diredonna network
logo
Stai leggendo: Larghe come un foglio di carta: l’A4 waist challenge continua. Con qualche eccezione…

Come funziona la pianta mangiafumo?

"Nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia": la forza dell'amore di quest'uomo

L'uomo affida messaggi d'amore in bottiglia al mare: va a finire così

Shannen Doherty, selfie con i capelli: "Mi sento di nuovo donna"

Greta e Marta, da "coppia d'oro" dello sport alle molestie fino all'accusa di stalking

Dimmi come porti la borsa e ti dirò chi sei

Oroscopo dal 17 al 23 agosto - Come sopravvivere alle stelle

Selenza Gomez: "Ero rotta dentro. Ecco come la terapia ha cambiato la mia vita"

J-Ax intervista Fedez: "Ho provato tutte le droghe, tranne l'eroina"

Quando Reeva scrisse a Pistorius: "A volte mi fai paura" e quelle parole di lui

Larghe come un foglio di carta: l'A4 waist challenge continua. Con qualche eccezione...

Una nuova moda arrivata dall'Oriente sta spopolando sui social network e ha già scatenato mille polemiche: l'A4 waist challenge, ovvero la sfida del foglio A4. Quest'ultimo è diventato difatti un inconsapevole promotore di un nuovo canone di bellezza, avendo una larghezza che, a quanto pare, risulta l'ideale per il ventre perfetto. Spopolano così le foto di ragazzine che orgogliose nascondono i propri fianchi dietro al foglio bianco.
Essere spesse come un foglio di carta: l’A4 waist challenge
Fonte: Instagram

Aggiornamento del 3 marzo 2017

Un anno dopo il nostro articolo e la nascita dell’assurda e insana tendenza virale di fotografarsi per dimostrare che la propria vita sta all’interno di un foglio A4, siamo tornate a vedere cosa succede sui social all’hashtag#A4waist.

A parte il fatto che, stando almeno ai numeri dell’hashtag, sembra che non sia diventata esattamente così virale (per fortuna!), ovviamente continuano a esserci persone che misurano la loro forma fisica e bellezza con un foglio A4.

Ma a consolarci e divertirci sono state queste #A4waist challenge:

Yo no hago esto, básicamente nunca, pero tampoco me da miedo decir lo que pienso en la mayoría de cosas. Esto es "un juego"? Es "solo un reto"? Si mi cintura cabe en un papel, estoy bien. ¿Y si no? Pasó días sin comer? Me odio? Porque eso de aguantar hambre no es lo mío. Y tampoco debería de ser una opción para nadie. Recuerden que el internet es manipulable, y cada quien muestra lo que quiere, si a alguien le cabe en el la cintura papel, la monta con el hasthtag, y si no? No la sube, probablemente crítica la tendencia y además se tortura pensando si en realidad es cierto que tiene que adelgazar. ¡Por no caber en un papel! Esto es ridículo, lo único que van a lograr es más desórdenes alimenticios de los que ya hay. Veinticuatro millones de personas en Estados Unidos sufren de algún trastorno de la alimentación, además 1 de cada 5 MUJERES luchan contra uno. La anorexia y la bulimia tienen la mayor cifra de mortalidad, que cualquier otra enfermedad mental. 20% de las personas que sufren de anorexia MUEREN. 95% de las personas con trastornos alimenticios tienen entre 12 y 25 años. Más de la mitad de pre-adolescentes dicen sentirse gordas. 69 PORCIENTO DE NIÑAS DE QUNITO GRADO INFORMARON QUE QUIEREN BAJAR DE PESO A CAUSA DE FOTOS. Y aún así queremos hacer esto? No es suficiente? Esto es enfermizo! La mayoría de personas con trastornos alimenticios están en que edades? 12-25? Que tienen en común? Son muy influenciados por las redes sociales, tendencias, modelos y revistas. Y además queremos que quepan en un PAPEL? Paremos ya esto! Tú no vales la anchura de tú cintura. Eres hermosa tal como eres, ámate! No busques aprobación en otras personas! Y menos en un papel. #a4 #a4waist #a4challenge ❤️🍴

Un post condiviso da A Brilliant Madness⭐️ (@valentinavarror) in data:

C’è ancora luce in fondo al tunnel dell’ignoranza social!

Articolo originale del 18 marzo 2016

Una nuova moda, o per meglio dire challenge, sta facendo parlare di sé. Arriva dalla Cina, ma la diffusione virale nell’Occidente è imminente. Si tratta dell’A4 waist challenge, ovvero la sfida del foglio A4, che ha iniziato a diffondersi con il relativo hashtag #A4waist. Il foglio A4 corrisponde a una misura standard che noi tutti ben conosciamo, in quanto la più diffusa nelle case e negli uffici e corrisponde ai canonici 21 x 29,7 centimetri. In questo caso, però, l’aspetto pratico e usuale del foglio c’entra ben poco, in quanto nulla viene scritto sulla carta bianca.

L’A4 è infatti stato preso a modello dalle giovani ragazze asiatiche come misura perfetta per la propria vita, che quindi non deve apparire più larga di 21 centimetri. La sfida consiste nel dimostrare attraverso un selfie che non un singolo millimetro di pelle s’intravede al di là del foglio posizionato di fronte alla propria pancia. Seppure le ragazze cinesi siano in qualche modo facilitate da una costituzione minuta, questa nuova moda ci appare comunque l’ennesimo trend che spinge le giovani donne a seguire canoni di bellezza che non dovrebbero essere tali.
A chi potrebbe pensare che l’A4 waist challenge in realtà è un modo virale per promuovere uno stile di vita sano, che non porti all’obesità, o semplicemente a essere sovrappeso, vorremmo ricordare che essere “spesse come un foglio di carta” non significa neanche lontanamente avere un fisico sano.

Tutto ciò, lo confessiamo, ci rende parecchio amareggiate, perché se da un lato vediamo il diffondersi di campagne rivolte alla distruzione di alcuni modelli di bellezza troppo esagerati, come le critiche più accese alla palese anoressia di certe modelle e il parallelo successo di quelle “curvy”, dall’altro ci rendiamo conto che le giovani donne sono ancora fortemente influenzate da canoni che pongono la perfezione al di là di limiti che non dovrebbero essere valicati. Il che le spinge a inseguire traguardi folli, o al contrario a sentirsi inadeguate, al punto magari di “imbrogliare”, ponendo il fantomatico foglio distante dal proprio ventre, così da ottenere un effetto puramente ottico della magrezza desiderata, il che rende il tutto ancora più triste.

Essere spesse come un foglio di carta: l’A4 waist challenge
Fonte: Instagram

Anche noi siamo state ragazzine e sappiamo bene come l’insicurezza relativa al proprio aspetto fisico fosse una costante delle paranoie che ci affliggevano. Ecco perché non è salutare alimentarle con stupide campagne che fanno solamente sentire soddisfatte alcune donne e inadatte altre, per motivi che non dovrebbero in alcun modo essere causa di delusioni o appagamenti. Perché la propria soddisfazione, anche per quanto riguarda l’aspetto fisico, deve riguardare solo se stesse e nessun altro, tanto meno un foglio di carta.

Per fortuna, il web, se da un lato ha la colpa di essere il fautore di certe pessime idee, dall’altro ha anche il merito di favorire le reazioni contrarie. Così, appena la moda dell’A4 waist challenge ha iniziato a diffondersi, immediate risposte critiche hanno iniziato a concretizzarsi in scatti ironici che vedono ragazze mostrare orgogliose i proprio fianchi o altre, geniali, che si nascondono dietro fogli ben più grandi di un A4.

Essere spesse come un foglio di carta: l’A4 waist challenge
Fonte: Instagram