diredonna network
logo
Stai leggendo: Genitori fanno prostituire la figlia minorenne con un ottantenne: hanno un figlio

"Non ci porterete via la libertà": la lezione di Ariana Grande e dei ragazzi d'oggi

Oggi Marco avrebbe compiuto gli anni: le toccanti parole di papà Gianni

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Pronte a comprare i mobili Ikea su Amazon?

Internata in una clinica psichiatrica per impedirle di abortire: la drammatica storia di questa ragazza

Maturità 2017: ecco tutte le tracce della prima prova

Sexting, quella "prova d'amore" che può costare la vita

"Perché mi dice che le faccio schifo?": la risposta di Sergio Sylvestre contro gli haters

Jovanotti e la lettera di Pif: "Mi fa schifo chi se ne sbatte dei disabili"

Genitori fanno prostituire la figlia minorenne con un ottantenne: hanno un figlio

Una coppia con gravi problemi finanziari ha fatto prostituire la figlia ancora minorenne con un ottantenne.È nato anche un figlio e ora il Gulp di Caltanisetta sta studiando il caso.
(foto:Web)
(foto:Web)

Una storia di povertà e degrado quella che viene da Leonforte, nell’Ennese.
Una coppia di genitori con gravi problemi finanziari hanno fatto prostituire la figlia ancora minorenne con il loro datore di lavoro 80enne.
Da questi rapporti sessuali è nato anche un figlio.

Il Gup di Caltanissetta ha esaminato la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla procura, aggiornando l’udienza al 15 dicembre. I tre, l’ottantenne ha chiesto il rito abbreviato, sono indagati per violenza sessuale. La giovane vittima si è costituita parte civile. Le accuse sono supportate dalle analisi del Dna: il bimbo avuto dalla ragazza è figlio dell’anziano.
La minorenne sarebbe stata costretta a incontri sessuali con l’uomo nella casa dei genitori e per un lungo periodo l’anziano avrebbe avuto rapporti con la giovane almeno due volte al mese e avrebbe pagato le prestazioni alcune centinaia di euro.
Nel 2008 la ragazza è rimasta incinta e i pagamenti si sono interrotti.
Sono stati i servizi sociali, incaricati di seguire il bambino nato dalla violenza, a interessarsi del caso.

aggiornamenti