diredonna network
logo
Stai leggendo: 5 foto che nascondo dei segreti sorprendenti

5 foto che nascondo dei segreti sorprendenti

5 fotografie storiche che nascondo segreti da brivido.
(foto:Web)
(foto:Web)

Ci sono alcune fotografie che sono state scattate nel momento perfetto. Fotografie che fanno credere nell’amore. Fotografie dai colori incredibili. Fotografie … che blablablabla.
Esistono anche fotografie che nascondono dei grandi segreti, segreti storici e politici, che quando vengono a galla rendono ancor più prezioso lo scatto. Ve ne mostriamo 5 e vi assicuriamo che la curiosità sarà sempre più forte…

>>> 5 foto che nascondo dei segreti sorprendenti

(foto:Web)
(foto:Web)

Questa fotografia risale al 2 agosto 1914. All’interno di quest’immagine c’è un anonimo ometto con i baffi che ha fatto storia.

(foto:Web)
(foto:Web)

È un giovane Adolf Hitler, all’epoca 26enne, che partecipa con grande gaudio alla catastrofe dell’Europa e della Germania.
Vent’anni dopo ne sarà protagonista. La foto è stata scattata da Heinrich Hoffmann, divenuto poi il fotografo personale del Furer.

(foto:Web)
(foto:Web)

Due ragazzi in un parco. Nulla di particolare. Provate però a guardare bene questa fotografia e vi accorgerete di alcuni dettagli terribili. Sullo sfondo si vedono carri armati.
E ti accorgi quindi che i due ragazzi non stanno correndo per gioco, ma per salvarsi la pelle.

(foto:Web)
(foto:Web)

Il secondo dettaglio è ancora più significativo: osserva in alto a sinistra, c’è un uomo solitario che cammina tra gli alberi con due buste della spesa.

(foto:Web)
(foto:Web)

Siamo in piazza Tienanmen ed è il 1989, quando il corrispondente della Reuters Terril Jones decide di azionare la propria reflex. Giusto qualche secondo prima che fosse scattata questa celebre fotografia.

(foto:Web)
(foto:Web)

(foto:Web)
(foto:Web)

In questa normalissima foto di classe si nasconde un dittatore pluriomicida e sanguinario.

Kim Jong Un , l’attuale “Caro Leader” della Corea del Nord il cui governo è da decenni accusato, con prove più o meno fondate, di crimini contro l’umanità. Il giovane Kim ha studiato in Svizzera al Berna Internarional Institute, dal 1996 al 2001.

(foto:Web)
(foto:Web)
(foto:Web)
(foto:Web)

I compagni di classe non sono mai stati a conoscenza della sua vera identità.

(foto:Web)
(foto:Web)

All’inizio del 19° secolo, agli albori della fotografia, riuscire a catturare un’immagine non era impresa semplice: i tempi di esposizione erano così lunghi da poter richiedere ore intere, ed era necessaria una gran quantità di luce perché la foto fosse visibile. Per i primi anni fu dunque impossibile fotografare il genere umano.
La foto in alto risale al 1838 ed è un perfetto esempio di tutto questo, se non per un particolare dettaglio.

(foto:Web)
(foto:Web)

L’immagine è stata scattata da Louis Daguerre e sicuramente non pensava che questa sua fotografia avrebbe guadagnato notorietà 170 anni dopo. Ecco a voi il primo uomo mai apparso in fotografia.

(foto:Web)
(foto:Web)

Essere ribelli nella Germania Nazista. Una fotografia scattata in occasione del varo di una nave dell’esercito tedesco nel 1936, nel corso di una cerimonia che ha visto la partecipazione di Adolf Hitler in persona. Tutti i presenti mostrano il proprio sostegno inestinguibile per Der Fuhrer. O meglio “Quasi tutti!”.

(foto:Web)
(foto:Web)

Un ragazzo infatti è in piedi in mezzo alla folla a braccia conserte, rifiutandosi di esprimere sostegno alla Germania nazista.
Il suo nome era Augusto Landmesser , e non molto tempo dopo lo scatto di questa foto, fu arrestato per aver tentato di sposare una donna ebrea, cosa al tempo illegale.
Purtroppo ne il coraggioso Landmesser né la sua “tentata moglie” sono sopravvissuti alla guerra. Ma le loro due figlie ci riuscirono e nel 1991 una di loro ha riconosciuto suo padre in questa foto e cominciato a condividere la sua faccia tosta con il mondo intero.