diredonna network
logo
Stai leggendo: Fare l’amore aiuta la memoria

La commessa definisce il suo anello "patetico": la risposta a questa domanda è magistrale

Oroscopo dal 19 al 25 gennaio 2017- Come sopravvivere alle stelle

Chiara Ferragni è incinta! Lo scherzo di Fedez alla "suocera" in un video

Sesso anale, la dottoressa De Mari: "Si pratica nelle iniziazioni sataniche. L'omosessualità non esiste"

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Cosa rivela la forma del tuo piede su di te

Ecco perché migliaia di ovetti sorpresa sono naufragati su questa spiaggia tedesca

Grazia per Jacqueline, la donna che uccise il marito che la picchiava e violentava le figlie

Quando (e dove) ci dà fastidio essere toccati: le zone off-limits del nostro corpo

Fare l'amore aiuta la memoria

Fare l'amore fa bene anche alla memoria. Grazie ad un esperimento si è scoperto che il sesso migliora anche l'attività cerebrale.
foto:web

Il sesso aiuta il fisico e la mente, ormai lo sappiamo.

Aiuta a perdere peso, fa bene all’autostima, mantiene il buonumore ed è un rimedio decisamente efficace contro l’insonnia.
Gli ultimi studi confermano anche che del buon sesso aiuta anche la memoria, riducendo lo stess.
Gli effetti positivi dell’orgasmo sul cervello esistono grazie al rilassamento dell’attività cerebrale, mettendo a riposo i pensieri, utilizzando al meglio le proprie energie solo per il piacere.

Questo risultato arriva da un esperimento con i topi.

I cambiamenti cerebrali dei roditori, divisi in due gruppi, sono stati analizzati dopo l’accoppiamento. In un gruppo gli animali più grandi hanno dimostrato di avere un miglioramento della funzione cognitiva e della funzione dell’ippocampo. Quell’area del nostro cervello che ha un ruolo molto importante nella memoria a lungo termine, mentre nell’altro si sarebbe dimostrato che il rapporto sessuale è in grado di contrastare i danni dello stress.

È importante però farlo con regolarità se si vogliono ottenere i benefici a livello cognitivo.