logo
Galleria: Melissa Gentz, picchiata dall’ex “Non sono io a dovermi nascondere e vergognare”

Melissa Gentz, picchiata dall’ex “Non sono io a dovermi nascondere e vergognare”

Picchiata dal fidanzato per una foto giudicata troppo osé, Melissa Gentz trova il coraggio di denunciare anche sui social la violenza subita. "Non sono io a dovermi vergognare. Nessuna donna vittima dovrebbe nascondersi".

Melissa Gentz, picchiata dall’ex “Non sono io a dovermi nascondere e vergognare”

Melissa Gentz, picchiata dall’ex “Non sono io a dovermi nascondere e vergognare”
Foto 1 di 8
x

Parliamo spesso, purtroppo, di storie malate, soffocanti, dove la gelosia e la paura tramutano quello che dovrebbe essere amore in un rapporto tra dominatore e oppresso; e la vicenda raccontata dalla ventiduenne Melissa Gentz ha tutte le sembianze dell’ennesima storia di possessività e violenza, dove c’è un uomo che comanda e punisce, all’occorrenza, e una donna che non può che limitarsi all’obbedienza.

Melissa ha pubblicato delle foto scioccanti sul suo profilo Instagram, dove si vede chiaramente il suo volto tumefatto e l’occhio livido; uno spiacevole “ricordo”, secondo la sua testimonianza, lasciata dal fidanzato venticinquenne, il campione di motocross milionario Erick Bretz.
Il ragazzo avrebbe picchiato brutalmente la compagna, con cui è arrivato in Florida dal Brasile, paese di cui entrambi sono originari, dopo essere stato colto da un raptus di gelosia a causa di un’immagine, postata sul proprio account social dalla ragazza, giudicata troppo volgare e inappropriata. Questa, che Melissa, dopo l’aggressione, ha scelto di ripubblicare.

Visualizza questo post su Instagram

Estou repostando essa foto porque meu ex namorado deletou ela sem eu ver. Ele disse que mulher com namorado não podia ter foto “mostrando os seios” no Instagram. Eu peço que TODAS as mulheres possam ter força e coragem para terminar relacionamentos abusivos como o meu último. Começou com reclamações das minhas fotos no Instagram, depois dos comentários nas fotos, mensagens que eu recebia no Whatsapp... até que ele me pegou pelo cabelo disse que eu precisava aceitar minha realidade porque eu era a mulher da relação. Um homem que te trata assim não te respeita e não te vê como ser humano. Ele não vai mudar. Se coloque em primeiro lugar sempre antes que seja tarde demais. 🌸💓🌷 I am reposting this picture because my ex-boyfriend deleted it without my consent. He told me that women with boyfriends could not have pictures “showing their breasts”. I am asking ALL Women to have the strength and courage to end abusive relationships like my last one was. It all started with complaints about my Instagram photos, then about comments on the photos...to text messages that I received on my phone... There came the day in which he grabbed me by my hair and told me that I had to accept my reality because I was the woman in the relationship. A man that treats you like this does not respect you or see you as a human being. He is not going to change. Always put yourself in first place... before it is too late.

Un post condiviso da 𝙼𝚎𝚕𝚒𝚜𝚜𝚊 𝙻 𝙶𝚎𝚗𝚝𝚣 (@melissalgentz) in data:

Sto ripubblicando questa foto perché il mio ex-ragazzo l’ha cancellata senza il mio consenso – scrive Melissa nel post, prima in brasiliano e poi in inglese – Mi ha detto che le donne con i fidanzati non devono avere foto ‘che mostrano il seno’. Sto chiedendo a TUTTE le donne di avere la forza e il coraggio per porre fine alle relazioni violente come la mia. Tutto è iniziato con delle lamentele sulle mie foto di Instagram, poi sui commenti alle foto… Ai messaggi che ho ricevuto sul mio telefono… È arrivato il giorno in cui mi ha afferrato per i capelli e mi ha detto che dovevo accettare la realtà, perché ero la donna nella relazione. Un uomo che ti tratta in questo modo non ti rispetta e non ti vede come un essere umano. Lui non cambierà. Mettiti sempre al primo posto… Prima che sia troppo tardi.

Bretz, come Melissa ha raccontato ai poliziotti, l’avrebbe presa a calci e pugni, tentando addirittura di soffocarla stringendole il collo tra le gambe e colpendola con un bottiglia sulla testa. È stata salvata da un portiere che ha composto il 911 dopo essere aver raggiunto l’atrio del palazzo, la torre Element, in cui era ospitata.
Secondo quanto riporta il Daily Mail, il ragazzo, arrestato alle 19:17 dello stesso giorno, ha negato ogni accusa ed è stato rilasciato dalla prigione della contea di Hillsborough dietro pagamento di una cauzione d 60.000 dollari. Ha ricevuto semplicemente un ordine restrittivo con cui non potrà più avvicinarsi all’ormai ex compagna.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...