diredonna network
logo
Stai leggendo: Rita Mattos: per i Social è Troppo Sexy per Fare la Netturbina

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Cosa rivela la forma del tuo piede su di te

Ecco perché migliaia di ovetti sorpresa sono naufragati su questa spiaggia tedesca

Grazia per Jacqueline, la donna che uccise il marito che la picchiava e violentava le figlie

Grey's Anatomy: nuove stagioni già in programma?

Quando (e dove) ci dà fastidio essere toccati: le zone off-limits del nostro corpo

La magia de l'Incantevole Creamy torna in tv: ecco quando e dove

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno. Ecco perché... è una bufala

Lui la dà alla fiamme. Lei lo difende dalla D'Urso. Momento di TV shock

Rita Mattos: per i Social è Troppo Sexy per Fare la Netturbina

Morale della storia: per fare la netturbina non bisogna essere troppo sexy! Oppure: se sei bella ma non sai come farti notare vai a fare la netturbina: i social ti aiuteranno a trovare lavoro come modella.
RIta Mattos, netturbina sexy

Questo è quel genere di notizie che quando le leggi o ti in… digni o ti metti a ridere! Oggi va per la seconda.
Rita Mattos è una 23 enne brasiliana che fa la netturbina e che il magico mondo della Rete ha trasformato in poco tempo in una star dei social, secondo quella strana e misteriosa logica virale per cui, nel bene o nel male, oggi rischi di postare una foto e vedertela rimbalzare nei quattro angoli del pianeta. Mistero del web a parte, il popolo social, inchinato di fronte alle forme della brasiliana, quando l’ha vista in tuta arancione ha detto no: la ragazza è troppo sexy per fare l’operatrice ecologica, per dirla in linguaggio politically correct.

Cosa ne pensa la diretta interessata? Si dice orgogliosa del suo lavoro, che è molto duro ma che la prepara meglio di un personal trainer alla prova costume che, per lei, pare una ragione di vita: “La prova costume è tutto per me, sono davvero felice quando mi stendo sulla sabbia in bikini”.
E, sebbene sia un lavoro che, come dice lei, ama e la diverte, sarebbe maleducazione non ascoltare il volere popolare, soprattutto quando, come in questo caso, si esprime su scala mondiale e che la vuole quanto meno modella e, quindi, la fanciulla ci sta seriamente pensando.
Che poi, dalle torto. Mica capita tutti i giorni di trovarti con una bomba social tra le mani che potrebbe fruttare ben più dei 400 dollari che guadagni al mese, a suon di ramazzate, sudore e sveglie alle 4.20 del mattino. Anzi, in bocca al lupo a Rita Mattos, la netturbina sexy che presto potrebbe diventare modella (pare siano già arrivate alcune proposte in merito che la ragazza sta valutando).

A far ridere è la morale della storia che, però, non è chiaro quale sia tra le due.
Morale 1: Buone notizie per le comuni mortali! Se sei molto bella non puoi fare lavori considerati umili come la netturbina. Non si può, non è moralmente accettabile: il web non vuole. Il che, per noi donne normali, può non essere un male: vuoi mettere quante concorrenti in meno in fase di ricerca di lavoro? E noi che abbiamo sempre pensato di essere penalizzate rispetto a certe sventolone 90-60-90!

Morale 2: Buone notizie per le belle! Se sei bella e vuoi farti notare corri a fare la netturbina o un lavoro considerato, parliamo sempre dal popolo della Rete, indegno per la tua bellezza. Sarà il popolo sovrano del web a regalarti i riflettori e cercare lavoro per te.

Eccoci qui. Adesso sappiamo che ci sono lavori solo per belli (questo in realtà lo sapevamo già: mai mandato un cv per partecipare a una selezione di veline!) e lavori che i belli non possono fare (questo, diciamocelo, come dato ci mancava).
Il curriculum, le esperienze professionali, i titoli di studio? Roba vecchia. Benvenute nell’epoca dei social!