Chi sono le guardie del corpo che accompagnano le donne ad abortire

Chi sono le guardie del corpo che accompagnano le donne ad abortire
Fonte: AP IMAGES
Foto 1 di 9
Ingrandisci

Avete mai sentito parlare delle «abortion clinic escort»? Si tratta di guardie del corpo molto speciali, un fenomeno che sta prendendo sempre più piede negli Stati Uniti. Queste persone – completamente volontarie – accompagnano le donne che entrano o escono da una clinica per aborti, e che quindi stanno per fare o hanno fatto un’interruzione volontaria di gravidanza. Lo sapete perché queste donne hanno bisogno di essere scortate? Fuori da queste cliniche, negli States, ci sono spesso manifestanti. Non tutti i manifestanti sono uguali, alcuni sono anche abbastanza pacifici, ma può capitare che ci siano persone minacciose o quanto meno intimidatorie – anche fisicamente.

Le guardie del corpo fuori dalle cliniche per aborti non proteggono le donne solo fisicamente, ma anche nella loro libera scelta. Immaginate di essere una di loro: arrivate in clinica dopo tante domande, tanti interrogativi e tante possibilità vagliate. Ci andate perché non volete questo figlio. Non è un processo facile: chi sceglie l’aborto non lo fa mai a cuor leggero – neppure per le donne che dicono sia così. Una donna si può ritrovare lì per una serie di motivi: è stata stuprata, è andato qualcosa storto con la contraccezione, ha problemi socio-economici o semplicemente non vuole diventare madre. Quale che sia la ragione che l’ha spinta all’aborto, c’è una sola certezza: non va giudicata.

“Scelgo io se e quando fare figli: non Facebook né la società”

E queste guardie non giudicano, infatti si tratta molto spesso di persone – tante sono donne, ma ci sono anche uomini e persone gender fluid o non binarie, come spiega BuzzFeed – che sono a loro volta pro scelta. Anche perché, ricordiamo, negli Stati Uniti così come in Italia, l’aborto è regolato e ammesso dalla legge – naturalmente entro certi limiti. Le guardie del corpo sono pronte a tutto, perché appunto alcuni manifestanti possono rivelarsi anche molto aggressivi – e a volte i volontari hanno subito minacce e molestie a loro volta.

Certe volte, le guardie del corpo devono anche fronteggiare i malumori della donna che sta per abortire – perché magari non vuole essere avvicinata da nessuna, né dai manifestanti anti-abortisti né da chi predica la libera scelta. E a volte è anche il compagno della donna a prendersela con loro. Ma le abortion clinic escort sono preparate a tutto. Aspettano calme con i loro giubbetti arancioni fuori dalle cliniche, senza aspettarsi nulla in cambio. Perché a volte un essere umano ha bisogno solo di sapere che c’è qualcuno che lo sostiene e nient’altro.

Nella gallery le testimonianze di alcune di queste guardie del corpo.