diredonna network
logo
Stai leggendo: Saldi Anticipati: Ecco tutte Le Date Regione per Regione

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Gessica, sfigurata dall'acido: "La strada è lunga, ma tengo duro". Il video messaggio su Facebook

Figli che uccidono i genitori: 7 casi shock

Saldi Anticipati: Ecco tutte Le Date Regione per Regione

Stanno arrivando i Saldi: Ecco regione per regione quando inizieranno e quanto dureranno!
(foto: Web)

I saldi invernali arriveranno in anticipo, e noi, non possiamo che esserne contente.

Le Regioni hanno infatti deciso di anticipare i saldi a sabato 3 gennaio in alcune regioni, e poco dopo in tutte le altre.
Ad annunciarlo il presidente della Conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino. Una decisione presa dopo una consultazione tra i governatori che si sono trovati tutti d’accordo.

“Vogliamo permettere, dato il periodo, a consumatori e negozianti, di usare anche il week-end”

Lo shopping di Natale è infatti fermo e le vendite stanno andando male.

Confinprese ha accolto con favore la decisione della Conferenza delle Regioni:

“L’anticipo della data in modo da far coincidere l’avvio dei saldi invernali con l’inizio dell’ultimo week end delle festività natalizie, oltre ad avere un impatto positivo sul fatturato degli operatori retail, potrebbe avere innegabili vantaggi ai consumatori, consentendo loro di avere più tempo per valutare ed effettuare gli acquisti“.

ha dichiarato il presidente Mario Resca.

Ecco tutte le date, regione per regione:

Abruzzo: 5 gennaio per 60 giorni

– Basilicata: 2 gennaio – 2 marzo

– Calabria: 5 gennaio per 60 giorni

– Campania: 2 gennaio – 31 marzo

– Emilia Romagna: 5 gennaio – 5 marzo

– Friuli Venezia Giulia: 5 gennaio – 31 marzo

– Lazio: 5 gennaio – 15 febbraio

– Liguria: 5 gennaio – 18 febbraio

– Lombardia: 3 gennaio per 60 giorni

– Marche: 5 gennaio – 1 marzo

– Molise: 5 gennaio – 5 marzo

– Piemonte: 5 gennaio e per 8 settimane (fino al 28 febbraio)

– Puglia: 5 gennaio – 28 febbraio

– Sardegna: 5 gennaio – 5 marzo

– Sicilia: 5 gennaio – 15 marzo

– Toscana: 5 gennaio e per 60 giorni (5 marzo)

– Umbria: 5 gennaio e per 60 giorni

– Valle d’Aosta: 5 gennaio – 31 marzo

– Veneto: 5 gennaio – 28 febbraio

– Provincia di Bolzano: 5 gennaio – 16 febbraio

– Provincia di Trento: 60 giorni nel corso dell’anno