logo
Stai leggendo: Ecco come la Posizione in cui Dormiamo influenza i nostri Sogni!

Ecco come la Posizione in cui Dormiamo influenza i nostri Sogni!

Sapevamo che dormire in una determinata posizione può causarci al massimo un torcicollo o un mal di schiena, ma non sapevamo che la posizione in cui ci addormentiamo potesse determinare direttamente i nostri sogni. Andiamo a scoprire come!
posizione in cui dormiamo e sogni
Fonte: Web

Discutendo di questo articolo, ci siamo confrontate tra noi in redazione: c’è chi dorme sul fianco destro, chi sul sinistro, chi si mette supina al centro del letto e chi preferisce stare a pancia in giù. Qualcuna tiene accesa la Tv, almeno fino a che non cade tra le braccia di Morfeo, e qualcun’altra preferisce cullarsi con un buon libro o con musica rilassante. Insomma, abbracciamo tutte le possibili pose che si possono assumere dormendo, ed era abbastanza normale che fosse così. Quello che non sapevamo è che la posizione in cui dormiamo può influenzare in nostri sogni. Ebbene sì, l’abbiamo scoperto anche noi di recente dando un’occhiata a elitedaily.com.

Come noi abbiamo le nostre abitudini del sonno – inspiegabili, e magari radicate in noi già sin dall’infanzia – anche voi, care amiche, avrete le vostre: ci sarà chi preferisce il pigiama, chi tiene le calze mentre dorme e chi non le sopporta, chi non usa il cuscino e chi ne pretende almeno due. Dopo tutto, l’obiettivo di una bella nottata di sonno – oltre a ricaricarci dalla stanchezza, naturalmente – è stare comode, qualsiasi cosa significhi per ciascuna di noi.

La posizione in cui dormiamo, al di là delle preferenze, rivela qualcosa di noi. Spiegare esattamente cosa riveli, ecco, questo è un poco più complesso.

Secondo Melissa Greer del Best Health Mag, sembra che la posizione in cui dormiamo abbia significativi effetti sui nostri sogni: la scoperta risale al 2012 grazie allo studio The Effect of Sleep Position on Dream Experiences condotto da Calvin Kai-Ching Yu, che ha lanciato per primo l’idea che la posizione in cui dormiamo determini direttamente il tipo di sogni che faremo durante la notte.

Rifacendosi all’esperienza di 700 persone testate, Yu ha scoperto che alcune posizioni del sonno sono più sensibili alla “produzione” di certi tipi di sogni.

La posizione in cui dormiamo può creare pressione su parti diverse del corpo, e le sensazioni che il corpo prova possono essere la fonte degli elementi dei nostri sogni,

afferma Yu.

Pere esempio, dormire sulla pancia potrebbe scatenare sogni di natura erotica. I soggetti testati che sono stati incoraggiati a dormire proni hanno infatti riportato sogni “intensi, vividi e a sfondo sessuale”.

Yu prosegue spiegando che ciascuno può giocare un ruolo diretto nei suoi sogni cambiando la posizione in cui dorme, ma non trascura di illustrare i rischi potenziali di tale pratica. Secondo Yu, confondere le nostre abitudini del sonno può ridurre la qualità generale dello stesso. Se siamo abituate a dormire sul fianco, ma abbiamo voglia di qualche bel sogno eccitante e sudato, c’è qualcosa che dovremmo considerare prima di fare il grande salto.

Se dormiamo sul fianco, che è poi la posizione più comune, il tipo di sogni che saremo più inclini a fare dipenderà dal fianco su cui ci addormentiamo. Se il nostro preferito è il destro, i sogni saranno positivi, mentre chi si addormenta sul fianco sinistro può cadere di quando in quando in incubi.

Dormire sulla schiena, invece, è a quanto pare la peggiore idea che ci possa venire. Oltre a correre il rischio di incappare in problemi quali torcicollo e apnea del sonno, la posizione supina può scatenare frequenti incubi e può indurci a russare. Quindi, se siamo abituate a trascorrere la notte sulla schiena, dovremmo cambiare la nostra abitudine prima che ci porti a qualche problema di russaggio serio. Se la cosa riguarda il partner, diciamogli dolcemente che siamo preoccupate per i suoi incubi. Funzionerà, assicurato!

E voi, amiche, in quale posizione dormite? Potete confermare le conclusioni sui sogni legate alla posizione del sonno riportate in questo studio?