logo
Galleria: Gloria Guida: Avere 20 anni, quel film censurato perché troppo brutale, che accade ogni giorno

Gloria Guida: Avere 20 anni, quel film censurato perché troppo brutale, che accade ogni giorno

Gloria Guida: Avere 20 anni, quel film censurato perché troppo brutale, che accade ogni giorno
Foto 1 di 10
x

Quello di Gloria Guida è un nome che potrebbe non dire molto ai Millennial. Ma i cinefili delle giovani generazioni – e di quelle vecchie – sanno benissimo chi fosse quell’attrice incredibile, simbolo di un’epoca e di un cinema italiano che oggi non c’è più.

Guida fu una degli esponenti più importanti del cinema comico-erotico degli anni ’70 e ’80 e delle sue diramazioni, da film come La minorenne ad altri come La casa stregata. Ma tra le pellicole interpretate da Guida ce n’è una che è importantissima: si intitola Avere vent’anni.

Perché è così importante Avere vent’anni? Si tratta di un film in cui Gloria Guida insieme con Lilli Carati – un’altra attrice simbolo di quell’epoca e di quel cinema – raccontano la storia non proprio spensierata di due hippie ventenni. La storia non è spensierata perché le ventenni che la portano sullo schermo sono continuamente oggetto di misoginia e retaggi maschilisti. Loro però sono toste, anche se alla fine non lo sono abbastanza: nel finale originale sono vittime di una cruenta mattanza da parte di uomini che non sopportano due donne libere, belle, consapevoli del proprio corpo e della sessualità.

In pratica, Gloria Guida e Lilli Carati sono riuscite a portare sul grande schermo, in tempi non sospetti, un fenomeno cui oggi diamo il nome di femminicidio e di cui leggiamo quotidianamente sulle cronache dei giornali. Ma nel 1978, lo spettatore italiano non gradì, per cui la pellicola fu oggetto di grosse censure e rimaneggiamenti. Solo nel 2004, i cinefili hanno potuto vedere, finalmente, il film con i tagli originali del regista, e Guida e Carati sono diventate delle eroine femministe.

12 scene horror e "sanguinanti" di mestruazioni al cinema

12 scene horror e "sanguinanti" di mestruazioni al cinema

Carati è scomparsa nel 2014 a causa di un tumore e a seguito di una vita difficile e turbolenta. Gloria Guida ha invece lasciato le scene all’inizio degli anni ’80, senza disdegnare numerose apparizioni televisive. Una delle ragioni per cui è nota è anche la sua storia d’amore, longeva in modo straordinario, con un’altra celebrità: l’attore e cantante Johnny Dorelli, con cui è sposata dal 1991, anche se i due si conobbero molto prima, nel 1979.

Gloria Guida è stata protagonista di 27 film, il primo girato nel 1974, a soli 19 anni, La ragazzina di Mario Imperoli, mentre al 1982 risale la sua ultima apparizione al cinema con Sesso e volentieri di Dino Risi. Oltre ad Avere vent’anni (nel quale canta anche la colonna sonora sui titoli di testa e di coda), tra i suoi film più celebri troviamo, oltre ai citati La minorenne e La casa stregata, La liceale e Fico d’India.

Oggi comunica molto con i fan attraverso Twitter, ma soprattutto conduce in Rai, dal 2018, una serie di documentari dal titolo Le ragazze, in cui si racconta la storia italiana del Secolo Breve attraverso gli occhi delle donne, narratrici ma anche protagoniste.

Sfogliamo insieme la gallery per scoprire cosa accadde in Avere vent’anni e perché vale la pena vederlo o rivederlo soprattutto oggi.