logo
Galleria: “I am Patrick Swayze”, in ricordo di un fantasma tanto amato

“I am Patrick Swayze”, in ricordo di un fantasma tanto amato

"I am Patrick Swayze", in ricordo di un fantasma tanto amato
Foto 1 di 16
x

Il 14 settembre 2009 ci lasciava Patrick Swayze. Per chi è stata giovane tra gli anni ’80 e ’90, un attore che ha rappresentato passione per la danza – era un ballerino prima ancora che un attore – fantasie sentimentali e una buona dose di trasformismo. Capobanda, fantasma, ballerino squattrinato, drag queen, rapinatore surfista, predicatore ipocrita, medico senza frontiere: sono solo alcuni dei personaggi che Swayze portò sul piccolo schermo diventando un’icona che resiste al tempo. Un’icona affascinante, per sempre giovane.

Perché Patrick Swayze è morto a soli 57 anni – la stessa età di suo padre – per colpa di un tumore al pancreas con metastasi al fegato. Così, il 18 agosto, Paramount Channel ha deciso di ricordarlo con un documentario dal titolo I Am Patrick Swayze. Ma che cosa ha significato essere lui? Nella pellicola, ci sono tanti amici e colleghi che ne ricordano la figura, aiutandoci a scoprire l’uomo oltre l’artista, un uomo talvolta fragile, scomparso troppo presto.

Ho dei demoni nella testa – dice lo stesso Swayze in uno dei filmati di repertorio inclusi nel documentario – dei quali non so se riuscirò mai a liberarmi.

Il resort di Dirty Dancing esiste e tu puoi dormire nella stanza di Baby

Il resort di Dirty Dancing esiste e tu puoi dormire nella stanza di Baby

Tra le testimonianze, ci sono quelle della moglie Lisa Niemi, ma anche quelle di co-star indimenticabili, come Jennifer Grey – che fu con lui in Dirty Dancing e che gli dedicò la sua vittoria in Dancing with the Stars – e Demi Moore – con lui in Ghost. E ancora Rob Lowe – che fu con Swayze nel film culto I ragazzi della 56a strada e in Spalle Larghe – Marshall Teague, Sam Elliott e Kelly Lynch – tutti ne Il duro del Road House – C. Thomas Howell – anche lui uno de I ragazzi – Roland Joffé – regista britannico che lo diresse ne La città della gioia.

Patrick – racconta Demi Moore nel trailer del documentario – aveva qualcosa in sé di molto tosto, eppure, al contempo, possedeva una delicatezza dolce, leggera.

Sfogliamo insieme la gallery per scoprire la storia di Patrick Swayze e i suoi ruoli più importanti, passati alla storia del cinema.