diredonna network
logo
Stai leggendo: Essere Ritardatari è Una Malattia di Chi Fa Troppe Cose: Ogni Minuto Dura 77 secondi

Il Titanic non affondò a causa dell'iceberg: ecco la nuova tesi e le prove

6 modi per riciclare i leggings che non portiamo più

Essere pagate per viaggiare: come si diventa Hotel Tester e quanto si guadagna

Oroscopo dal 19 al 25 gennaio 2017- Come sopravvivere alle stelle

Chiara Ferragni è incinta! Lo scherzo di Fedez alla "suocera" in un video

Sesso anale, la dottoressa De Mari: "Si pratica nelle iniziazioni sataniche. L'omosessualità non esiste"

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Cosa rivela la forma del tuo piede su di te

Ecco perché migliaia di ovetti sorpresa sono naufragati su questa spiaggia tedesca

Essere Ritardatari è Una Malattia di Chi Fa Troppe Cose: Ogni Minuto Dura 77 secondi

Sei perennemente in ritardo?! Non è maleducazione ma una percezione diversa del tempo. I tuoi minuti infatti durano 77 secondi.
(foto: Web)

Sono diversi gli articoli che spiegano che essere perennemente in ritardo è quasi una malattia.
Ci si è portati.
Punto.
Ben poco si può fare per cambiare la situazione.
Questa volta però vi doniamo alcune curiosità a riguardo quasi scientifiche.
I minuti di chi non è puntuale infatti durano 77 secondi invece che 60.

The Wall Street Journal fa una sintesi di tutte le ricerche scientifiche condotte in questo campo. L’articolo, ripreso da Repubblica, divide la specie umana in individui del tipo A (precisi, puntuali, competitivi, anche con punte di aggressività) e del tipo B cioè i ritardatari.

Secondo gli studi i tipi A hanno un orologio mentale diverso, organizzandosi come se un minuto durasse 58 secondi, per i B invece i secondi in un minuto diventano appunto 77.
Una differenza del 30% che sommata ad un’intera giornata fa davvero la differenza.
I ritardatari cronici sono inoltre delle persone multi-tasking, sempre indaffarati anche a svolgere due o tre cose in contemporanea. La puntualità diventa quindi un difetto di concentrazione.
Non è una questione di maleducazione.
Il problema è che la percezione del tempo è decisamente differente e difettosa.

I consigli per evitare questo problema, spesso imbarazzante anche per il ritardatario stesso, sono infiniti ma servono a poco.
E riteniamoci fortunati: in Italia il ritardo è ancora tollerato, nel mondo indiano, negli Stati Uniti o in Arabia proprio no.