diredonna network
logo
Stai leggendo: Le Bambole con Disabilità: Perché Ogni Bambina ci si Possa Rispecchiare

La scienza ha definito il numero massimo di ore lavoro al giorno per essere produttivi

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

H&M primavera/estate 2017: scoprite con noi la nuova collezione!

Il Paese più felice del mondo non è più la Danimarca? E l'Italia a che posto è?

Disegna il tuo papà!? Il risultato è sorprendente (e dolcissimo)

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Divorziano dopo 19 anni: lui le invia questi fiori con questo biglietto

Dal satanismo al sesso: la bufala dei messaggi subliminali di Art Attack

Questa è la proposta di matrimonio più bella del mondo

Selfie con il morto: "With me", l'app che ti permette di essere accanto a chi non c'è più

Le Bambole con Disabilità: Perché Ogni Bambina ci si Possa Rispecchiare

Ecco una bellissima iniziativa che permette alle bambine di creare delle bambole che assomiglino loro, anche nelle disabilità.
Fonte: web

Makies, una fabbrica di giocattoli inglese, permette alle bambine di creare le bambole online, personalizzandole come preferiscono, per esempio scegliendo il colore degli occhi o i vestiti, e poi stampandole in 3D.

Una cosa che tutte da piccole avremmo desiderato, quella di poter avere una bambola come desideravamo, magari proprio a nostra immagine e somiglianza!

Un’iniziativa che ha permesso a tante bimbe di creare bambole di dimensioni, forme, colori e capelli diversi.

Foto: Web

E Makies ha da poco annunciato il lancio di una nuova serie di accessori che permetterà di personalizzare ulteriormente le bambole e tra questi accessori ci saranno stampelle, apparecchi acustici e cicatrici.

Un’iniziativa davvero bella, che può consentire a ogni bambina di avere una bambola che la rappresenti in tutto, nata grazie alla campagna di Facebook Toy Like Me, che ha chiesto ai produttori di giocattoli di creare giochi che possano rispecchiare tutti i bambini, e quindi anche quelli con qualche disabilità.

Foto: Web

La campagna Facebook è stata subito sostenuta da molte persone, tra cui i genitori dei bambini disabili in prima fila, e queste bambole sono un primo risultato.

Magari ci fossero più iniziative così!

Giocattoli educativi, che non hanno nulla a che vedere con questi che potete trovare nella gallery di seguito. Non sono un po’ inquietanti?!