diredonna network
logo
Stai leggendo: Addio a Rosetta, La Nonnina Simbolo di Uomini e Donne Over

10 motivi per cui ci rifiutiamo di guardare Temptation Island

Operazione nostalgia: "Hilary, armoniosa Hilary" torna in TV

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Il topless di Kate Middleton: è ancora polemica

Will & Grace: ecco il promo che anticipa la nuova serie!

David Bechkam si difende dalle critiche per il bacio sulle labbra alla figlia

Magalli compie 70 anni, ma non diteglielo e non parlategli di pensione,"streghe rompipalle"

"Ci siamo conosciuti su un'app di incontri ed è successo l'imprevedibile"

Michelle e Aurora: 20 anni di tenerezze e complicità tra mamma e figlia

Carrie Bradshaw mood: su Amazon arriva la nuova linea di scarpe di Sarah Jessica Parker

Addio a Rosetta, La Nonnina Simbolo di Uomini e Donne Over

È morta Rosetta, la nonnina più simpatica della Tv. A darne il triste annuncio Maria De Filippi e tutta la redazione di Uomini e Donne Over.
(foto: Web)
(foto: Web)

È morta Rosetta, la nonnina simbolo di Uomini e Donne nel trono Over.
Bresciana, Rosetta aveva più di 90 anni e da qualche tempo si era assentata dal suo ruolo televisivo per problemi di salute.

Nel 2011, dopo un suo periodo di convalescenza per curare attacchi di tosse e asma, ritornò in lacrime dicendo “Non sono mica morta”.

È la pagina ufficiale della trasmissione televisiva più seguita di Maria De Filippi a dare il messaggio con un saluto semplice ma sentito da tutta la redazione e dalla stessa Maria, che era molto affezionata alla donna.
Una sua “scoperta”, da una puntata di “C’è posta per te”, con la quale aveva instaurato un legame molto profondo.

Rosetta aveva, inoltre, un debole per Maurizio Costanzo e su questo la trasmissione ha costruito degli irresistibili siparietti.

Rosetta sgridava spesso Maria De Filippi, proprio come una mamma o una nonna.

(foto: Web)
(foto: Web)

La sua presenza non passava inosservata: simpatica, ironica, con look molto buffi.

Un po’ la nonnina di tutti noi telespettatori.