diredonna network
logo
Stai leggendo: Saldi Anticipati: Ecco tutte Le Date Regione per Regione

Saldi 2017, 6 total look per l'estate a prezzi mini

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Abusata per almeno 600 volte dai 13 anni dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Quella rabbia al volante che uccide sempre più spesso

Saldi Anticipati: Ecco tutte Le Date Regione per Regione

Stanno arrivando i Saldi: Ecco regione per regione quando inizieranno e quanto dureranno!
(foto: Web)
(foto: Web)

I saldi invernali arriveranno in anticipo, e noi, non possiamo che esserne contente.

Le Regioni hanno infatti deciso di anticipare i saldi a sabato 3 gennaio in alcune regioni, e poco dopo in tutte le altre.
Ad annunciarlo il presidente della Conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino. Una decisione presa dopo una consultazione tra i governatori che si sono trovati tutti d’accordo.

“Vogliamo permettere, dato il periodo, a consumatori e negozianti, di usare anche il week-end”

Lo shopping di Natale è infatti fermo e le vendite stanno andando male.

Confinprese ha accolto con favore la decisione della Conferenza delle Regioni:

“L’anticipo della data in modo da far coincidere l’avvio dei saldi invernali con l’inizio dell’ultimo week end delle festività natalizie, oltre ad avere un impatto positivo sul fatturato degli operatori retail, potrebbe avere innegabili vantaggi ai consumatori, consentendo loro di avere più tempo per valutare ed effettuare gli acquisti“.

ha dichiarato il presidente Mario Resca.

Ecco tutte le date, regione per regione:

Abruzzo: 5 gennaio per 60 giorni

– Basilicata: 2 gennaio – 2 marzo

– Calabria: 5 gennaio per 60 giorni

– Campania: 2 gennaio – 31 marzo

– Emilia Romagna: 5 gennaio – 5 marzo

– Friuli Venezia Giulia: 5 gennaio – 31 marzo

– Lazio: 5 gennaio – 15 febbraio

– Liguria: 5 gennaio – 18 febbraio

– Lombardia: 3 gennaio per 60 giorni

– Marche: 5 gennaio – 1 marzo

– Molise: 5 gennaio – 5 marzo

– Piemonte: 5 gennaio e per 8 settimane (fino al 28 febbraio)

– Puglia: 5 gennaio – 28 febbraio

– Sardegna: 5 gennaio – 5 marzo

– Sicilia: 5 gennaio – 15 marzo

– Toscana: 5 gennaio e per 60 giorni (5 marzo)

– Umbria: 5 gennaio e per 60 giorni

– Valle d’Aosta: 5 gennaio – 31 marzo

– Veneto: 5 gennaio – 28 febbraio

– Provincia di Bolzano: 5 gennaio – 16 febbraio

– Provincia di Trento: 60 giorni nel corso dell’anno