diredonna network
logo
Stai leggendo: Le Bambole con Disabilità: Perché Ogni Bambina ci si Possa Rispecchiare

È arrivato Sleeping River Island, il cappotto da divano per l'inverno

L'incidente di Noah Hathaway, il bambino guerriero de La Storia Infinita

La ragazza che salvò il soldato. Lui: "Non ho mai smesso di cercarti"

Arabia Saudita: "Le donne non possono guidare perché hanno un quarto di cervello"

Autocontrollo, quando troppo fa perdere il controllo e quando coltivarlo

Perché le coppie che guardano serie tv sono le più felici

Gloria, uccisa di botte a 23 anni dai parenti che la costringevano a prostituirsi

Gomma crepla: cos'è e come si usa

"Sex by surprise", subire violenza durante un rapporto sessuale consenziente

La lettera d'amore di Alain Delon al suo grande amore quando morì

Le Bambole con Disabilità: Perché Ogni Bambina ci si Possa Rispecchiare

Ecco una bellissima iniziativa che permette alle bambine di creare delle bambole che assomiglino loro, anche nelle disabilità.
Fonte: web
Fonte: web

Makies, una fabbrica di giocattoli inglese, permette alle bambine di creare le bambole online, personalizzandole come preferiscono, per esempio scegliendo il colore degli occhi o i vestiti, e poi stampandole in 3D.

Una cosa che tutte da piccole avremmo desiderato, quella di poter avere una bambola come desideravamo, magari proprio a nostra immagine e somiglianza!

Un’iniziativa che ha permesso a tante bimbe di creare bambole di dimensioni, forme, colori e capelli diversi.

Foto: Web
Foto: Web

E Makies ha da poco annunciato il lancio di una nuova serie di accessori che permetterà di personalizzare ulteriormente le bambole e tra questi accessori ci saranno stampelle, apparecchi acustici e cicatrici.

Un’iniziativa davvero bella, che può consentire a ogni bambina di avere una bambola che la rappresenti in tutto, nata grazie alla campagna di Facebook Toy Like Me, che ha chiesto ai produttori di giocattoli di creare giochi che possano rispecchiare tutti i bambini, e quindi anche quelli con qualche disabilità.

Foto: Web
Foto: Web

La campagna Facebook è stata subito sostenuta da molte persone, tra cui i genitori dei bambini disabili in prima fila, e queste bambole sono un primo risultato.

Magari ci fossero più iniziative così!

Giocattoli educativi, che non hanno nulla a che vedere con questi che potete trovare nella gallery di seguito. Non sono un po’ inquietanti?!