diredonna network
logo
Stai leggendo: Genitori fanno prostituire la figlia minorenne con un ottantenne: hanno un figlio

La maledizione della lotteria: "Ero più felice prima di vincere al Gratta e Vinci"

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Genitori fanno prostituire la figlia minorenne con un ottantenne: hanno un figlio

Una coppia con gravi problemi finanziari ha fatto prostituire la figlia ancora minorenne con un ottantenne.È nato anche un figlio e ora il Gulp di Caltanisetta sta studiando il caso.
(foto:Web)

Una storia di povertà e degrado quella che viene da Leonforte, nell’Ennese.
Una coppia di genitori con gravi problemi finanziari hanno fatto prostituire la figlia ancora minorenne con il loro datore di lavoro 80enne.
Da questi rapporti sessuali è nato anche un figlio.

Il Gup di Caltanissetta ha esaminato la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla procura, aggiornando l’udienza al 15 dicembre. I tre, l’ottantenne ha chiesto il rito abbreviato, sono indagati per violenza sessuale. La giovane vittima si è costituita parte civile. Le accuse sono supportate dalle analisi del Dna: il bimbo avuto dalla ragazza è figlio dell’anziano.
La minorenne sarebbe stata costretta a incontri sessuali con l’uomo nella casa dei genitori e per un lungo periodo l’anziano avrebbe avuto rapporti con la giovane almeno due volte al mese e avrebbe pagato le prestazioni alcune centinaia di euro.
Nel 2008 la ragazza è rimasta incinta e i pagamenti si sono interrotti.
Sono stati i servizi sociali, incaricati di seguire il bambino nato dalla violenza, a interessarsi del caso.