diredonna network
logo
Stai leggendo: Genitori fanno prostituire la figlia minorenne con un ottantenne: hanno un figlio

Grey's Anatomy: nuove stagioni già in programma?

La magia de l'Incantevole Creamy torna in tv: ecco quando e dove

Lui la dà alla fiamme. Lei lo difende dalla D'Urso. Momento di TV shock

"Streghe": è in arrivo un prequel della serie?

Gli insulti stupidi ad AstroSamantha per il nome della figlia (e forse è pure una bufala)

Oroscopo dal 12 al 18 gennaio 2017 - Come sopravvivere alle stelle

La dedica di Ryan Gosling è la più commovente dichiarazione d'amore di sempre

"Se hai il ciclo non puoi entrare": la rivolta social delle donne indiane

Siamo fatti così: torna in tv il cartone che racconta il corpo umano. Ecco quando e dove

Fiocco azzurro per Ellen Pompeo: la Meredith di Grey's Anatomy mamma per la terza volta

Genitori fanno prostituire la figlia minorenne con un ottantenne: hanno un figlio

Una coppia con gravi problemi finanziari ha fatto prostituire la figlia ancora minorenne con un ottantenne.È nato anche un figlio e ora il Gulp di Caltanisetta sta studiando il caso.
(foto:Web)

Una storia di povertà e degrado quella che viene da Leonforte, nell’Ennese.
Una coppia di genitori con gravi problemi finanziari hanno fatto prostituire la figlia ancora minorenne con il loro datore di lavoro 80enne.
Da questi rapporti sessuali è nato anche un figlio.

Il Gup di Caltanissetta ha esaminato la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla procura, aggiornando l’udienza al 15 dicembre. I tre, l’ottantenne ha chiesto il rito abbreviato, sono indagati per violenza sessuale. La giovane vittima si è costituita parte civile. Le accuse sono supportate dalle analisi del Dna: il bimbo avuto dalla ragazza è figlio dell’anziano.
La minorenne sarebbe stata costretta a incontri sessuali con l’uomo nella casa dei genitori e per un lungo periodo l’anziano avrebbe avuto rapporti con la giovane almeno due volte al mese e avrebbe pagato le prestazioni alcune centinaia di euro.
Nel 2008 la ragazza è rimasta incinta e i pagamenti si sono interrotti.
Sono stati i servizi sociali, incaricati di seguire il bambino nato dalla violenza, a interessarsi del caso.