logo
Galleria: Quanto si guadagna a fare gli YouTubers?

Quanto si guadagna a fare gli YouTubers?

Quanto si guadagna a fare gli YouTubers?
Foto 1 di 11
x

Diventare uno youtuber è facilissimo. Ma guadagnare e tanto con YouTube è un altro paio di maniche. Lo spiega in maniera esaustiva e a dir poco divertente un articolo apparso su Forbes. Che sostanzialmente dice una cosa fondamentale: nell’immaginario collettivo, gli youtuber sono persone che non lavorano, eppure quelli che guadagnano di più al mondo lavorano eccome, tra attività collaterali – perché in effetti sono quelle che fruttano – un continuo aggiornamento, blog, lezioni e naturalmente merchandise.

Secondo il senso comune, monetizzare con YouTube è qualcosa di semplice, ma non funziona esattamente così o altrimenti tutti potrebbero guadagnare tantissimo con un’idea vincente e innovativa. Sì, avere una buona idea, un buon seguito di follower – magari a partire anche da altre piattaforme come Instagram o Twitter – aiuta. Ma non è la ricetta per il successo. E allora cosa serve?

Nell’articolo di Forbes è contenuto un excursus su quello che è fondamentale per trasformare il proprio canale YouTube in un lavoro decisamente fruttuoso. Tim Schmoyer, del canale Video Creators, racconta come ci siano star della piattaforma con oltre 2 milioni di follower che guadagnano poche centinaia di dollari al mese. In realtà questo accade perché i canali maggiormente di successo hanno un vero piano strategico che non sia solo e semplicemente editoriale – e quindi non riguardi i meri contenuti.

Questo piano è una combinazione tra attrattiva, creazione intenzionale e informazione. Tanto che gli youtuber di maggior successo possiedono più di un canale, vendono prodotti o imparano a monetizzare anche oltre la piattaforma.

Baby K: cosa trasforma una bambina timida nel fenomeno italiano di YouTube

Baby K: cosa trasforma una bambina timida nel fenomeno italiano di YouTube

Le entrate da YouTube possono giungere innanzi tutto da Google Adsense, cioè le pubblicità sul network che possono essere abbinate ai propri contenuti. Bisogna però avere almeno 1000 follower e 4000 ore di visione dei propri filmati nell’ultimo anno – oltre che vivere in un Paese in cui questo programma sia disponibile. Si viene pagati in base ai click dei visitatori sulla pubblicità, oppure se i visitatori guardano almeno 30 secondi del vostro video (quindi non è esattamente un guadagno sicuro).

Poi ci sono le vendite di prodotti legati al canale, come trucchi o t-shirt – o particolarmente fruttuose come appartamenti – o anche i contenuti sponsorizzati – in cui si pubblicizzano prodotti ad hoc su richiesta in un video (e a volte si viene pagati in denaro, altre in merce). Insomma, non si tratta esattamente di un gioco da ragazzi. Quindi, se volete provarci, iniziate come hobby, studiate e informatevi bene delle varie possibilità. E intanto tenetevi stretto il vostro vecchio consueto rassicurante lavoro.

Scopriamo insieme in questa gallery quanto guadagnano alcuni degli youtuber più celebri e di maggior successo.