logo
Galleria: Wounded Knee: quelle centinaia di donne e bambini trucidati sulla sponda del fiume

Wounded Knee: quelle centinaia di donne e bambini trucidati sulla sponda del fiume

Wounded Knee: quelle centinaia di donne e bambini trucidati sulla sponda del fiume
Foto 1 di 9
x

Il 29 dicembre del 1890 il paesaggio innevato della valle del torrente Wounded Knee si tinse di rosso. Era il colore del sangue di centinaia di nativi americani, tra cui donne e bambini, uccisi brutalmente dagli squadroni del Settimo Reggimento dell’esercito statunitense. Fu il culmine di decenni di guerre civili, che avevano come scopo quello di eliminare la cultura autoctona e sottrarre terre preziose. Un massacro che ancora oggi è un simbolo della violenza perpetrata da una nazione autoproclamatasi portatrice di civiltà.

A distanza di ben oltre un secolo, dopo che in molti hanno cantato, raccontato e scritto di quel terribile eccidio, il tempo sembra aver lavato in molti anche quel residuo di senso di colpa. Se da un lato si sta ancora decidendo sulla revoca delle medaglie d’onore assegnate ai soldati responsabili, dall’altro Donald Trump ha persino osato scherzare su uno degli eventi più tragici nella storia americana, provocando un sentimento di orrore non solo nei nativi americani, ma anche in chi semplicemente non vuole dimenticare.

Come raccontato da Politico, nel gennaio del 2019 il Presidente degli Stati Uniti ha usato Twitter per dileggiare la senatrice Elizabeth Warren, chiamandola Pocahontas per via delle sue lontane origini native americane. Ha quindi preso in giro un video della candidata dem alle prossime presidenziali, postato su Instagram e realizzato in casa, invitandola piuttosto a girarne uno “da Wounded Knee invece che dalla sua cucina, con il marito vestito da indiano”.

Parole prive di tatto, che non solo perpetrano l’idea misogina della donna nativa americana, ma offendono soprattutto le oltre cinquecento tribù riconosciute in tutta la nazione. E proprio i discendenti della tribù Lakota di Wounded Knee oggi stanno ancora lottando per evitare che la terra dove avvenne il massacro, considerata sacra, sia messa in vendita e acquistata come un qualsiasi appezzamento commerciale.

Il massacro dei bambini del villaggio di Lidice

Il massacro dei bambini del villaggio di Lidice

Sfogliate la gallery in alto per continuare a leggere la storia di Wounded Knee…