*** Aggiornamento del 14 luglio 2021 ***

Neanche stavolta Patrick Zaki potrà tornare a casa. È stata resa nota oggi la decisione, presa lunedì dal tribunale del Cairo, di rinnovare per altri 45 giorni la permanenza in carcere del ricercatore egiziano dell’università di Bologna, incarcerato dal 7 febbraio 2020 con l’accusa di propaganda sovversiva su Internet. Secondo Amnesty International, Zaki rischia fino a 25 anni di carcere, stando alla legge egiziana, che limita la custodia cautelare a un massimo di due anni, ma prevede possibili prolungamenti se emergono nuove contestazioni.

Mi chiedo se anche dopo il secondo voto del Parlamento in favore di Patrick Zaki il Governo italiano continuerà a invitare alla cautela e al silenzio, oppure prenderà qualche iniziativa. Ad esempio, convocando l’ambasciatore d’Egitto in Italia per esprimere il proprio scontento – è il commento di Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia – Ci sono volute 48 ore per conoscere un esito che purtroppo molti davamo per scontato, una sentenza ancora una volta crudele, che farà aumentare fino a oltre un anno e mezzo la detenzione senza processo e senza possibilità di difendersi.

*** Aggiornamento del 14 aprile 2021***

C’è un modo per tentare di salvare Patrick Zaki e di farlo uscire dal carcere del Cairo in cui si trova dal febbraio del 2020, in attesa del processo, ed è quello di garantirgli la cittadinanza italiana che, secondo il secondo comma dell’articolo 9 della Legge 91/1992, può essere offerta allo straniero che “abbia reso eminenti servizi all’Italia” oppure nel caso in cui ricorra “un eccezionale interesse dello Stato”.

La petizione di Change.org #patrickcittadinoitaliano ha già raggiunto oltre 200 mila firme, ma la proposta è già arrivata anche in Senato, che il 14 aprile ha approvato un ordine del giorno proprio per concedere la cittadinanza italiana a Patrick, con 208 voti favorevoli, 33 astenuti (Fratelli d’Italia) e nessuno contrario.

I senatori chiedono ora al governo di impegnarsi a “intraprendere tempestivamente ogni ulteriore iniziativa presso le autorità egiziane per sollecitare l’immediata liberazione”, ma anche di valutare “la possibilità dell’utilizzo degli strumenti previsti dalla Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura e altri trattamenti o punizioni crudeli, inumani o degradanti”.

Come detto, solo Fratelli d’Italia si è astenuto dal voto, con la motivazione, come spiegato dal capogruppo, Alberto Balboni, che “per raggiungere l’obiettivo della sua liberazione la strada da seguire sia quella della diplomazia”.

Anche alla Camera è stata presentata una mozione per concedere la cittadinanza italiana a Patrick Zaki, e ha ovviamente lo scopo di aumentare le pressioni sul governo egiziano, affinché si passi alla scarcerazione dell’attivista, arrestato nel 2019 al rientro nel suo Paese.

Il suo è un calvario lungo più di un anno, che abbiamo raccontato, con gli sviluppi più recenti, nell’articolo originale che segue.

*** Articolo originale ***

Patrick Zaki resta in carcere. La Corte d’assise del Cairo ha rinnovato di altri 45 giorni la misura detentiva per il giovane ricercatore egiziano dell’Università Bologna Patrick Zaki. La sua legale, Hoda Nasrallah, ha anche riferito che è stata respinta la richiesta, presentata ieri dalla difesa, di un cambio dei giudici che seguono il suo caso.

Amnesty International, che segue la vicenda di Zaki dall’inizio, ha scritto un post sulla propria pagina Instagram ufficiale per denunciare l’ennesima decisione avversa ai danni di Patrick, che comincia a essere molto provato psicologicamente, dopo più di un anno di carcere.

L’accanimento continua – si legge nella caption – Patrick, studente dell’Università di Bologna, dovrà restare in carcere per altri 45 giorni. È stata inoltre respinta la richiesta, presentata ieri dalla difesa, di un cambio dei giudici che seguono il caso.
Vorremmo che il Governo italiano facesse subito una cosa: convocare l’ambasciatore egiziano a Roma per esprimere tutto lo sconcerto per questo accanimento nei confronti di Patrick e chiedere che sia rilasciato immediatamente.
Patrick è in carcere da 1 anno, 1 mese e 29 giorni. Questo incubo deve finire.

Anche Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International in Italia, ha espresso il proprio disappunto per la decisione della Corte del Cairo:

Quello che la difesa di Patrick aveva dichiarato ieri, e cioè che c’era un accanimento giudiziario nei confronti di questo ragazzo è confermato dalla decisione di oggi che è crudele, dolorosa. Vorremmo che il Governo italiano facesse subito una cosa, perché può farla subito: convocare l’ambasciatore egiziano a Roma per esprimere tutto lo sconcerto per questo accanimento nei confronti di Patrick e chiedere che sia rilasciato. Devono essere fatte tutte le altre cose necessarie per salvare Patrick da questo incubo.

Se ci sono voluti quasi cinque anni perché si arrivasse a una svolta nel caso Giulio Regeni, il giovane ricercatore friulano ucciso in Egitto tra il gennaio e il febbraio 2016, la vicenda di Patrick Zaki non sembra invece purtroppo condurre a un esito positivo, almeno nel  breve periodo.

Patrick era tornato in Egitto per una breve vacanza, dopo aver superato l’ultimo esame in calendario, ed è è stato arrestato all’aeroporto egiziano, mentre faceva ritorno in patria da cui mancava dal settembre 2019, con l’accusa di diffusione di notizie false, incitazione a proteste, tentativo di rovesciare il regime, uso dei social media per danneggiare la sicurezza nazionale, propaganda per i gruppi terroristici e uso della violenza.

Motivi per cui il ragazzo è stato sottoposto a torture, “a scosse elettriche e colpito, ma in maniera da non far vedere tracce sul suo corpo“, ha fatto sapere all’ANSA  Nasrallah, aggiungendo anche che Patrick ha chiesto “di essere visitato da un medico legale per mettere agli atti le tracce della tortura subita“.

Le mobilitazioni sono scattate sin da subito: Amnesty International ha lanciato una petizione  per richiedere il rilascio immediato del ragazzo, consci anche del fatto di dover fare di tutto proprio per scongiurare un nuovo caso Regeni. Ma anche la Ue non è rimasta a guardare, e l’attenzione richiamata dall’Italia ha spinto all’azione il Servizio europeo per l’azione esterna (Seae), guidato dall’Alto rappresentante Josep Borrell, che gestisce le relazioni diplomatiche dell’Ue con altri Paesi al di fuori dell’Unione.

Silvia Romano è libera

Ciononostante Il Cairo è sempre andato avanti per la sua strada, ignorando gli appelli e le mobilitazioni internazionali, anche diplomatiche. Adesso arriva la nuova doccia fredda: più di un altro mese in carcere per il ricercatore, per la cui salute, ovviamente, adesso si teme più che mai.

Ecco nella gallery la storia di Patrick Zaky.

Cosa sappiamo di Patrick Zaky, lo studente arrestato e torturato in Egitto
Fonte: La Stampa
Foto 1 di 8
Ingrandisci

Articolo originale pubblicato il 12 Febbraio 2020