logo
Galleria: Maud Wagner e altre 4 donne dell’Ottocento e inizio Novecento più tatuate di Fedez

Maud Wagner e altre 4 donne dell’Ottocento e inizio Novecento più tatuate di Fedez

Maud Wagner e altre 4 donne dell'Ottocento e inizio Novecento più tatuate di Fedez
Foto 1 di 11
x

Quella dei tatuaggi per le donne (e fatti dalle donne) non è una conquista moderna, ma affonda le sue radici in un periodo tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento. All’epoca iniziarono infatti a diffondersi, tra i cosiddetti freak e gli artisti dei circhi itineranti questi marchi sul corpo, che in base a una leggenda erano il segno di un rapimento da parte degli “indiani” o dei pirati – in realtà erano per lo più le donne stesse a tatuarsi e a diffondere queste storie interessanti ma in gran parte false, come riporta Mother Nature Network. La prima donna caucasica tatuata della modernità – senza andare quindi a pescare nelle società primitive che nella storia sono ricorse alla pratica dei tatuaggi – aveva infatti vissuto per un periodo con i nativi americani.

Tatuaggi? Non è mai troppo tardi: 11 immagini che lo dimostrano

Tatuaggi? Non è mai troppo tardi: 11 immagini che lo dimostrano

Ma la donna tatuatrice e tatuata più celebre della storia è forse Maud Stevens (o Maud Wagner, con il cognome da sposata), che fino al 1961, anno in cui morì, rappresentò praticamente un’opera d’arte vivente. La sua peculiarità è che lei fu tatuatrice a sua volta, ma non fu l’unica naturalmente. La storia di Maud e quella delle altre che aprirono la strada al concetto moderno dei tatuaggi tra le donne la trovate in questa gallery, in cui potrete ammirare i disegni straordinari di queste incredibili pioniere del tattoo.