diredonna network
logo
Stai leggendo: I Più Intelligenti Amano la Solitudine: Ecco Perché

Alessandra Martines: se l'amore non ha età la maternità neppure

L'amore per Mariangela Melato: "Ci siamo amati per tutta una vita, anche da lontano"

Nicole Kidman e quelle parole sull'abuso domestico

Chester Bennington, il messaggio del figlio 15enne sul suicidio

Jada Pinkett Smith su Tupac: "Mi manca tanto e ho un grande rimpianto"

Simboli lavaggio: come interpretare al meglio le etichette sui vestiti

I papà morirono l'11 settembre: "Abbiamo ricostruito il nostro cuore insieme "

"Sono diventata mora, ho tolto tacchi e lenti: così ho fatto carriera"

The Handmaid's Tale: Alexis Bledel racconta le schiave sessuali del futuro

I tatuaggi non bastano mai? Prova quelli... profumati

I Più Intelligenti Amano la Solitudine: Ecco Perché

Solitari e Introversi. Le persone meno capite dagli altri in realtà sono le più intelligenti, lo dicono diversi studi dell'università della Florida.
(foto: Web)
(foto: Web)

Sembra uno stereotipo senza fondamenta, eppure anche la scienza conferma che le menti più brillanti preferiscono la solitudine.
Fin da bambino, chi ha un’intelligenza sopra la media è portato a star spesso solo perché la mente è cresciuta troppo in fretta e si ritengono infantili i ragionamenti dei coetanei.
Di sicuro stare soli non è sempre semplice.
Soli come single, soli come lontani dalla vita sociale.

La scienza ha effettuato diversi studi in ambito psicologico e sociologico e tutti i risultati evidenziano un dato di fatto, ovvero che coloro che hanno un alto livello di intelligenza finiscono sempre a condurre una vita in solitudine e la affrontano molto più facilmente delle altre persone.
La solitudine poi aumenta la creatività ed è un percorso naturale per le menti brillanti.
Attraverso la solitudine l’ingegno riesce a vedere il modo esterno in modo distaccato e raggiunge ottimi risultati senza perdersi nella socializzazione.

Secondo una scoperta di Anders Ericsson, professore di psicologia presso la Florida State University, emerge l’importanza di un gene fondamentale per essere geni, quello dell’essere introversi.
Siete d’accordo?!