diredonna network
logo
Stai leggendo: Le Bambole con Disabilità: Perché Ogni Bambina ci si Possa Rispecchiare

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

Balenciaga "rifà" la borsa blu di Ikea. Trova le differenze: il prezzo per esempio

Oroscopo dal 20 al 26 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Perché ho realizzato per la mia bambina una festa a tema... cacca"

La fitness blogger che ha deciso di non depilarsi: "Voglio essere di ispirazione per le altre donne"

Titanic: ma Jack poteva salvarsi sulla porta-zattera con Rose? Ecco la risposta

Vacanze di Pasqua: i 4 compiti di questo maestro elementare

Sai a cosa serve la "tasca" sugli slip da donna? Mistero svelato

Programmi per Pasqua e Pasquetta: avete fatto i conti con il meteo del week end?

Le Bambole con Disabilità: Perché Ogni Bambina ci si Possa Rispecchiare

Ecco una bellissima iniziativa che permette alle bambine di creare delle bambole che assomiglino loro, anche nelle disabilità.
Fonte: web

Makies, una fabbrica di giocattoli inglese, permette alle bambine di creare le bambole online, personalizzandole come preferiscono, per esempio scegliendo il colore degli occhi o i vestiti, e poi stampandole in 3D.

Una cosa che tutte da piccole avremmo desiderato, quella di poter avere una bambola come desideravamo, magari proprio a nostra immagine e somiglianza!

Un’iniziativa che ha permesso a tante bimbe di creare bambole di dimensioni, forme, colori e capelli diversi.

Foto: Web

E Makies ha da poco annunciato il lancio di una nuova serie di accessori che permetterà di personalizzare ulteriormente le bambole e tra questi accessori ci saranno stampelle, apparecchi acustici e cicatrici.

Un’iniziativa davvero bella, che può consentire a ogni bambina di avere una bambola che la rappresenti in tutto, nata grazie alla campagna di Facebook Toy Like Me, che ha chiesto ai produttori di giocattoli di creare giochi che possano rispecchiare tutti i bambini, e quindi anche quelli con qualche disabilità.

Foto: Web

La campagna Facebook è stata subito sostenuta da molte persone, tra cui i genitori dei bambini disabili in prima fila, e queste bambole sono un primo risultato.

Magari ci fossero più iniziative così!

Giocattoli educativi, che non hanno nulla a che vedere con questi che potete trovare nella gallery di seguito. Non sono un po’ inquietanti?!