diredonna network
logo
Stai leggendo: Josephine Garis Cochrane: l’inventrice della lavastoviglie

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Le commoventi parole di questo papà: "Ecco perché prendo ancora i fiori per la mia ex moglie"

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Quando la tua ex ti scrive una lettera di scuse e tu gliela rimandi corretta" con la penna rossa

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Torna il Nokia 3310, il cellulare indistruttibile della nostra adolescenza!

Mamma single si traveste da papà per accompagnare il figlio all'evento della scuola

L'annuncio di lavoro dei sogni: essere pagate per assaggiare cioccolato

Josephine Garis Cochrane: l'inventrice della lavastoviglie

La lavastoviglie? L'ha inventata una donna, che proprio della lavastoviglie non aveva alcun bisogno: Josephine Garis Cochrane (Contea di Ashtabula l' 8 marzo 1839). E' stata l'inventrice della prima lavastoviglie meccanica ( 1886 ), era una donna molto raffinata, sposata con un uomo molto ricco William Cochran.
Josephine amava organizzare cene e aperitivi nella sua dimora, anche se non cucinava perché aveva una servitù appositamente per questo. A causa della servitù però, Josephine si ritrovò con tante preziose stoviglie in porcellana rovinate e scheggiate, era tanto presa dalla cosa che arrivò a lavare i piatti da sola.

Si dice che proprio nel 1886 Josephine esclamò furiosa: “Se nessuno ha ancora inventato una macchina per lavare i piatti, lo farò io stessa!

Così la signora Cochrane costruì compartimenti filo, progettati appositamente per piatti, e collocò i vani in una ruota che stava all’interno di una caldaia di rame. Un motore girava il volante mentre acqua calda mista a sapone (da ricordare che allora i piatti venivano lavati maggiormente con la acqua fredda e cenere), spruzzava dal fondo della caldaia andava sulle stoviglie. Fu brevettata ed installata in casa Crochrane il 28 dicembre 1886. Le amiche di Josephine ne rimasero così meravigliate che chiamarono la macchina “lavastoviglie Cochrane“. Dopo la morte del marito nel 1893, Josephine mostrò la sua macchina al World’s Columbian Exposition di Chicago, vincendo il primo premio.

Fu così che aprì la sua fabbrica la Garis-Cochran lavastoviglie Machine Company nel 1897, con George Butters che divenne, il caporeparto in fabbrica e capo meccanico, e altri tre dipendenti. La sua macchina era richiesta solo da  numerosi ristoranti ed alberghi. Per l’uso domestico scoppiò l’interesse per la lavastoviglie solo a partire dal 1950. Josephine morì d’esaurimento nervoso all’età di 74 anni, dopo la sua scomparsa la società cambiò titolari (1940) diventando parte della Kitchen Aid e ora di proprietà della Whirlpool Corporation.