diredonna network
logo
Stai leggendo: Addio a Rosetta, La Nonnina Simbolo di Uomini e Donne Over

I tweet scioccanti dell'ex ragazzo della terza C

Grey's Anatomy: nuove stagioni già in programma?

La magia de l'Incantevole Creamy torna in tv: ecco quando e dove

Tiziano Ferro: ecco come vedere l'anteprima RAI del video de "Il conforto" se sei fuori casa

Lola Kirke, la risposta dell'attrice agli insulti per quei peli sotto le ascelle sul red carpet

Siamo fatti così: torna in tv il cartone che racconta il corpo umano. Ecco quando e dove

A chi interessa se Tiziano Ferro ha un fidanzato e con chi vuole un figlio

Programmazione TV natalizia: tutti i film da guardare durante le feste

Perché la morte del Dottor Shepherd ha salvato la vita di Patrick Dempsey

7 motivi per cui Happn è la migliore app di incontri nella vita reale

Addio a Rosetta, La Nonnina Simbolo di Uomini e Donne Over

È morta Rosetta, la nonnina più simpatica della Tv. A darne il triste annuncio Maria De Filippi e tutta la redazione di Uomini e Donne Over.
(foto: Web)

È morta Rosetta, la nonnina simbolo di Uomini e Donne nel trono Over.
Bresciana, Rosetta aveva più di 90 anni e da qualche tempo si era assentata dal suo ruolo televisivo per problemi di salute.

Nel 2011, dopo un suo periodo di convalescenza per curare attacchi di tosse e asma, ritornò in lacrime dicendo “Non sono mica morta”.

È la pagina ufficiale della trasmissione televisiva più seguita di Maria De Filippi a dare il messaggio con un saluto semplice ma sentito da tutta la redazione e dalla stessa Maria, che era molto affezionata alla donna.
Una sua “scoperta”, da una puntata di “C’è posta per te”, con la quale aveva instaurato un legame molto profondo.

Rosetta aveva, inoltre, un debole per Maurizio Costanzo e su questo la trasmissione ha costruito degli irresistibili siparietti.

Rosetta sgridava spesso Maria De Filippi, proprio come una mamma o una nonna.

(foto: Web)

La sua presenza non passava inosservata: simpatica, ironica, con look molto buffi.

Un po’ la nonnina di tutti noi telespettatori.