logo
Galleria: Il dramma dell’aborto e l’alcol: i demoni di Jonathan Rhys-Meyers

Il dramma dell’aborto e l’alcol: i demoni di Jonathan Rhys-Meyers

Il dramma dell'aborto e l'alcol: i demoni di Jonathan Rhys-Meyers
Foto 1 di 9
x

A volte pensiamo ingenuamente che le star siano immuni dai drammi. Ovviamente non è così. Un esempio in tal senso è Jonathan Rhys Meyers, molto conosciuto per aver interpretato la serie tv Tudors, sex symbol dai tempi di Match Point e icona gay da quelli di Velvet Goldmine. L’attore irlandese ha vissuto nella sua vita i drammi dei problemi con l’alcol e di un aborto spontaneo. E a volte questi drammi sono stati l’uno la conseguenza dell’altro, nel senso che l’anno scorso l’attore è stato al centro di un episodio di cronaca a causa dell’abuso di alcolici, dopo che la moglie aveva subito un aborto.

Christian Vieri e Costanza Caracciolo, la gioia dopo tutto il dolore

Christian Vieri e Costanza Caracciolo, la gioia dopo tutto il dolore

È stata la stessa moglie di Jonathan Rhys Meyers, Mara Lane, a spiegare cosa stesse accadendo su Instagram. La coppia aveva all’epoca un bimbo di 9 mesi e Lane era in dolce attesa, ma non tutto è andato per il meglio. Così è accaduto che l’attore sia stato allontanato in aeroporto a Dublino, dopo che la sicurezza aveva percepito il suo stato alterato, come si legge su Vanity Fair. Poi è entrato in rehab. Ma qualche giorno fa è accaduto un episodio simile: Jonathan Rhys Meyers è stato nuovamente fermato all’aeroporto di Los Angeles dopo aver bevuto, come riporta Nme. Sfogliate la gallery per scoprire la sua storia di dolore e redenzione.

L’abuso di alcol è qualcosa con cui è nato – ha spiegato Lane – è ricaduto per cercare di superare la tristezza.