diredonna network
logo
Stai leggendo: 10 Semplici Trucchi Per Rinnovare La tua Casa Spendendo Poco

10 Semplici Trucchi Per Rinnovare La tua Casa Spendendo Poco

Soluzioni e consigli low-cost per rinnovare casa cambiando l'atmosfera delle stanze con semplici - e anche economici - trucchi.
Fonte: weheartit.com
Fonte: weheartit.com

A chi non piacerebbe cambiare casa e vivere ogni volta in un fantastico posto diverso da scoprire ogni volta?

Purtroppo non si può, o almeno non tutti possono permettersi di farlo.

Per fortuna, se ti sei stufata del solito bianco alle pareti del tuo appartamento, ti basterà seguire questa piccola guida per rinnovare subito la tua casa con pochi e semplici trucchi!

1. Cromoterapia

Fonte: weheartit.com
Fonte: weheartit.com

Le pareti di casa sono un po’ come i capelli di una donna: è la prima cosa che si cambia quando si ha bisogno di esteriorizzare una trasformazione.

Ergo, così come ci tingiamo i capelli, possiamo tinteggiare i muri di casa.

Che siano tutti ugualmente bianchi, o che ogni stanza abbia il suo colore, cambiare il colore della tinta conferisce subito un aspetto nuovo alla casa.

E non c’è bisogno di chiamare una ditta ogni volta: ti basterà comprare, nei negozi di bricolage, della vernice lavabile colorata oppure bianca a cui aggiungere gradualmente della madretempera in modo da ottenere la perfetta nuance che desideri.

Una volta coperto il pavimento, spostati e coperti i mobili, scotchato con carta gommata i battiscopa e gli altri oggetti non removibili, dai libero sfogo alla tua verve.

Ricordati – una volta finito – di far arieggiare la camera per un paio di giorni.

Il consiglio in più: se non vuoi tinteggiare tutte le pareti dello stesso tono ci sono valide alternative:

  • dipingere una sola parete, magari quella dietro al sofà, a contrasto con le altre;
  • dipingere ogni parete con un colore diverso, attenzione che i colori siano comunque tutti in armonia;
  • dipingere le pareti a due a due: ovvero dipingere con un colore uguale le pareti opposte o quelle adiacenti;
  • dipingere le pareti dello stesso colore, ma con quattro sfumature graduali diverse.

2. Calate le tende

Fonte: weheartit.com
Fonte: weheartit.com

A volte mi è capitato di andare a trovare amiche che si erano appena sposate, o che erano appena andate a convivere, in una casa in cui ancora non erano pronte i tendaggi. Quando poi vi facevo ritorno e vedevo le tende al proprio posto, mi sembrava di essere andata in una casa completamente diversa.

Dunque se avete voglia di rinnovare casa e non avete voglia di impiastricciarvi con la vernice o, tutto sommato, la tinta alle pareti è di vostro gradimento, vi consiglio di cambiare le tende:
le tende, infatti, modulano il modo in cui la luce entra da balconi e finestre, conferendo subito un’atmosfera nuova alla camera avvertita in maniera inconscia, nonché un colpo d’occhio diverso a primo impatto.

Puoi giocare con stoffe e tessuti: sovrapposizioni, ritagli, trasparenze.

Fidatevi, cambiare le tende da un impatto visivo tutto nuovo alla casa.

Il consiglio in più: in commercio si trovano dei pannelli pre confezionati, basta prendere le misure – che dovrebbero essere comunque standard di loro – e appenderli al bastone.

3. Complimenti ai coplementi!

Fonte: weheartit.com
Fonte: weheartit.com

Il segreto per rinnovare casa, senza dilapidare tutte le nostre sostanze, è quello di focalizzarsi sui dettagli.

E, in un appartamento, dettagli fa rima con complementi d’arredo: cuscini, soprammobili, cornici, tappeti e tutte quelle piccole cose che singolarmente non danno nell’occhio ma che, viste nell’insieme, fanno sicuramente la differenza senza dover spendere per forza un capitale per cambiare il mobilio.

Per rinnovare il divano basterà cambiare i vecchi cuscini con altre dalle stoffe coordinate agli altri complementi o alle pareti.

Colorati, vivaci, a tinte forti: ora hai una scusa per girare in tutti quei negozietti carini, alla ricerca dell’oggettino che sarà il nuovo pezzo forte del tuo nido.

Uno svuotatasche per l’ingresso, un nuovo set portasapone e portasciugamano per il bagno, asciugamani, cuscini, copriletti per le stanze da letto.

Il consiglio in più: in questo caso, la parola d’ordine è contrasto armonico; se gli accessori d’arredo saranno a contrasto con l’ambiente circostante, cattureranno subito la vista dell’ospite, attenta però che ci sia sempre un collegamento fra i complementi e che non risultino solo un’accozzaglia di cose messe lì a casaccio.

4. DIY: decoupage

Fonte: weheartit.com
Fonte: weheartit.com

 

Se il tuo budget è proprio ridotto all’osso o, se semplicemente ti va, non comprare: costruisci, rinnova, dipingi, decora.

È la filosofia del DIY, che sta per Do It Yourself, ovvero: fallo da sola!

Puoi cercare idee su internet o su riviste specializzate.

Se proprio non sei pratica di chiodi, siliconi, carte e primer puoi sempre iscriverti a quel corso di decoupage che volevi fare da tanto tempo.

Ora hai un’ottima scusa e può darti l’aiuto che ti serve!

Se invece hai già una buona manualità e un minimo di esperienza, non ti resta che dar sfogo alla tua vena artistica e cambiare aspetto ad ogni cosa che ti pare.

Il vero motore è la tua fantasia, ed è un motore il cui carburante non si esaurisce mai!

Il consiglio in più: non rischiare; so che può sembrare una ramanzina ad un infante, più che un consiglio, ma se non sei sicura di alcune cose, fatti aiutare: è sempre casa tua, il posto in cui vivi e non vuoi vivere in un posto pieno di guai alle pareti…

5. Tessuti

Fonte: weheartit.com
Fonte: weheartit.com

I tessuti sono una mano santa per chi vuole rivoluzionare la propria casa senza spendere molto.

Si possono comprare in grandi centri per l’arredamento, nei negozi di bricolage e fai da te, nei negozi appositi, nelle mercerie ma – e lo dico per esperienza – gli affari migliori si fanno al mercato rionale.

Se vivete in una zona in cui fanno il mercato almeno un giorno a settimana, vi consiglio di andarci a fare un giro.

Ma armatevi di pazienza perché spesso i veri tesori si nascondono sotto altre stoffe… un po’ come il Principe Azzurro: devi prima scartare un po’ di pezze, per arrivare allo sca(m)polo del tuo cuore!

E non abbiate paura se non sapete cucire: non è strettamente necessario: per ripiegare della stoffa basta una sparapunti, una pistola per colla a caldo, un po’ di passamaneria e nastrini per coprire “le cicatrici”.

Il consiglio in più: ti ricordi quella borsa orribile che ti hanno regalato, ma che aveva una fodera così carina? Ecco.

6. Il potere delle parole

Fonte: weheartit.com
Fonte: weheartit.com

Si dice che le parole feriscano più della spada, ma viceversa alcune parole hanno un potere confortante ed incoraggiante.

Allora perché non abbellire la tua casa con un muro motivazionale?

Scritte a mano, fatte con lo stencil, o adesive. Perfette se accostate a tante piccole cornicette ton sur ton per creare un unico grande decoro alla parete.

Vi metterà di buon umore ogni volta che lo guarderete.

Attenti a non commettere errori di ortografia, però: scrivere sui muri di casa è quasi come farci un tatuaggio.

Il consiglio in più: chiamate a farvi dare una mano tutte le persone che per voi sono speciali e fate scrivere ad ognuno una parola che rappresenta il vostro legame.

7. Illuminare

Fonte: weheartit.com
Fonte: weheartit.com

Le luci sono di assoluta importanza per un ambiente, soprattutto se molto vivibile come il soggiorno, o la cucina ad esempio.

Può essere già sufficiente provare a spostare le lampade da terra o da tavolo per controllare se i punti luce sono in posizione funzionale.

Anche solo cambiando l’intensità della lampadina, noterete un cambiamento notevole.  

Se ne avete la possibilità, invece per alcune stante potete scegliere l’illuminazione a led: moderno ed economico!

Il consiglio in più: per brevi periodi di tempo, se hai bisogno di un’atmosfera particolarmente suggestiva, puoi poggiare un foulard su l’abat-jour.

8. Quadri e cornici

Fonte: weheartit.com
Fonte: weheartit.com

Te ne hanno regalate a tonnellate, non le usi ma in realtà anche loro possono dare un tocco di stile al tuo ambiente.

Se non volete buttare delle cornici vecchie, potete ridipingerle: colori vivaci o super minimal, a seconda dell’arredamento e del gusto.

Un muro decorato con una composizione originale e creativa di cornici di varie forme e materiali, di sicuro non passa inosservato.

Le cornici possono essere anche dipinte: a mano o con gli stencil, o in stickers.

Possono essere tono su tono, a contrasto, complementari. Riempite con la stessa carta da parati del muro o – più classicamente – con foto e disegni. 

Il consiglio in più: non è necessario riempirle con foto e stampe… oppure provate a mettere tante piccole cornici in un’unica grande cornice.

9. Ordine e disposizione

Fonte: weheartit.com
Fonte: weheartit.com

Non vuoi cambiare le tende, non vuoi comprare quadri, non vuoi ridipingere le mura.

In sostanza non vuoi – o non puoi – spendere neanche un soldo ma vuoi comunque rinnovare casa?

Gioca con quello che hai!

Cambiando l’ordine degli addendi, è vero, la somma non cambia: eppure se sposti e riposizioni tutti i tuoi elementi d’arredo puoi comunque ottenere un effetto novità.

Il consiglio in più: fatti aiutare da un paio di braccia forzute e muscolose!

10. Less is more

Fonte: weheartit.com
Fonte: weheartit.com

Il bianco, in tutte le sue sfumature, è il colore principe dello stile d’arredamento minimalista.

Per di più è uno stile che si sposa perfettamente con il color blocking, tendenza assai di moda in cui si usano blocchi di colore vivace, come il rosso per esempio, per contrastare con i toni più neutri.

Le forme sono molto geometriche e le linee rette.

Non devi rifarti l’appartamento per dare subito un aspetto più minimale al tuo ambiente.

Ti basterà rimuovere ogni elemento texturato, con un pattern o con una fantasia, favorendo le tinte unite,

lasciare pochi mobili dalle forme ispirate al design moderno e ridurre al minimo i complementi d’arredo, lasciando solo quelli funzionali.

La sobrietà è il fattore chiave del minimal style.

Il consiglio in più: se non sei una tipa estremamente ordinata, è sconsigliabile poiché essendoci pochi elementi, anche pochi fuori posto danno subito nell’occhio rompendo l’armonia generale dell’ambiente.