Claudio Marchisio, un principe dentro e fuori dal campo - Roba da Donne

Claudio Marchisio, il principe gentiluomo del calcio dal cuore grande

Claudio Marchisio, il principe gentiluomo del calcio dal cuore grande
Fonte: Instagram @ marchisiocla8
Foto 1 di 13
Ingrandisci

Ci sono campioni che non sono tali solo sul campo, ma che lo sono anche nella vita. Uno di questi è Claudio Marchisio – che è stato un grande calciatore per la Juventus e, dopo una breve parentesi nel campionato russo, allo Zenit San Pietroburgo, ha deciso di appendere gli scarpini al chiodo.

Marchisio viene soprannominato “il Principino”, per via del suo modo di vestire quando smette le scarpe coi tacchetti ma anche per il suo fair play in campo. E per l’esempio di civiltà che rappresenta tutti i giorni.

In più di un’occasione infatti Claudio Marchisio ha preso posizione nei riguardi delle cosiddette “minoranze” come donne e migranti – le donne in effetti non costituiscono una minoranza dal punto di vista numerico ma rappresentano una fascia della società molto colpita dalle varie forme di maschilismo. Il calciatore ha preso parte a iniziative in favore di queste categorie di persone ma ha anche reso delle dichiarazioni per motivare il suo punto di vista – e sensibilizzare di conseguenza gli altri.

Se i "piccoli uomini" riescono a parlare dei mondiali femminili solo offendendo

Nel 2018 l’atleta e la moglie Roberta hanno aderito all’iniziativa di WeWorld Onlus Un rosso alla violenza, contro la violenza sulle donne. Claudio Marchisio, per l’occasione, ha anche pubblicato su Instagram uno scatto che lo ritrae con lo stesso segno rosso in compagnia della moglie, che ha tinto le labbra con un rossetto di colore identico. Ma l’ex calciatore ha anche manifestato sui social la propria solidarietà nei confronti di Silvia Romano, la cooperante italiana rapita in Kenya:

Silvia Romano è libera

Perché ci sono valori che non potranno mai essere sconfitti – ha scritto Marchisio su Twitter e Instagram – L’esempio di #SilviaRomano vola alto sopra la tristezza dei pidocchi che la criticano. La nostra meglio gioventù che ci riempie di orgoglio. Ti aspettiamo presto Silvia.

A giugno 2018, in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, Claudio Marchisio ha rivolto parole altrettanto eloquenti in favore dei migranti, come è accaduto a molti altri suoi colleghi ed ex colleghi – ha destato molta eco l’esempio di Francesco Totti. Il giocatore è apparso su Instagram con uno scatto in cui teneva in mano un cartello con la scritta «#WithRefugees» e nella didascalia ha scritto:

Guerre e violenza costringono ogni giorno migliaia di famiglie ad abbandonare le proprie case e ad affrontare pericolosi viaggi alla ricerca di protezione, dignità e un futuro per i propri figli. Io credo che sia il momento di chiedere ai leader mondiali delle soluzioni concrete e di stare dalla parte dei più deboli. E tu da che parte stai?

Mentre ha già dato la propria disponibilità per partecipare a un incontro benefico in favore dei vigili del fuoco australiani, intenti a domare i terribili incendi che hanno sconvolto il Paese.

Ma Marchisio si occupa di molto altro, come vi raccontiamo in gallery.