diredonna network
logo
Stai leggendo: Perdonare fa bene: ecco perchè è importante

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Quando la tua ex ti scrive una lettera di scuse e tu gliela rimandi corretta" con la penna rossa

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Torna il Nokia 3310, il cellulare indistruttibile della nostra adolescenza!

Mamma single si traveste da papà per accompagnare il figlio all'evento della scuola

L'annuncio di lavoro dei sogni: essere pagate per assaggiare cioccolato

Jessica, perde la memoria ma si innamora di nuovo dello stesso uomo

Il tuo account Instagram potrebbe dire molto sulla tua salute mentale

Perdonare fa bene: ecco perchè è importante

Perdonare fa bene, soprattutto a chi compie l'azione.Diversi studi scientifici hanno provato come il corpo reagisce positivamente al perdono.
(foto:Web)

Perdonare è importante. Non è solamente un pensiero cristiano, è uno stile di vita che aiuta a vivere meglio e in pace con se stessi.

Il grande Nelson Mandela insegnava: “il perdono libera l’anima e cancella la paura”.
Perdonare infatti non è semplicemente un gesto generoso che tu puoi fare nei confronti degli altri, perdonare è un atto che prima di tutto fa bene a chi lo fa.
Chi perdona, scientificamente, ha una pressione arteriosa più bassa, un sistema immunitario più forte ed è meno portato a subire le conseguenze negative di stress e depressione. Risultati che un team di esperti hanno scritto nero su bianco dopo diversi test sul cervello attraverso risonanza magnetica.
Con il perdono un evento negativo viene rivisto in termini positivi e anche in termini biochimici i risultati sono soddisfacenti: la rabbia e l’ansia vengono gestite in modo ottimale.

Il perdono sollecita la regione del cervello associata all’empatia, e il precuneo, un’area che viene chiamata in causa per “mettersi nei panni dell’altro”. Perdonare vuol dire anche diventare più sensibili e aiuta a capire meglio chi ci sta intorno.

Perdonare inoltre alleggerisce il cervello, stimola la fantasia e la creatività. Chi afferma con certezza “non lo perdonerò mai” fa solo del male al suo fisico, poichè il corpo reagisce negativamente a livello fisiologico, concependo questi sentimenti come una vera e propria malattia.
Prova a guardare la situazione in modo distaccato. Vedrai tutto così piccolo e relativamente importante.
Chi subisce un’offesa tende a reagire con l’odio e la vendetta, oppure con la fuga, rischiando in questo modo solo di aumentare la sofferenza.
Il perdono permette di alleggerire la sofferenza, rinunciando alla rabbia e al risentimento.

“Il perdono ci libera dal passato e ci dà la possibilità di guardare avanti. Questo è un grande dono cha facciamo a noi stessi, che alleggerisce il pensiero e apre la strada all’azione buona. Lo stesso vale per chi viene perdonato: il gesto scioglie il senso di colpa e consente di ripartire, aprendosi al bene. Penso a chi ha compiuto un atto irreparabile: è questa l’unica via d’uscita”.
SALVATORE NATOLI, filosofo