diredonna network
logo
Stai leggendo: Tutte Le Immagini Censurate Nei Cartoni Animati Anni ’80-’90

Come funziona la pianta mangiafumo?

"Nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia": la forza dell'amore di quest'uomo

L'uomo affida messaggi d'amore in bottiglia al mare: va a finire così

Shannen Doherty, selfie con i capelli: "Mi sento di nuovo donna"

Greta e Marta, da "coppia d'oro" dello sport alle molestie fino all'accusa di stalking

Dimmi come porti la borsa e ti dirò chi sei

Oroscopo dal 17 al 23 agosto - Come sopravvivere alle stelle

Selenza Gomez: "Ero rotta dentro. Ecco come la terapia ha cambiato la mia vita"

J-Ax intervista Fedez: "Ho provato tutte le droghe, tranne l'eroina"

Quando Reeva scrisse a Pistorius: "A volte mi fai paura" e quelle parole di lui

Tutte Le Immagini Censurate Nei Cartoni Animati Anni '80-'90

Georgie, Mila e Shiro, City Hunter... e gli altri cartoni animati anni '80 e '90: ecco le scene che in Italia sono state censurate
(foto:Web)
(foto:Web)

La piccola Georgie, Mila e Shiro, City Hunter & Company sono cartoni animati che ci hanno tenuto compagnia negli anni ’80/’90.

Ma se la legge televisiva italiana per quanto riguarda la protezione dei minori è fiscale sul nudo, (oppure era, perchè diciamola tutte, le chiappe delle veline all’ora di cena o le parolacce di Jersey Shore e soci son molto più forti di un paio di tette disegnate)  questi cartoni, tutti made in Japan, prevedono spesso scene di nudo o di sesso.

La sessualità in giappone è infatti un argomento molto diffuso e viene affrontato senza malizia, a differenza del mondo occidentale.

Sono tanti i luoghi comuni ricchi d’idee sbagliate per quanto riguarda il sesso nipponico.

La geisha per esempio non è una prostituta ma una donna colta, con doti musicali e oratorie, che si rende disponibile per un’interazione non-sessuale con i suoi clienti.

Essere geisha è un onore e non un’offesa come viene percepito nella nostra mentalità.

Questo tipo di donna realizza i ruoli sociali vietati alle donne comuni.

Successivamente, una geisha può anche avere un “mecenate” con il quale ha goduto d’un’intimità sessuale, ma non è obbligata.

La distorsione della realtà delle cose nasce dopo che semplici prostitute si offrivano ai militari americani definendosi geishe.

Il Giappone è sicuramente famoso per essere un’industria del sesso: saloni dell’amore, love hotel (che nulla hanno a che fare con i nostri squallidi motel), karaoke erotici e altri divertimenti.

Il tutto viene però affrontato con grande naturalezza.

Chi sta dunque dalla parte sbagliata?! Noi che urliamo allo scandalo, o chi vive con grande naturalezza l’arte di amarsi e mostrarsi per quello che si è?

(Credereste mai ad una Georgie così hot?!)

8

(foto:Web)
(foto:Web)

7

(foto:Web)
(foto:Web)

6

(foto:Web)
(foto:Web)

5

(foto:Web)
(foto:Web)

4

(foto:Web)
(foto:Web)

3

(foto:Web)
(foto:Web)

2

(foto:Web)
(foto:Web)

1

(foto:Web)
(foto:Web)