logo
Stai leggendo: Galateo matrimonio: le regole da non sottovalutare per una cerimonia perfetta!

Galateo matrimonio: le regole da non sottovalutare per una cerimonia perfetta!

Scelta dell’abito, partecipazioni, regali… durante i preparativi per il giorno perfetto degli sposi è possibile che sorga qualche dubbio in merito alle regole di galateo del matrimonio. Nonostante molte formalità siano ormai superate, è bene conoscere alcune delle norme di comportamento legate a questa importante cerimonia per evitare brutte figure e momenti di imbarazzo in un giorno così speciale e unico sia per i protagonisti, che per gli invitati. Di seguito, alcune delle regole del bon ton (dettate soprattutto da educazione e buon senso) che non passano mai di moda!
Galateo del matrimonio: regole per una cerimonia perfetta
Fonte: Web

Pronte per l’abito bianco? Se siete alle prese con i preparativi del vostro giorno perfetto non potete non conoscere alcune delle regole più importanti del galateo sul matrimonio.

Lo stesso discorso vale per gli invitati: per fare un’ottima figura sarà sufficiente rispettare alcune piccole regolette di bon ton che riguardano inviti, regali, abbigliamento, puntualità. Vediamo insieme quali sono.

1. Galateo matrimonio religioso: ma quando arriva la sposa?!

Matrimonio religioso: regole di galateo
Fonte: Brides.com/fionasweddingphotography.co.uk

Partiamo da alcune regole base del galateo del matrimonio. Iniziamo da quello che deve (e soprattutto non deve!) accadere prima, durante e dopo la cerimonia sacra in Chiesa.

Puntualità. Gli sposi devono arrivare puntuali. In particolare, lo sposo dovrebbe arrivare con un largo anticipo, fermarsi sul sagrato della Chiesa, ed entrare solo qualche minuto prima dell’ora prevista, accompagnato dalla madre. Dopo lo sposo entrano, invece, i testimoni.

Anche i paggetti e le damigelle dovrebbero arrivare in anticipo e aspettare la sposa sul sagrato. La sposa può arrivare con qualche minuto di ritardo – come vuole la tradizione – ma mai oltre i dieci! Questo lieve ritardo, infatti, oltre a creare la giusta suspense, consentirà alla sposa di essere sicura che tutti gli invitati siano già dentro la Chiesa e di fare così il suo ingresso in grande stile.

Applausi: assolutamente vietati durante lo scambio degli anelli. Il gesto, infatti, sminuirebbe la sacralità del momento.

La musica: la scelta della musica deve essere dettata dal periodo liturgico nel quale viene celebrato il matrimonio e alle diverse parti della liturgia. Se è previsto un cantante solista questo non dovrebbe esibirsi durante la cerimonia ma solo al termine.

Addobbi: in Chiesa l’addobbo deve essere sobrio e i fiori vanno lasciati in Chiesa alla fine della cerimonia come offerta.

Lancio del riso: il riso va lanciato solo fuori dalla Chiesa e generalmente ci si deve accordare con il Parroco per evitare antipatiche discussioni il giorno del matrimonio.

2. Inviti al matrimonio: partecipazione in arrivo!

Galateo matrimonio: inviti e partecipazioni
Fonte: Web

La partecipazione di nozze è il vero biglietto da visita di un matrimonio. Da essa, infatti, si evince lo stile, il grado di formalità, e molte altre informazioni relative alla cerimonia e al ricevimento. Vediamo alcune delle regole previste dal galateo per questa importante formalità.

  • L’annuncio: per annunciare il matrimonio esistono formule diverse. La più tradizionale prevede che siano i genitori ad annunciare il matrimonio dei figli. Una formula che sta cadendo in disuso, in luogo di quella meno formale in cui sono i futuri sposi, in prima persona, ad annunciare le proprie nozze. D’obbligo la gentile richiesta di conferma che può essere inserita al fondo della partecipazione con l’elegante sigla R. S. V. P. (dal francese, répondez s’il vous plaît). Le partecipazioni vanno spedite circa tre mesi prima la data del matrimonio, oppure consegnate a mano dagli sposi.
  • I nomi sulla busta. I nomi sulle buste devono essere scritti a mano, in bella calligrafia. Sono vietati i “titoli” davanti al nome degli invitati, a meno che non si tratti di appartenenti all’Arma o al Clero, mentre è d’obbligo precedere i nomi con la formula Gent.mo, Gent.ma o Gent.mi. Se si vuole invitare una famiglia con figli sarà sufficiente indicare “Famiglia x”. Se i figli non vivono più con i genitori, invece, sarà necessaria una partecipazione a parte. Nel caso di una coppia sposata senza figli, si dovrà scrivere: “Mario Rossi e Signora” oppure “Mario e Maria Rossi”.
  • Biglietti di ringraziamento: obbligatorio – secondo le regole del galateo – inviare i biglietti di ringraziamento dopo il matrimonio ad amici e parenti. Il biglietto va scritto a mano e personalizzato, facendo riferimento al regalo ricevuto o, nel caso di denaro, al modo in cui è stato speso.

3. Regalo secondo il galateo matrimonio? La regola d’oro è “assecondare gli sposi”

Galateo matrimonio: i regali
Fonte: Web

Il regalo di nozze va scelto in base al desiderio degli sposi. Nel caso in cui sia stata realizzata una lista nozze o una “lista viaggio” non è educato eluderla e comprare un oggetto fuori lista. Vale sempre, invece, la classica “busta”. Il regalo va consegnato sempre qualche giorno prima del matrimonio personalmente, oppure, tramite il negozio accompagnato da biglietto d’auguri.

4. Invito a nozze? Ecco alcune regole del galateo da seguire assolutamente!

Galateo matrimonio: regole per gli invitati
Fonte: Pinterest

Gli invitati a un matrimonio sono tenuti – secondo le regole del bon ton – a osservare tutta una serie di regole per evitare brutte figure. Abbiamo parlato della scelta del regalo, ora vediamo insieme cosa detta il galateo in merito a partecipazioni, abbigliamento e norme di comportamento:

  • Partecipazione: quando si riceve la partecipazione di nozze è buona educazione (nonché regola del bon ton) ringraziare gli sposi (basta una telefonata) e fare le proprie congratulazioni per il grande passo. In quest’occasione dovreste anche informarvi discretamente sui desideri dei futuri sposi in merito al regalo di nozze e confermare o meno la vostra presenza.
  • La scelta dell’abito: di bianco, si veste solo la sposa. Da escludere assolutamente il “total black” il rosso fuoco e il viola, soprattutto se la cerimonia si svolge di mattina.
  • Ingresso in Chiesa o sala del rito civile: sia in Chiesa che in Comune, gli invitati devono aspettare l’arrivo della sposa all’interno del luogo dove si terranno le nozze e trovarsi già al loro posto. Cercate di essere puntuali e arrivare almeno 20 minuti prima della cerimonia. Gli invitati da parte della sposa occupano i posti a sinistra e quelli dello sposo a destra. I posti nelle prime file sono riservati ai genitori o parenti più prossimi.
  • Fine della festa: Solitamente, non si dovrebbe lasciare la festa prima del taglio della torta! Attenzione a non esagerare con gli scherzi di matrimonio.

5. … e le regole di galateo del matrimonio civile?

Galateo matrimonio civile
Fonte: Web

Anche se hai scelto il matrimonio civile devi sapere che esistono alcune regole di galateo da rispettare. L’abito bianco non è assolutamente vietato, tuttavia il velo e lo strascico molto lungo sono prerogativa del matrimonio in Chiesa. La sposa entrerà nella sala prescelta al braccio sinistro del padre con il bouquet tra le mani e ad attenderla vi sarà lo sposo in piedi accanto al tavolo dove l’autorità preposta celebrerà il matrimonio.

Alla fine del rito, gli sposi lasciano la sala comunale al suono (se lo desiderano) della marcia nuziale e sotto il tradizionale lancio del riso.

Rating: 5.0/5. Su un totale di 1 voto.
Attendere prego...