diredonna network
logo
Stai leggendo: I gatti ci vedono come dei felini simili a loro

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

Balenciaga "rifà" la borsa blu di Ikea. Trova le differenze: il prezzo per esempio

Oroscopo dal 20 al 26 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Perché ho realizzato per la mia bambina una festa a tema... cacca"

La fitness blogger che ha deciso di non depilarsi: "Voglio essere di ispirazione per le altre donne"

Titanic: ma Jack poteva salvarsi sulla porta-zattera con Rose? Ecco la risposta

Vacanze di Pasqua: i 4 compiti di questo maestro elementare

Sai a cosa serve la "tasca" sugli slip da donna? Mistero svelato

Programmi per Pasqua e Pasquetta: avete fatto i conti con il meteo del week end?

I gatti ci vedono come dei felini simili a loro

I gatti ci vedono come dei felini.L'unica differenza per loro è che siamo più grandi. Ecco cosa ha scoperto un ricercatore di Bristol sul comportamento animale.
(foto:Web)

Gattare di tutto il mondo, leggete queste ultime novità!
Quando il vostro amico a quattro zampe si stende accanto a voi sul letto e vi fa le fusa, vi sta trattando nello stesso identico modo in cui tratterebbe un suo simile.
Il gatto infatti si relazione all’uomo nello stesso modo in cui si relazionerebbe ad un altro gatto, si comporta trattandolo al proprio livello ed è convinto che sia semplicemente un micio, molto più grande.

Il biologo inglese John Bradshaw dell’Università di Bristol ha condotto uno studio lungo 30 anni ed è arrivato alla conclusione che la differenza di comportamento di un gatto e un cane sono molte e opposte tra loro.
Il cane infatti è stato addomesticato, attraverso millenni di avvicinamento con l’uomo, e ha così preso le distanze comportamentali dal suo antenato il lupo. In questo modo il cane ha capito la nostra natura e il nostro ruolo, mentre il gatto legge il mondo attraverso i suoi comportamenti sociali.
Quando un micio ci vuole bene quindi, si comporta proprio come farebbe la sua mamma o il suo fratello più grande, alzando la coda e strofinandosi a noi.
Quando alzano la coda infatti è il segnale più chiaro con cui mostrano il loro affetto nei nostri confronti e proprio per questo motivo la cosa migliore è aspettare che la coda sia all’insù prima di interagire.