diredonna network
logo
Stai leggendo: Genitori fanno prostituire la figlia minorenne con un ottantenne: hanno un figlio

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Genitori fanno prostituire la figlia minorenne con un ottantenne: hanno un figlio

Una coppia con gravi problemi finanziari ha fatto prostituire la figlia ancora minorenne con un ottantenne.È nato anche un figlio e ora il Gulp di Caltanisetta sta studiando il caso.
(foto:Web)

Una storia di povertà e degrado quella che viene da Leonforte, nell’Ennese.
Una coppia di genitori con gravi problemi finanziari hanno fatto prostituire la figlia ancora minorenne con il loro datore di lavoro 80enne.
Da questi rapporti sessuali è nato anche un figlio.

Il Gup di Caltanissetta ha esaminato la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla procura, aggiornando l’udienza al 15 dicembre. I tre, l’ottantenne ha chiesto il rito abbreviato, sono indagati per violenza sessuale. La giovane vittima si è costituita parte civile. Le accuse sono supportate dalle analisi del Dna: il bimbo avuto dalla ragazza è figlio dell’anziano.
La minorenne sarebbe stata costretta a incontri sessuali con l’uomo nella casa dei genitori e per un lungo periodo l’anziano avrebbe avuto rapporti con la giovane almeno due volte al mese e avrebbe pagato le prestazioni alcune centinaia di euro.
Nel 2008 la ragazza è rimasta incinta e i pagamenti si sono interrotti.
Sono stati i servizi sociali, incaricati di seguire il bambino nato dalla violenza, a interessarsi del caso.