diredonna network
logo
Stai leggendo: I gatti ci vedono come dei felini simili a loro

Metodo F**K IT: "Come scoprire il potere liberatorio del vaffanculo e sorridere alla vita"

"Riposa in pace. So che verrai a cercarmi...", le parole della moglie a Chris Cornell

Perché la fine di un'amicizia è peggio della fine di un amore

Quando Marina Abramovic lasciò che la gente usasse il suo corpo come un oggetto

Oroscopo dal 25 al 31 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Avril Lavigne è morta ed è stata rimpiazzata da un clone": le "prove" dei complottisti

Spora, ecco il mio viso dopo l'incidente: "Questa sono io e la perfezione non esiste"

15 migliori idee per feste a tema diverse dal solito

Terapie di "riorientamento sessuale": "Ecco come si possono curare i gay"

Troppo grassa per Louis Vuitton, ma la modella non ci sta: ecco come ha risposto su Facebook

I gatti ci vedono come dei felini simili a loro

I gatti ci vedono come dei felini.L'unica differenza per loro è che siamo più grandi. Ecco cosa ha scoperto un ricercatore di Bristol sul comportamento animale.
(foto:Web)
(foto:Web)

Gattare di tutto il mondo, leggete queste ultime novità!
Quando il vostro amico a quattro zampe si stende accanto a voi sul letto e vi fa le fusa, vi sta trattando nello stesso identico modo in cui tratterebbe un suo simile.
Il gatto infatti si relazione all’uomo nello stesso modo in cui si relazionerebbe ad un altro gatto, si comporta trattandolo al proprio livello ed è convinto che sia semplicemente un micio, molto più grande.

Il biologo inglese John Bradshaw dell’Università di Bristol ha condotto uno studio lungo 30 anni ed è arrivato alla conclusione che la differenza di comportamento di un gatto e un cane sono molte e opposte tra loro.
Il cane infatti è stato addomesticato, attraverso millenni di avvicinamento con l’uomo, e ha così preso le distanze comportamentali dal suo antenato il lupo. In questo modo il cane ha capito la nostra natura e il nostro ruolo, mentre il gatto legge il mondo attraverso i suoi comportamenti sociali.
Quando un micio ci vuole bene quindi, si comporta proprio come farebbe la sua mamma o il suo fratello più grande, alzando la coda e strofinandosi a noi.
Quando alzano la coda infatti è il segnale più chiaro con cui mostrano il loro affetto nei nostri confronti e proprio per questo motivo la cosa migliore è aspettare che la coda sia all’insù prima di interagire.