diredonna network
logo
Stai leggendo: I Complimenti Da Fare (E Quelli Da Evitare) Ad Una Donna

I Complimenti Da Fare (E Quelli Da Evitare) Ad Una Donna

Quali complimenti fare o non fare ad una donna?!?Ecco qualche utile consiglio ... per sopravvivere alle ire femminili.
(foto:Web)
(foto:Web)

Noi donne siamo complicate, si sa, e certi studi universitari si preoccupano anche di capire cosa passa nel nostro cervello.

Tempo perso?! Forse.Ma evidentemente non hanno di meglio da fare.

Uno studio di questi infatti, condotto su più di 2mila donne, svela la risposta al quesito: “qual è il complimento preferito dalle donne?!”

Secondo il Dental Care Plus Implant Centres non ci sono dubbi: è quello che riguarda la sua ottima forma fisica. Dalla ricerca emerge, infatti, che alle donne piace sentirsi rassicurate sul proprio peso-forma.

Ben il 43% delle donne è infatti ossessionata dal proprio peso e 4 donne su 10 sono felici quando qualcuno si complimenta con loro anche solo per il sorriso o i capelli.

Questa la classifica stimata dei complimenti preferiti dal gentil sesso:

(foto:Web)
(foto:Web)

Quali invece sono i commenti da evitare?!?!

>>> Vediamoli insieme:

Il portavoce del Dental Care Plus Implant Cenrtres sottolinea: “Le donne sono creature particolarmente complesse, amano i complimenti che riguardano la loro bellezza e, in particolar modo, apprezzano chi le considera sufficientemente magre. Alle donne piace molto anche sentirsi dire che un vestito o un colore dona loro particolarmente.”

Dal medesimo studio emergono anche dati inerenti l’altra faccia della medaglia: quelli che vorrebbero essere dei complimenti ma vengono fraintesi dal doppio cromosoma X. 

(foto:Web)
(foto:Web)

“Sfortunatamente per gli uomini, il 36% delle donne diventa di malumore, perché fraintendono ciò che in realtà era inteso come un complimento.

Lo studio mette in evidenza che le donne ricevono un solo un complimento al giorno dai loro partner, ed è facile intuirne il perché: la maggior parte degli uomini probabilmente vive nella paura di sbagliare e venir frainteso” conclude lo studioso.