Amare la famiglia Angela alla follia è davvero molto semplice. Piero Angela è da decenni forse il miglior divulgatore scientifico televisivo. È acuto e spiega cose complicatissime in maniera semplice, in modo che tutti possano capire. Nel tempo, anche il figlio Alberto Angela ha percorso le sue orme e non smetteremmo mai di ascoltarlo.

Ma c’è un altro membro della famiglia che deve essere ricordato per le sue gesta: Carlo Angela.

Carlo Angela è stato il padre di Piero – e quindi il nonno di Alberto. È stato uno psichiatra che ha studiato a Parigi con Joseph-Jules-François-Félix Babinski, un contemporaneo di Sigmund Freud. Ha educato Piero e gli altri figli attraverso regole rigorose che li preparassero alle eventualità di una vita frugale. Fu anche un antifascista della prima ora: scriveva su un giornale articoli di fondo contro il fascismo, almeno fino all’omicidio Matteotti.

Poi arrivò la guerra, e con essa la persecuzione degli ebrei. Carlo Angela diresse una clinica psichiatria a San Maurizio Canavese – dove anche Piero visse, in famiglia, per un periodo – dove iniziò a falsificare delle cartelle cliniche per permettere a molti ebrei di sfuggire all’orrore dei campi di concentramento. Uno di questi si chiamava Renzo Segre: la figlia Anna, nel 1995, decise di dare alle stampe il diario del padre, e in questo modo emerse la storia del capostipite degli Angela.

La storia di Carlo non era nota neppure all’interno della famiglia, che da sempre dà prova di grande modestia – a fronte di una cultura sconfinata. Lo stesso Alberto Angela non ne era a conoscenza, come ha rivelato durante un’intervista al programma A noi… A ruota libera su Rai 1.

Credo – ha commentato l’affascinante e coltissimo Alberto – che sia una cosa tipica di chiunque abbia fatto delle gesta come le sue. Non si racconta, è stato fatto e basta perché bisognava farlo.

Piero Angela rivela: “Alberto è stato bocciato in quinta elementare”

Anche Piero ha parlato di Carlo Angela in un’intervista alla trasmissione Siamo noi di Tv2000. Ha raccontato di come il padre gli abbia trasmesso l’amore per la scienza e di come, un giorno, tornando da scuola alla clinica, vide tre cadaveri, di tre persone che erano state fucilate. Carlo avrebbe dovuto essere il quarto, ma un degente della clinica, nobiluomo ed ex fascista, conosceva il capo degli squadristi, venuti a compiere una rappresaglia, e salvò la vita allo psichiatra.

In quelle situazioni – ha raccontato Piero, riferendosi al padre – molta gente si è tirata indietro, perché era molto rischioso fare qualunque cosa. Altri no, altri hanno sentito il dovere di reagire. Spesso si dice che nei momenti più difficili si vedono le qualità migliori e peggiori di un uomo. […] Certe cose si fanno e basta, non si esibiscono. […] Mi ha lasciato un’eredità molto forte di esempio nei valori, di essere responsabili, di avere la schiena dritta. Queste cose qui rimangono nella vita. Io credo di aver seguito molto l’esempio di mio padre.

Sfogliamo insieme la gallery per conoscere nel dettaglio la storia di Carlo Angela.

Chi era Carlo Angela, papà di Piero e nonno di Alberto
Fonte: Wikipedia
Foto 1 di 9
Ingrandisci