diredonna network
logo
Stai leggendo: Tutte Le Immagini Censurate Nei Cartoni Animati Anni ’80-’90

Il Titanic non affondò a causa dell'iceberg: ecco la nuova tesi e le prove

6 modi per riciclare i leggings che non portiamo più

Essere pagate per viaggiare: come si diventa Hotel Tester e quanto si guadagna

Oroscopo dal 19 al 25 gennaio 2017- Come sopravvivere alle stelle

Chiara Ferragni è incinta! Lo scherzo di Fedez alla "suocera" in un video

Sesso anale, la dottoressa De Mari: "Si pratica nelle iniziazioni sataniche. L'omosessualità non esiste"

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Cosa rivela la forma del tuo piede su di te

Ecco perché migliaia di ovetti sorpresa sono naufragati su questa spiaggia tedesca

Tutte Le Immagini Censurate Nei Cartoni Animati Anni '80-'90

Georgie, Mila e Shiro, City Hunter... e gli altri cartoni animati anni '80 e '90: ecco le scene che in Italia sono state censurate
(foto:Web)

La piccola Georgie, Mila e Shiro, City Hunter & Company sono cartoni animati che ci hanno tenuto compagnia negli anni ’80/’90.

Ma se la legge televisiva italiana per quanto riguarda la protezione dei minori è fiscale sul nudo, (oppure era, perchè diciamola tutte, le chiappe delle veline all’ora di cena o le parolacce di Jersey Shore e soci son molto più forti di un paio di tette disegnate)  questi cartoni, tutti made in Japan, prevedono spesso scene di nudo o di sesso.

La sessualità in giappone è infatti un argomento molto diffuso e viene affrontato senza malizia, a differenza del mondo occidentale.

Sono tanti i luoghi comuni ricchi d’idee sbagliate per quanto riguarda il sesso nipponico.

La geisha per esempio non è una prostituta ma una donna colta, con doti musicali e oratorie, che si rende disponibile per un’interazione non-sessuale con i suoi clienti.

Essere geisha è un onore e non un’offesa come viene percepito nella nostra mentalità.

Questo tipo di donna realizza i ruoli sociali vietati alle donne comuni.

Successivamente, una geisha può anche avere un “mecenate” con il quale ha goduto d’un’intimità sessuale, ma non è obbligata.

La distorsione della realtà delle cose nasce dopo che semplici prostitute si offrivano ai militari americani definendosi geishe.

Il Giappone è sicuramente famoso per essere un’industria del sesso: saloni dell’amore, love hotel (che nulla hanno a che fare con i nostri squallidi motel), karaoke erotici e altri divertimenti.

Il tutto viene però affrontato con grande naturalezza.

Chi sta dunque dalla parte sbagliata?! Noi che urliamo allo scandalo, o chi vive con grande naturalezza l’arte di amarsi e mostrarsi per quello che si è?

(Credereste mai ad una Georgie così hot?!)

8

(foto:Web)

7

(foto:Web)

6

(foto:Web)

5

(foto:Web)

4

(foto:Web)

3

(foto:Web)

2

(foto:Web)

1

(foto:Web)