diredonna network
logo
Stai leggendo: 17 Commoventi Volte in cui l’Amicizia ha Trionfato in Harry Potter

J. Madison Wright, l'attrice che morì a 21 anni di ritorno dalla luna di miele

Angelina Jolie e il divorzio: "Bisogna piangere sotto la doccia, non davanti ai figli"

Saldi aerei? Di più: "Vi pagheremo per volare con noi"

La mamma discute la tesi del figlio morto pochi giorni prima

La ricetta più speciale di Chef Alessandro Borghese per un matrimonio perfetto

Oroscopo dal 27 luglio al 2 agosto - Come sopravvivere alle stelle

I commenti e le reazioni delle donne quando ho indossato per strada un abito provocante

Il reggiseno per bambine di 8 anni è troppo provocante (e push up)

Gli uomini preferiscono le donne formose. Ecco perché!

"Ci siamo conosciuti su un'app di incontri ed è successo l'imprevedibile"

17 Commoventi Volte in cui l'Amicizia ha Trionfato in Harry Potter

L'amicizia nella saga di Harry Potter è sicuramente uno dei valori per i quali i protagonisti agiscono, lottano, e in alcuni casi, muoiono. Abbiamo raccolto alcune delle frasi, dei dialoghi, dei passaggi più belli trovati nei 7 libri, dai quali emerge questa tematica, per sognare ancora una volta ed emozionarci ricordando le avventure nei nostri magici amici.
Fonte: Web
Fonte: Web

Abbiamo sognato, amato, riso e sofferto con loro… sono i fantastici personaggi di Harry Potter. E ora vogliamo ricordare le emozioni che i libri e i film ci hanno trasmesso grazie a questa selezione di frasi sull’amicizia.

Harry, Ron e Hermione sono il trio di amici più noto della storia ma anche altri personaggi ci hanno lasciato importanti messaggi su questo valore attraverso le loro azioni e le loro parole. Vediamo insieme quali sono.

1. Ho una cosetta per te… mi sa che a un certo punto mi ci sono seduto sopra, ma il sapore sarà ancora buono

Fonte: Web
Fonte: Web

Hagrid è il primo vero amico, appartenente al mondo della magia, che Harry incontra sul suo percorso. Il grosso e sgrammaticato guardiacaccia di Hogwarts, infatti, la vigilia dell’undicesimo compleanno di Harry, sfonda la porta della catapecchia dove i Dursley e il ragazzo si sono rifugiati per consegnare la lettera di ammissione alla scuola di magia e stregoneria al piccolo incredulo maghetto. In dono, il gigante (mezzo, a voler essere precisi) porta una torta fatta da lui (e non proprio perfetta!)… un dolcissimo pensiero, la prima dimostrazione di affetto che Harry riceve nella sua vita.

(Da Harry Potter e la pietra filosofale)

2. “Dai, prendi un dolce” ripeté Harry che fino a quel momento non aveva mai avuto niente da dividere con gli altri, o meglio, nessuno con cui condividere qualcosa

Fonte: Web
Fonte: Web

Passiamo ad un altro incontro importante: Harry sale sul vagone dell’Espresso che lo porterà per la prima volta ad Hogwarts e, di fronte a lui, si siede Ron Weasley. Dopo una breve presentazione, i due si ritrovano a fare una scorpacciata di dolci magici… questo romperà il ghiaccio tra i due e darà inizio a una grande e meravigliosa amicizia.

(Da Harry Potter e la pietra filosofale)

3. Spero che siate soddisfatti di voi stessi. Avete corso il rischio di essere uccisi… o peggio ancora, espulsi

Fonte: Web
Fonte: Web

Arriviamo all’incontro tra i due giovani maghetti Harry e Ron, ormai amici, e una streghetta ambiziosa, acuta e intelligente. Si tratta della nostra amatissima Hermione, che nelle prima parte della storia risultava un pochino antipatica per la sua propensione a rispondere ossessivamente a tutte le domande poste dagli insegnanti e per il suo atteggiamento un po’ troppo ossequioso delle regole. Dopo una notte passata in giro per la scuola, la giovane strega “sgrida” i due futuri amici con la ormai famosa frase che abbiamo riportato sopra.

(Da Harry Potter e la pietra filosofale)

4. Ma da quel momento, Hermione Granger divenne loro amica. È impossibile condividere certe avventure senza finire col fare amicizia, e mettere ko un mostro di montagna alto quattro metri

Fonte: Fanpop.com
Fonte: Fanpop.com

La piccola Granger si mette nei guai, nascondendosi in un bagno, dove però si è appena infilato un enorme e pericoloso mostro di montagna. Harry e Ron, colpevoli di averla maltrattata poco prima, si precipitano per salvarla. I tre ragazzini riescono a mettere ko il mostro, dopodiché, diventano inseparabili.

(Da Harry Potter e la pietra filosofale)

5. Esistono molti tipi di coraggio. Affrontare i nemici richiede notevole ardimento. Ma altrettanto ne occorre per affrontare gli amici

Fonte: Web
Fonte: Web

Durante una delle notti avventurose di Harry e i suoi amici, un impacciato ma deciso Neville Paciock decide di salvare i punti della Casa di Grifondoro impedendo al gruppetto di “fuorilegge” di lasciare il dormitorio. Il suo tentativo non va a buon fine, ma il grande e saggio preside Albus Silente loderà il giovane Paciock con la frase di cui sopra, durante l’ultima cena dell’anno scolastico in sala grande.

(Da Harry Potter e la pietra filosofale)

6. “Se vuoi uccidere Harry, dovrai uccidere anche noi!” disse con fierezza, benché lo sforzo di reggersi in piedi lo rendesse sempre più pallido, oscillando leggermente

 

Fonte: Web
Fonte: Web

Sirius Black, famigerato fuorilegge, riesce finalmente a incastrare Peter Minus, che si cela dietro le sembianze del topo Crosta. Cercando di salvare quello che crede essere il suo animaletto domestico, Ron si ferisce gravemente alla gamba. Quando Harry e Hermione accorrono in suo aiuto, Black li mette alle strette. Ron pronuncia coraggiosamente la frase che vi abbiamo riportato… dopo finalmente scoprono la verità: il vero furfante è Peter Minus, mentre, Sirius Black è innocente.

(Da Harry Potter e il prigioniero di Azkaban)

7. “Lui mancarmi? Niente affatto!” Ma era una bugia bella e buona. A Harry piaceva molto Hermione, ma non era come Ron. Ridevi molto meno, e passavi molto più tempo in biblioteca se Hermione era la tua migliore amica

Fonte: Web
Fonte: Web

Nel corso dei sette libri della saga l’amicizia del trio viene messa alla prova varie volte. Una di queste è durante il quarto anno, quando Ron si convince che Harry abbia inserito di proposito il suo nome nel Calice di Fuoco. Mentre si prepara psicologicamente ad affrontare le dure e pericolose prove del Torneo Tremaghi, a Harry rimane solo la compagnia di Hermione e sente la mancanza di Ron... ma  dopo la prima prova (e la  vista del terribile drago, l’ungaro spinato) l’amico geloso si rende conto di aver sbagliato e torna sui suoi passi.

(Da Harry Potter e il calice di fuoco)

8. Ricordatevi di Cedric. Quando e se per voi dovesse venire il momento di scegliere tra ciò che è giusto e ciò che è facile, ricordate cos’è accaduto a un ragazzo che era buono, e gentile, e coraggioso, per aver attraversato il cammino di Voldemort. Ricordatevi di Cedric Diggory

Fonte: Fanpop.com
Fonte: Fanpop.com

La fine del quarto anno a Hogwarts è segnata dal tragico assassinio di Cedric Diggory, il campione della Casa dei Tassorosso. Cedric si era mostrato onesto e leale, aiutando Harry durante una delle prove, gesto ricambiato poi da quest’ultimo. Anche durante il percorso i due si sono sostenuti e stavano scegliendo di “dividersi” la vittoria della coppa. Ma poi tutto è andato storto, come ben sapete. Il preside della scuola Albus Silente durante l’ultima cena in sala grande pronuncia allora questo invito a non dimenticare Cedric, la sua morte, e i motivi che l’hanno causata…

(Da Harry Potter e il calice di fuoco)

9. “Silente dice che è più facile perdonare gli altri quando si sbagliano che quando hanno ragione”

Fonte: Playbuzz.com
Fonte: Playbuzz.com

Ron Weasly riporta questa frase pronunciata da Silente. Chi meglio di lui conosce questa grande verità. Ricordiamo, infatti, come in più occasioni, la sua gelosia e la sua tendenza a sottovalutarsi abbia causato problemi all’amicizia del trio. Per fortuna è sempre riuscito a farsi perdonare.

(Da Harry Potter e il principe mezzosangue)

10. Credo che i tuoi amici Fred e George Weasley abbiano cercato di mandarti la tavoletta di una tazza del gabinetto: devono aver creduto che ti saresti divertito

Fonte: Hotflick.net
Fonte: Hotflick.net

Fred e George, i gemelli della famiglia Weasley. Noti per le loro bravate a volte geniali, a volte un po’ meno… come in questo caso! Sicuramente però anche loro hanno saputo dimostrare la loro lealtà e la loro amicizia con Harry fino alla fine.

(Da Harry Potter e la camera dei segreti)

11. Silente avrà veramente lasciato la scuola solo quando non ci sarà più nessuno che gli sia fedele

Fonte: Theguardian.com
Fonte: Theguardian.com

La fiducia e la lealtà ad Albus Silente viene dimostrata da Harry in molte occasioni durante la saga. Dopo la sua morte, in particolare, Harry e gli altri ragazzi della sua cerchia combattono strenuamente in nome del saggio preside per preservare i valori da lui insegnati e trasmessi.

(Da Harry Potter e il principe mezzosangue)

12. “Non devi reprimere la rabbia così, Harry, lasciala sfogare” disse Fred che pure sorrideva. “Forse a una quarantina di chilometri da qui ci sono due o tre persone che non ti hanno sentito”

Fonte: Harrymedia.com
Fonte: Harrymedia.com

Ancora una volta i simpatici e divertenti Fred e George Weasley ci fanno sorridere. Harry si sente depresso e arrabbiato perché nessuno crede alla sua versione sul ritorno di Lord Voldemort e se la prende con gli amici Ron e Hermione, “colpevoli” di aver passato l’estate insieme e non averlo informato su quanto stava accadendo al Quartier generale dell’Ordine. La frase viene pronunciata dai gemelli durante una delle sue sfuriate.

(Da Harry Potter e il principe mezzosangue)

13. Tu vali dodici Malfoy. È stato il Cappello Parlante ad assegnarti a Grifondoro, no? E Malfoy dov’è finito? In quella fogna di Serpeverde…

Fonte: Giratempoweb.net
Fonte: Giratempoweb.net
 A un certo punto della saga alcuni personaggi, prima solo accennati, prendono forma e assumono maggiore spessore. È il caso di Neville Paciock e di Luna Lovegood. Il goffo Neville nasconde un segreto pesante: i genitori sono in vita ma la loro mente non si è più ripresa dalle torture inflitte dalla terribile mangiamorte Lestrange. Questa è una delle frasi da lui pronunciate in cui esprime con coraggio tutta la sua fiducia e lealtà ad Harry. Una lealtà che sarà determinante nel momento del finale.

(Da Harry Potter e il principe mezzosangue)<

 14. Harry annuì. Non riusciva a trovare le parole per spiegare che cosa significava per lui vederli tutti schierati lì, al suo fianco

Fonte: Ziffdavisinternational.com
Fonte: Ziffdavisinternational.com

Dopo la terribile battaglia avvenuta all’ufficio misteri e la morte di Sirius, Harry si sente molto afflitto. Ma quando arriva alla stazione di Londra, trova schierati tutti i suoi amici per intimorire i Dursley, in modo che lui possa passare un’estate serena a casa loro.

(Da Harry Potter e l’Ordine della Fenice)

15. La gente si aspetta che tu abbia degli amici più in gamba di noi” disse Luna, dimostrando ancora una volta il suo talento per la sincerità imbarazzante. “Voi siete in gamba” rispose Harry brevemente. “nessuno di loro era al Ministero. Nessun altro ha combattuto con me”

Fonte: Portkey.it
Fonte: Portkey.it

Luna Lovegood è uno dei personaggi che si rivelano determinanti nella storia. Stravagante e un po’ svampita, attira la derisione dei compagni di scuola che l’additano e isolano chiamandola “Lunatica“. Harry e i suoi amici però la accolgono nel gruppo, e lei si dimostra un’amica preziosa, onesta, coraggiosa e fedele. Il botta e risposta tra lei e Harry che abbiamo riportato dimostra come la loro amicizia sia stata più forte dei pregiudizi altrui.

(Da Harry Potter e l’Ordine della Fenice)

16. “Be’, si vede che lo sapeva, che vi avrei piantati in asso”. “No” lo corresse Harry. “Si vede che sapeva che saresti voluto tornare”.

Fonte: Web
Fonte: Web

Ancora una volta il giovane Weasley ne combina una delle sue e molla Harry e Hermione, in preda alla rabbia e alla gelosia, in mezzo a un bosco, durante la loro latitanza alla ricerca degli horcrux. Ma se ne pente subito e cerca di tornare. Grazie al deluminatore lasciatogli in eredità da Silente riesce a ritrovare i suoi amici e a farsi perdonare

(Da Harry Potter e i Doni della morte)

17. Sapeva che Hermione l’avrebbe fatto meglio e forse più in fretta , ma voleva segnare quel punto così come aveva voluto scavare la tomba. Quando si rialzò la pietra recitava: Qui giace Dobby, un Elfo Libero.

Fonte: Hypable.com
Fonte: Hypable.com

Siamo quasi giunti alla fine e dobbiamo ricordare un personaggio che ha lasciato un segno profondo nella storia di Harry Potter. Dobby, l’elfo domestico che si ribella ai padroni mangiamorte e sceglie di combattere al fianco di quelli che considera con orgoglio i suoi amici. E per amor loro muore. Harry e gli altri scampati alla morte grazie a Dobby, tornati a Villa Conchiglia, scavano una buca, senza magia, per porre il piccolo corpicino, poi Harry decide di incidere la pietra con la scritta: Qui giace Dobby, un Elfo Libero. E il dolore per la perdita di Dobby riesce finalmente a interrompere il collegamento tra lui e Voldemort, che non può penetrare la mente di Harry mentre prova un sentimento così buono e così puro.

(Da Harry Potter e i Doni della morte)