Ci sono davvero molti modi dire che sono estremamente comuni, e che usiamo in tantissime occasioni nella nostra quotidianità. Solo che, il più delle volte, li utilizziamo “senza cognizione”, o meglio senza sapere esattamente da dove derivino o perché si usi proprio quella particolare espressione.

Uno dei modi di dire che usiamo spesso, e di cui ignoriamo le origini, ad esempio, è “a bizzeffe”; locuzione che, come indica Treccani, definisce qualcosa che si trova “in grande quantità”; è un modo, insomma, per dire moltissimo, tanto/i/e. Ma perché si usa proprio questa parola, bizzeffe?

Perché si dice "Partire con il piede sbagliato"

Pare che l’espressione derivi da quella usata dagli alti magistrati romani, che facevano mettere per due volte, e non una sola, la parola fiat, ovvero “da fare”, a una supplica che era approvata senza riserve e in maniera unanime. Per questo, ripetevano la parola fiat, che veniva abbreviata in FF, ovvero bis effe. Da cui sarebbe derivato, appunto, bizzeffe.

C’è però anche un’altra versione – sostenuta ad esempio dallo stesso Treccani – secondo cui il modo di dire deriverebbe invece dal termine arabo bizzaf, che significa proprio “molto”.

Come spesso capita le versioni sono varie e tavolta anche molto fantasiose; in fondo, aiuta a mantenere intatto quel pizzico di “mistero” che si cela dietro l’uso di queste espressioni, così comune eppure così particolari.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!