logo
Galleria: Il cuore di Christian e di Kyra, quando l’amore vince anche il dolore

Il cuore di Christian e di Kyra, quando l'amore vince anche il dolore

Non è una storia a lieto fine, ma è una storia di grande amore e di bontà, che parla dell'altruismo di Christian, di Kyra e di Mario.

Il cuore di Christian e di Kyra, quando l’amore vince anche il dolore

Il cuore di Christian e di Kyra, quando l'amore vince anche il dolore
Foto 1 di 10
x

Non è, purtroppo, una storia a lieto fine, ma è comunque una storia che vale la pena raccontare.

Perché parla di altruismo, di generosità, di solidarietà verso il prossimo, soprattutto di amore. Tanto, palpabile, vivo, quello che lega Mario Bartoli, ex portuale di Livorno, al figlio Christian, venuto a mancare il 19 gennaio 1998 a soli 17 anni, a causa di un aneurisma cerebrale, e alla sua cagnolina Kyra, eroina del volontariato della città labronica. Un triangolo d’amore senza l’epilogo felice, ma che è comunque un grande insegnamento di bontà per tutti.

In un’intervista rilasciata per il Corriere della Sera, sezione bolognese, nel 2017, Mario aveva detto di voler ritrovare quel “Magico battito”, quello del cuore di Christian, che era andato a un donatore sconosciuto; perché l’ultimo grande atto d’amore dello sfortunato ragazzo era stato donare gli organi, per ridare la vita ad altre persone che, in giro per l’Italia, restavano appese alla speranza di un cuore, di un rene o di polmoni nuovi.

Quello di Christian fu uno dei primi casi italiani di donazione completa degli organi per un ragazzo di quella età, infatti a Livorno c’è una piazzetta dedicata alla sua memoria – disse Mario nell’intervista – Attraverso vie informali, ho saputo negli anni in quali città sono stati trapiantati gli organi di mio figlio.

Il cuore, ad esempio, venne trapiantato a Bologna tra il 19 e il 20 gennaio 1998, subito dopo la sua morte. Per anni Mario ha dovuto convivere con il dolore, irreparabile, per la morte del figlio, dedicandosi al volontariato negli ospedali , nelle scuole e negli ospizi assieme alla fedele cagnolina Kyra; finché, leggendo su Internet la storia di un padre che aveva percorso 4000 km in bici per incontrare l’uomo che aveva ricevuto il cuore della figlia, ha capito che poteva risalire a colui o colei che aveva avuto il cuore da Christian. Così, da quel momento Mario si è battuto affinché il donatore che aveva ricevuto il cuore di Christian uscisse allo scoperto, per conoscere quella persona che aveva potuto andare avanti con la propria vita grazie al gesto d’amore estremo dei genitori del diciassettenne.

Purtroppo però, come abbiamo detto, questa non è una storia a lieto fine; quando Mario scopre il nome del ricevente, scopre anche che è troppo tardi. Il cuore di suo figlio è andato a un uomo che all’epoca del trapianto aveva 51 anni, ma che è venuto a mancare il 26 dicembre del 2017. È la figlia dell’uomo a contattarlo tramite una mail, per dargli la triste notizia.

Mario, così, non ha fatto in tempo a sentire nuovamente il “Magico battito”, il cuore di Christian nel petto di un’altra persona. Ad aggiungersi al dolore per questa amara scoperta, il 25 agosto è scomparsa anche Kyra, l’amata cagnolina che in tutti questi anni lo ha accompagnato nel suo percorso di aiuto e sostegno verso il prossimo.

Kyra era tanto amata, non solo da Mario, ma dall’intera comunità livornese, che più di 1000 persone da tutta Italia hanno partecipato a una petizione, indirizzando una lettera al sindaco, Filippo Nogarin, affinché nella stessa piazza dedicata a Christian venga posta una statua in sua memoria. Se volete condividere la petizione, non dovete fare altro che copiare il testo della lettera.

Egr. Sig. Sindaco Filippo Nogarin.

Mi rivolgo a Lei, perché come avrà certamente saputo sabato 25 agosto nella vostra città è venuta improvvisamente a mancare la bellissima Kyra, la canina che attraverso il suo impegno nel volontariato era divenuta simbolo d’Amore in ogni parte d’Italia. La perdita improvvisa di Kyra è stata una mancanza per tutti quelli che vedevano in questa “Canina Speciale”, il proseguimento di una Bellissima storia d’Amore, iniziata vent’anni fa dal suo “Padroncino” Christian Bartoli, che come saprà molto bene è un icona d’Amore nella vostra città. Per chi era a conoscenza della storia di Christian era impossibile non amare Kyra, che nel suo operato nel Sociale ne impersonificava i valori. Con il suo prodigarsi verso il prossimo, Kyra era diventata la Canina di tutti, facendoci capire cos’è veramente il valore della parola Amore, ci ha fatto capire cosa vuol dire amare incondizionatamente, e tutto questo diventa enormemente più bello e significativo, vivendo in un mondo, che sta andando sempre più alla deriva. In tutta la sua esistenza, Kyra si è dedicata al prossimo, ed è immenso l’Amore che in questo percorso questa “Canina Speciale” è riuscita a donare riuscendo ad amplificare la sensibilità di tanti, chi ha avuto il privilegio di conoscere e condividere questa storia ne ha ricevuto un grande dono: quello di essere diventato una persona migliore, per se stesso e per gli altri. Lei è l’Autorità più importante della vostra città, ma credo che la carica più importante nel suo ruolo di Sindaco, sia l’esempio Civico e umano che Lei deve dare ai suoi concittadini, riconoscendo tutti i valori che Kyra nella sua Vita è riuscita a trasmettere, non importa se si tratta solamente di un Cane, anzi una Stupenda Cagnolina, nella sua esistenza ha dimostrato di essere di gran lunga migliore di tanti esseri umani. Per tutto questo Signor Sindaco che io Le chiedo, che a Kyra venga dedicato una statua, che ne ricordi il suo percorso d’Amore rivolto al prossimo. E se il desiderio di tanti cuori, come ci auspichiamo, verrà esaudito, non vi sarebbe posto migliore se non accanto al suo “Padroncino” Christian. La ringrazio anticipatamente per la sua attenzione e confidando nella sua Autorità, ma soprattutto confidando in quella di essere umano.

La mail può essere indirizzata direttamente a [email protected]

Nogarin ha comunque fatto già sapere di avere in programma qualcosa per ricordare Kyra, attraverso un post Facebook.

In fondo, è l’omaggio più giusto a Mario, che ha già vissuto tanto dolore, ma anche e soprattutto a Christian, che nella sua breve vita è stato comunque in grado di far ritrovare il sorriso a tante persone grazie alla sua generosità, e a Kyra, che ha portato avanti la missione del suo padroncino nel miglior modo possibile. Così, quella piazza che porta il nome di Christian potrebbe trasformarsi davvero nella piazza dell’amore.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...