diredonna network
logo
Stai leggendo: Genitori fanno prostituire la figlia minorenne con un ottantenne: hanno un figlio

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

È morta la mamma di Bea, la bambina prigioniera del suo corpo

Questo è il primo emoji della storia: ha 3700 anni la "faccetta" più antica

Itzel, la ragazza di 15 anni che ha ucciso il suo stupratore, è stata assolta

Genitori fanno prostituire la figlia minorenne con un ottantenne: hanno un figlio

Una coppia con gravi problemi finanziari ha fatto prostituire la figlia ancora minorenne con un ottantenne.È nato anche un figlio e ora il Gulp di Caltanisetta sta studiando il caso.
(foto:Web)
(foto:Web)

Una storia di povertà e degrado quella che viene da Leonforte, nell’Ennese.
Una coppia di genitori con gravi problemi finanziari hanno fatto prostituire la figlia ancora minorenne con il loro datore di lavoro 80enne.
Da questi rapporti sessuali è nato anche un figlio.

Il Gup di Caltanissetta ha esaminato la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla procura, aggiornando l’udienza al 15 dicembre. I tre, l’ottantenne ha chiesto il rito abbreviato, sono indagati per violenza sessuale. La giovane vittima si è costituita parte civile. Le accuse sono supportate dalle analisi del Dna: il bimbo avuto dalla ragazza è figlio dell’anziano.
La minorenne sarebbe stata costretta a incontri sessuali con l’uomo nella casa dei genitori e per un lungo periodo l’anziano avrebbe avuto rapporti con la giovane almeno due volte al mese e avrebbe pagato le prestazioni alcune centinaia di euro.
Nel 2008 la ragazza è rimasta incinta e i pagamenti si sono interrotti.
Sono stati i servizi sociali, incaricati di seguire il bambino nato dalla violenza, a interessarsi del caso.