logo
Stai leggendo: “Nella realtà non funzionerebbe tra Mr. Big e Carry” parola dell’autrice di Sex&The City

"Nella realtà non funzionerebbe tra Mr. Big e Carry" parola dell'autrice di Sex&The City

Perché la love story fra la bella Carrie Bradshaw e Mr. Big non avrebbe mai funzionato nella vita reale? A spiegarlo è la stessa autrice degli iconici libri che hanno ispirato il telefilm "Sex & The City".

Indubbiamente Sex & the City è una delle serie più amate e, insieme all’intramontabile Friends, si aggiudica il primo posto nel cuore delle inguaribili romantiche di fine anni ’90. Ma, care fan delle avventure delle quattro amiche più alla moda di New York, dimenticate i fiori d’arancio: la storia fra Carrie Bradshaw e Mr. Big non sarebbe dovuta finire con il matrimonio più glamour della storia delle serie tv, anzi, i due nella vita reali non sarebbe stati per nulla compatibili. A rivelare questa notizia è Candace Bushnell, autrice della famosa rubrica a tema sessuale pubblicata sul New York Observer a partire dal 1994 e che ha ispirato i suoi romanzi Sex & the City – telefilm omonimo compreso, ovviamente.

Ma perché i due amanti non avrebbero dovuto coronare il loro sogno d’amore? L’autrice dei libri ne parla alla rivista online The Guardian, spiegando che in realtà la relazione fra la coppia è stata ampiamente pilotata dal marketing dell’epoca.

Credo che nella vita reale non avrebbero mai potuto stare insieme ma dal punto di vista televisivo la loro relazione era diventata molto importante nella serie. Gli spettatori erano così coinvolti dalla loro storia d’amore che Carrie e Mr. Big erano finiti per essere come Mr. Darcy ed Elizabeth Bennet (personaggi di Orgoglio e pregiudizio, ndr).

Ha così commentato la scrittrice. Un modo per non deludere perciò tutte coloro che sognavano una storia d’amore come quella meravigliosa presentata nel telefilm ma, purtroppo, quasi impossibile nella realtà. In fondo, come dare torto alla donna? Per chi Sex & the City lo conosce bene ricorderà sicuramente la relazione travagliata dei due: un tira e molla continuo fin dalla prima puntata che ha portato il bel Mr. Big a sposare inizialmente un’altra donna e poi a tornare sui suoi passi, nuovamente da Carrie. E ancora litigi, incomprensioni, differenti opinioni, insomma un mix davvero altamente esplosivo. Eppure eccoli convolare a nozze sul finale del primo film ispirato alla serie.

Erano diventati una coppia iconica e le donne si identificavano, tanto che potevi sentirle dire frasi del tipo ‘Ho trovato il mio Mr. Big’ oppure ‘Ho appena rotto con il mio Mr. Big’. Era entrato nel lessico comune. Una serie tv è una questione d’affari, non di arte, così abbiamo tenuto conto del pubblico, senza pensare all’impatto che questa decisione avrebbe potuto avere 10 anni dopo.

Ha terminato il suo pensiero l’autrice, motivando perciò il perché della scelta di far finire con un lieto fine la love story fra la protagonista e il suo amante più importante in tutte le sei stagioni prodotte da Darren Star (famoso per aver ideato anche Beverly Hills 90210Melrose Place) e trasmesse sul canale HBO dal 1998 fino al 2004. Una verità poco discutibile che si rifà incredibilmente ai consigli delle amiche di Carrie e protagoniste anch’esse: Miranda, Charlotte e Samantha.

In compenso, come rivelato in una recente intervista, è altrettanto sicura di un’altra verità: che il suo Sex & the city sia assolutamente femminista.

Carrie è figlia degli Anni 80: quando io arrivai a New York vedevo donne che per la prima volta erano libere di lavorare, sposarsi, avere figli oppure no.
Il femminismo aveva fatto loro questi regali, ma erano confuse: potevano scegliere ma non sapevano come farlo… Dieci anni dopo vivevamo del nostro lavoro, potevamo comprarci gli abiti da sole e ci vestivamo come volevamo noi, non avevamo bisogno di un uomo per soddisfare i desideri.
Anche il sesso non era più un tabù: sceglievamo noi se e con chi uscire, di chi innamorarci, quando fare l’amore, se vivere insieme o meno, se avere figli.

Insomma, l’amore sarà stato pure un’esigenza scenica, ma le idee sono tutte, assolutamente di Candace.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...