è: no, non sempre. La risposta lunga ve la spieghiamo diffusamente. A volte esiste infatti una confusione tra il senso di «’sti cazzi» e quello di «’sto cazzo» o di «me cojoni». La sola cosa che queste tre espressioni hanno in comune è però che si tratta di gergo e anche di parolacce. Per cui ci auguriamo che siano confinate a un registro decisamente informale, più che altro quando si è tra amici – dato che a volte possiamo trovare le espressioni, anche a sproposito, tra conoscenti su social network.

In generale, «’sto cazzo» significa «niente, nessuno, in nessun modo». Invece «me cojoni» equivale a «caspita, accidenti», come spiega Parolacce. Infine «’sti cazzi» si traduce con «non me ne importa niente». In pratica, quest’ultima risposta può essere data come risposta a un’affermazione o a una notizia della quale non ci importa nulla. Per esempio, ci vengono comunicate le previsioni del tempo che annunciano pioggia e noi domani dovremo restare in casa. Allora «’sti cazzi» ci sta benissimo. A volte l’espressione viene utilizzata per sdrammatizzare qualcosa che ci viene comunicata con eccessiva enfasi, ed è forse per questo che si è generata tutta la confusione regionale del caso. Una nota su Facebook mostra l’esempio corretto e l’esempio sbagliato.

Esempio corretto:
collega: Sai che mi hanno nominato Direttore Generale?
risposta: E ‘sticazzi (varianti: e ‘stigrancazzi! oppure: e ‘sticazzi nun ce lo metti?)
traduzione: il fatto che ti abbiano promosso non suscita in me alcun interesse né la benché minima ammirazione.
Esempio sbagliato:
domanda: Devi alzarti presto per andare a lavoro?
amico: No, sono il Direttore Generale e faccio come mi pare.
risposta: ‘sticazzi! Ti ammiro davvero!

Il ricorso a queste espressioni gergali regionali, dicevamo, è dovuta a una molteplicità di fattori. In relazione specificamente a «’sti cazzi», gran parte del “successo” dell’espressione è dovuta agli sketch che negli anni sono stati realizzati dai comici Lillo & Greg. I due attori e autori hanno infatti dato vita al grande capo indiano Estiqaatsi (qui sopra in foto) – il nome è tra l’altro un chiaro inside joke con i nomi della “trilogia qatsi” del regista Godfrey Regio, che erano tratti da una lingua indigena americana.

Ma ovviamente a noi, spiegavamo prima, arrivano tantissime espressioni regionali, e talvolta si perde qualcosa in una traduzione errata, come per «’sti cazzi». Queste parole provengono in gran parte dalla cultura pop e si innestano su una questione linguistica che è di lungo corso. Noi italiani non abbiamo infatti una lingua standard, codificata, ma una serie di italiani regionali, con le loro intonazioni e le espressioni peculiari come questa. Che arrivano nelle case di tutte le regioni probabilmente con il cinema e la televisione (ma in qualche caso anche la radio).

I comici come Lillo & Greg hanno un grosso ruolo in questo. Ma probabilmente il primo a pronunciare «’sti cazzi» in un lavoro popolare potrebbe essere stato Mario Brega in un film di Carlo Verdone o ancora prima comici romani del calibro di Enrico Montesano o Gigi Proietti nei loro film o negli sketch televisivi. Sicuramente avremo nel nostro vocabolario tantissime espressioni napoletane, bolognesi, fiorentine, milanesi, baresi. Forse non le abbiamo comprese fino in fondo e le abbiamo quindi assimilate male. Ma l’averle apprese è merito di tanti attori di talento che sono il fiore all’occhiello della comicità italiana.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...