Robert Pattinson, non solo un vampiro: da Harry Potter a Twilight e oltre

Robert Pattinson, non solo un vampiro: da Harry Potter a Twilight e oltre
Fonte: Twilight
Foto 1 di 11
Ingrandisci

Robert Pattinson è uno di quegli attori che forse paga lo scotto di essere troppo bello.

Come insegnano le carriere e i premi (non) ricevuti da Leonardo DiCaprio, Brad Pitt e Johnny Depp, ci sono degli interpreti per cui la bellezza sembra far passare in secondo piano il talento e Pattinson, pur essendo britannico a differenza dei colleghi succitati, ha dovuto combattere perché il suo riscontro di pubblico puntasse dritto a ciò che l’attore sappia fare e non solo a quanto affascinante sia (e lo è molto).

Classe 1986, Robert Pattinson ha esordito in uno dei film della saga di Harry Potter, tuttavia ha raggiunto la fama internazionale come Edward Cullen nella saga di Twilight. La storia della sua carriera e del suo riscontro di pubblico sembra seguire quella del compianto Patrick Swayze, che fu oggetto di numerose parodie dopo Dirty Dancing: Pattinson è stato parodiato da chiunque, perfino da I Simpson e in molti hanno liquidato la saga young adult di Twilight come un prodotto commerciale, come un blockbusterone in un tempo in cui i BlockBuster erano in via di chiusura.

La sfiga (oltre alla fortuna) di essere bellissimi, che colpisce anche gli uomini

In realtà, Robert Pattinson ha lavorato tantissimo in teatro prima del suo esordio cinematografico. Il teatro è stato per lui una grande scuola, fin da quando aveva 15 anni, che gli ha permesso di diventare l’interprete che oggi è. In barba ai cinefili detrattori, infatti, negli ultimi 10 anni, ha lavorato con grandissimi registi del calibro di David Cronenberg, Werner Herzog, Robert Eggers e Christopher Nolan.

Nonostante le numerose nomination ai Razzie Awards – i non premi per i peggiori del cinema – l’attore ha vinto un People’s Choice Award, 7 Teen Choice Award, 9 Mtv Movie Awards, 2 Scream Awards ma purtroppo nessun premio maggiore. Eppure i film che ha girato hanno ricevuto un ottimo riscontro di critica, come The Lighthouse che ha ricevuto numerose candidature soprattutto per la fotografia, così come Maps to the Stars e Cosmopolis.

Esploriamo insieme la gallery per scoprire le pellicole più significative della carriera di Robert Pattinson.