diredonna network
logo
Stai leggendo: Crisi: dipendente disperata ruba dalla cassa, il titolare le dà un aumento

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Crisi: dipendente disperata ruba dalla cassa, il titolare le dà un aumento

Una vicenda particolare che mostra il buon cuore di un titolare davanti ad una sua dipendente disperata per colpa della crisi.
(foto:Web)

Ogni tanto qualche storia a lieto fine, nonostante la crisi.
Ad Arezzo, in un negozio di scarpe, da settimane il titolare nota degli ammanchi nella casa. Inizialmente ignora il problema, credendo sia semplicemente qualche sbaglio di resto, ma quando, in 4 mesi, nota che sono spariti ben 1500 euro, decide di indagare.
L’uomo si affida ad una società investigativa e scopre che una delle due dipendenti sottrae 50 euro dalla cassa, di tanto in tanto.
La donna si reca sempre in banca a depositare il denaro rubato.
Un giorno il titolare l’attende davanti al negozio e lei scoppia a piangere: in borsa ha 200 euro rubati.
La donna non nega l’evidenza e ammette tutti i piccoli furti, giustificandosi, in lacrime. Decide quindi di raccontare la sua situazione economica particolare al titolare, sottolineando come la crisi abbia colpito lei e la famiglia dopo che il marito ha perso il lavoro.

Il titolare, e questa è la vera notizia, invece di licenziarla, dopo essersi fatto restituire la somma rubata, ha deciso di donarle un aumento di 150 euro al mese.

Un atto di meravigliosa comprensione.