diredonna network
logo
Stai leggendo: Addio a Rosetta, La Nonnina Simbolo di Uomini e Donne Over

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Seconda "social baby" in arrivo. Mark Zuckerberg: "Speravo tanto fosse femmina"

Una mamma per amica: dopo quel "Sono incinta" nuovo revival in arrivo?

Grey's Anatomy, 13esima stagione: finalmente le nuove puntate! Da dove si riparte

La scienza ha definito il numero massimo di ore lavoro al giorno per essere produttivi

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

H&M primavera/estate 2017: scoprite con noi la nuova collezione!

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

Addio a Rosetta, La Nonnina Simbolo di Uomini e Donne Over

È morta Rosetta, la nonnina più simpatica della Tv. A darne il triste annuncio Maria De Filippi e tutta la redazione di Uomini e Donne Over.
(foto: Web)

È morta Rosetta, la nonnina simbolo di Uomini e Donne nel trono Over.
Bresciana, Rosetta aveva più di 90 anni e da qualche tempo si era assentata dal suo ruolo televisivo per problemi di salute.

Nel 2011, dopo un suo periodo di convalescenza per curare attacchi di tosse e asma, ritornò in lacrime dicendo “Non sono mica morta”.

È la pagina ufficiale della trasmissione televisiva più seguita di Maria De Filippi a dare il messaggio con un saluto semplice ma sentito da tutta la redazione e dalla stessa Maria, che era molto affezionata alla donna.
Una sua “scoperta”, da una puntata di “C’è posta per te”, con la quale aveva instaurato un legame molto profondo.

Rosetta aveva, inoltre, un debole per Maurizio Costanzo e su questo la trasmissione ha costruito degli irresistibili siparietti.

Rosetta sgridava spesso Maria De Filippi, proprio come una mamma o una nonna.

(foto: Web)

La sua presenza non passava inosservata: simpatica, ironica, con look molto buffi.

Un po’ la nonnina di tutti noi telespettatori.