logo
Galleria: Gli insulti a Selena Gomez: l’eleganza non è firmata Stefano Gabbana

Gli insulti a Selena Gomez: l’eleganza non è firmata Stefano Gabbana

Stefano Gabbana insulta sui social Selena Gomez. E non è nemmeno la prima volta che lo stilista dà sfogo alla "cattiveria" sul Web. dimostrazione che l'eleganza non è un abito da indossare, ma una qualità che si può avere o no.

Gli insulti a Selena Gomez: l’eleganza non è firmata Stefano Gabbana

Gli insulti a Selena Gomez: l’eleganza non è firmata Stefano Gabbana
Foto 1 di 12
x

Essere uno dei più apprezzati e famosi stilisti mondiali non fa di te una persona elegante. Questa potrebbe essere la sintesi della querelle che si è scatenata nelle ultime ore su Instagram, protagonista Stefano Gabbana e i Selenators, ovvero i fan di Selena Gomez, che hanno visto la propria beniamina pesantemente insultata e criticata dal designer milanese via social.

Gabbana ha chiaramente espresso quel che pensa della popstar, definendola “brutta” (e andando oltre) seguendo un po’ quella ignobile moda di sentirsi liberi di dileggiare chiunque non ci vada a genio perché tanto “siamo sui social”, ma dalla critica allo scadere nel più becero bullismo da tastiera il passo è stato sin troppo breve.

Molti commenti si sono detti, ragionevolmente, disgustati dal comportamento dello stilista, che ha dimostrato quanto l’eleganza, e soprattutto l’intelligenza, non siano un abito tailor made che uno può indossare.  Sono qualcosa che hai e coltivi, che ti porti dietro dall’educazione ricevuta e dalla persona che sei diventato, e nessun abito firmato, neppure da uno stilista come Gabbana, può sostituirsi a questo.

Tanto più, caro signor Gabbana, che a lasciare basite di tutta la vicenda non è – solo – il già grave esempio di bodyshaming gratuito messo alla mercé dei tanti appassionati di Instagram, con il rischio, palpabile, che soprattutto le più giovani e insicure lo leggano come un chiaro segnale per disprezzarsi ancora di più, ma più di tutto il fatto che proprio lei, che sulla sua pelle ha sicuramente provato la bruttezza (quella sì) del pregiudizio, della derisione, del bullismo – per motivi diversi, certo, che attengono ai suoi gusti sessuali – si sia poi trasformato in uno di quegli esseri che a lungo ha combattuto. Uno di quelli che discriminano, che umiliano, che giudicano senza se e senza ma.

Senza contare, cosa che ci fa riflettere ancor di più sul fatto che non sia stato l’errore di una volta ma il frutto ragionato di un vero e proprio modo di pensare, che per Stefano Gabbana non si trattava della prima volta: lo stilista ha più volte manifestato, nel recente passato, le proprie opinioni su varie celebrity, non disdegnando battute provocatorie o post allusivi. Sempre, naturalmente, via social.

Abbiamo raccolto tutti gli scivoloni di stile di Gabbana nella nostra gallery. Per ricordare, come amava ripetere un’icona mondiale del fashion, che “la moda passa, lo stile resta”. L’educazione anche.