logo
Stai leggendo: La storia vera di Jacquie: paralizzata, commuove tutti camminando il giorno del suo matrimonio

La storia vera di Jacquie: paralizzata, commuove tutti camminando il giorno del suo matrimonio

A 17 anni Jaquie è finita su una sedia a rotelle a causa di un terribile incidente. 8 anni dopo è torna a camminare il giorno del suo matrimonio.
jaquie
Fonte: Instagram Jacquie Goncher

 

Jaquie Goncher aveva solo 17 anni quando un gravissimo incidente in piscina le causò una lesione alla spina dorsale. La giovane finì in sedia a rotelle, con una diagnosi medica che le prospettava di rimanere paralizzata a vita. Lei però non si è arresa e otto anni dopo è riuscita ad alzarsi in piedi e a camminare di nuovo il giorno del suo matrimonio. Questa storia di coraggio e forza di volontà arriva dagli Stati Uniti, dove Jaquie è riuscita a sconfiggere il destino e a camminare sulle proprie gambe nel giorno più bello della sua vita.

Quello che ricordo è che pensavo sarei morta” ha raccontato Jaquie parlando dell’incidente (come questa ragazza finita sulla sedia a rotelle per un pennello da trucco). I medici sono riusciti a salvarla, ma quella diagnosi e l’idea di dover rimanere in sedia a rotelle per tutta la vita, l’avevano distrutta “Ero un’atleta, volevo fare ginnastica, ma non potevo più e questo mi faceva provare disgusto verso me stessa“. La ragazza però non si è persa d’animo e si è allenata duramente nel tentativo di tornare a camminare sulle proprie gambe.

jaquie
Fonte: Instagram Jacquie Goncher

L’inizio è stato doloroso e difficile, soprattutto perché i suoi arti inferiori non ne volevano sapere di rispondere ai suoi comandi: “La prima volta che ci ho provato, l’ho fatto con una cyclette. Ma non riuscivo a spingere con le gambe, e sono scoppiata a piangere“.

Da allora Jaquie ha deciso che sarebbe tornata a camminare e non si è arresa (come tante altre ragazze che hanno vissuto e vivono lo stesso dramma), nonostante gli insuccessi, perseguendo il suo obiettivo sino al giorno delle nozze con l’amato fidanzato Andy. Fra palestra e terapia è riuscita a realizzare il suo sogno e a dimostrare come la forza di volontà e la speranza possano riuscire a realizzare tutto, anche i miracoli.

Quando la cerimonia stava per iniziare Jaquie è entrata in chiesa accompagnata dalla madre e dal padre sulla sedia a rotelle, poi però si è alzata in piedi e, un passo dopo l’altro, ha percorso tutta la navata sino a raggiungere il futuro marito Andy che è scoppiato a piangere emozionato nel vederla.

Un anno fa rimanere in piedi per mezz’ora sarebbe stata un’impresa impossibile, ma per le sue nozze Jaquie è riuscita a fare molto di più.

jaquie
Fonte: Instagram Jacquie Goncher

È rimasta in piedi per tutti i 45 minuti della cerimonia e durante il ricevimento ha concesso qualche ballo al neo marito Andy.

Alla fine della cerimonia Jaquie ha scritto:

Volevo solo prendere un secondo per ringraziare la mia mamma, Colette Seymour per essere sempre disposta ad aiutarmi. Mi aiuta sempre e mi dona un po’ del suo tempo ogni volta che ne ho bisogno. Per quelli di voi che non lo sanno, lei è stata con me durante tutto il mio matrimonio, portando le mie cose e spingendomi. Vorrei solo farle sapere quanto apprezzo davvero il suo tempo, anche se so che spesso la do per scontato. Dio mi ha dato uno dei più grandi doni, quando ha scelto te per essere la mia mamma. Sei un bellissimo esempio di altruismo. Ti voglio bene, mamma! Grazie Love Stories by Halie + Alec per aver fatto questa foto di mia madre in cui cerca di tenere sotto controllo le mie gambe.

Grande emozione da parte del fidanzato Andy che, diventato suo marito, è stato ringraziato da Jaquie

Per tutta la vita ho cercato qualcuno che mi accettasse per quella che sono.[…] Ti amo Andy. Grazie per amare le parti difficili di me e stare con me quando cerco di essere una persona migliore. Sei intelligente, altruista, attento, un gran lavoratore e io sono fortunata ad averti trovato.

Grazie a te, Jaquie, e grazie a tutte le persone che ci mostrano ogni giorno che la vita è più forte dei limiti che ci diamo, come questi ragazzi!

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...