logo
Galleria: Le lacrime dei bambini messicani messi in gabbia e divisi dai genitori dall’America

Le lacrime dei bambini messicani messi in gabbia e divisi dai genitori dall'America

Il dramma dei bambini messicani separati dai genitori e messi in gabbia in nome della politica di "tolleranza zero" voluta da Donald Trump, l'emblema di quanto la nostra umanità si stia sempre più perdendo.

Le lacrime dei bambini messicani messi in gabbia e divisi dai genitori dall’America

Le lacrime dei bambini messicani messi in gabbia e divisi dai genitori dall'America
Foto 1 di 13
x

***AGGIORNAMENTO***

Alla fine Donald Trump ha ceduto, forse anche dietro le pressioni della moglie Melania, che aveva espresso chiaramente il suo dissenso per la separazione dei bambini dai genitori giunti negli USA illegalmente. Il tycoon ha annunciato la firma dell’ordine esecutivo che ferma così la prassi di separare bimbi e genitori che varcano illegalmente la frontiera Usa-Messico.  Il compromesso è arrivato dopo un incontro alla Casa Bianca tra Trump e Kirstjen Nielsen, segretario alla Homeland security (una sorta di ministro degli Interni), che nella sera di martedì era stata costretta ad abbandonare la cena di un ristorante messicano a causa delle proteste di un gruppo di contestatori.

Non mi piaceva vedere le famiglie separate – ha detto il presidente, che ha aggiunto – Firmerò qualcosa presto“, lasciando intendere quindi che il passo successivo sarà una legge, quella di cui probabilmente si discuterà domani alla Camera dei Rappresentanti. Il provvedimento ordinerà al dipartimento della sicurezza nazionale di tenere insieme le famiglie, e chiederà al Pentagono di contribuire ad ospitarle, data la penuria di strutture di detenzione. Trump vorrebbe ancora che il Congresso varasse una delle due leggi presentate dai repubblicani, ma al contempo insiste che nella legge sia inserito il finanziamento per il muro con il Messico, che resta il suo grande obiettivo.

Articolo originale del 20/06/2018

Lo aveva promesso durante la campagna elettorale, e oggi Donald Trump sta seguendo esattamente tutti i punti del suo programma elettorale, compresa la tolleranza zero verso gli  immigrati che oltrepassano il confine messicano per arrivare negli USA.

Il Presidente in carica dal 2016 sta mantenendo il pugno duro sulla questione migranti, e la sua amministrazione è giunta, a partire da aprile, al giro di vite determinante, che ha avuto come atroce conseguenza centinaia di casi di bambini separati forzatamente dalle proprie famiglie. Lo staff di Trump ha smesso di applicare un trattamento di eccezione agli adulti che entrano illegalmente negli Stati Uniti accompagnando dei minori e, con la nuova politica, questi adulti vengono perseguiti penalmente da un giudice federale, e detenuti nel frattempo in una prigione federale. Ma per legge i figli non possono essere incarcerati insieme ai genitori in queste prigioni, per questo motivo sono separati al momento del loro ingresso sul suolo statunitense.
Prima dell’applicazione del nuovo metodo chi entrava nel territorio americano in maniera clandestina per la prima volta e in presenza di minori non subiva una separazione – fatte salve alcune rarissime eccezioni – né veniva considerato come soggetto prioritario da perseguire penalmente. Le famiglie venivano generalmente detenute insieme in centri speciali, in attesa del giudizio di un giudice speciale.
Ma l’idea alla base della nuova linea è di scoraggiare gli ingressi illegali nel paese, impedendo ai clandestini di usare i minori come “pretesto” per non essere incarcerati e rispediti al mittente.

Peccato, però, che quelle che l’amministrazione presidenziale sembra considerare tutt’al più come pedine sono in realtà persone, spesso molto piccole, che all’arrivo negli USA si sentono letteralmente strappate dalle mamme e dai papà, inconsapevoli di quello che sarà il proprio destino.

1.995 bambini separati da 1.940 genitori, questi sono i numeri, relativi al solo periodo 19 aprile-31 maggio, trapelati da un documento del Dipartimento della Sicurezza Interna entrato in possesso dell’Associated Press.

Inutile dire che contro la politica immigratoria di Trump si siano schierate proteste unanimi da più parti, persino dalla First Lady, Melania, che ha dichiaratamente detto di non approvare la nuova legge sull’immigrazione e di sperare che Repubblicani e Democratici trovino una nuova via per ridiscutere la questione.

Nel frattempo, Trump è intenzionato ad andare avanti per la sua strada, e proprio questa settimana sarà approvata la proposta di legge repubblicana che confermerà la volontà di costruzione del muro, attraverso il suo finanziamento. I “dreamers”, i sognatori che sperano in una nuova vita negli USA, dunque, non sembrano in realtà avere alcuna chance con il tycoon.
Anzi, per far capire ulteriormente la propria posizione anche oltre confine gli Stati Uniti, attraverso la voce dell’ ambasciatrice Usa alle Nazioni Unite, Nikki Haley, hanno fatto sapere di ritirarsi dal Consiglio dei Diritti Umani dell’ONU, che sarebbero diventati “protettore di chi viola i diritti umani e un pozzo nero di pregiudizi politici“. La decisione è frutto del “pregiudizio verso Israele” che pervaderebbe secondo gli USA l’organismo

Voglio essere chiara – ha dichiarato Haley, come riporta TPI – questo passo non è un ritiro dal nostro impegno sul fronte dei diritti umani. Assumiamo questa iniziativa perché il nostro impegno su questo fronte non ci consente di restare parte di un organismo ipocrita che deride i diritti umani.

Tuttavia, è difficile non collegare il ritiro americano alla situazione che, proprio a proposito di diritti umani, gli USA stanno facendo vivere a centinaia di famiglia, costrette a dividersi appena giunte al confine.

È impossibile guardare alla pratica della separazione della famiglia dei migranti da parte dell’amministrazione Trump e osservarla come qualcosa di diverso da ciò che è: un abuso sui minori istituzionalizzato.

Ha dichiarato sulle colonne del Guardian Michael Paarlberg, columnist del quotidiano e professore di scienze politiche alla Virginia Commonwealth University, il quale ha anche ricordato che i bambini sono raccolti in centri che il senatore dell’Oregon Jeff Merkley ha descritto come “canili”, causando un trauma, volutamente forte e necessario, secondo l’entourage di Trump, a dare un avvertimento agli altri migranti.

E poco importa se il governo ha tentato di rassicurare l’opinione pubblica promettendo di costruire un campo di accoglienza temporaneo a Tornillo, in Texas, per i minori separati dai genitori, la situazione sembra comunque molto preoccupante.

È immorale, atroce“, ha scritto su Twitter la senatrice democratica Dianne Feinstein, a cui ha fatto eco l’ex First Lady Laura Bush, la quale ha dichiarato che, pur vivendo in Texas e apprezzando il mantenimento della sicurezza, abbia avuto “il cuore spezzato dalle immagini trasmesse dai media“.

Restare indifferenti, in effetti, è tutt’altro che facile: i volti, le lacrime di questi bambini trasmettono visivamente tutto il dolore che stanno vivendo con le loro famiglie, la tragedia della separazione che si sta consumando, la paura di non sapere quale sarà il proprio destino. Non c’è nulla di umano in tutto questo, non c’è la benché minima parvenza di cuore.